Blog per agenzie e freelance - ecco come funziona il networking

Michael Firnkes Ultimo aggiornamento 22.10.2020
12 Min.
Barcamp Blogger
Ultimo aggiornamento 22.10.2020

Il sito web di un'agenzia dovrebbe includere un blog o una rivista. Dopo tutto, i potenziali clienti vogliono sapere se il fornitore di servizi è un maestro del suo mestiere. Pochi strumenti nel marketing online sono efficaci come un blog - dice Daniela Sprung , esperto di blog aziendali.

I blog per le agenzie, così come le riviste, pagano sul proprio SEO, cosa che difficilmente accade con i social network. Ciononostante, molte agenzie e freelance evitano di dimostrare la loro competenza attraverso un blog. Cosa bisogna considerare quando si inizia un progetto di blog? Come si fa a creare buoni contenuti con poco tempo? E come funziona il networking con altri blogger? La nostra intervista fornisce le risposte.

Blog aziendale contro rivista online

"I blog aziendali sono morti, lunga vita alla rivista online" - così suona da tutte le parti al momento. Daniela, qual è la tua opinione su questo argomento controverso?

Entrambe le varianti hanno la loro giustificazione. La domanda è: come si realizza un tale progetto? Sono un grande sostenitore dei blog classici - con una funzione di commento e post che possono anche essere più personali. Il Daimler Blog è stato un vero pioniere in questo senso. Ora il blog non esiste più, è diventato Daimler Magazine.

Rivista Daimler
Daimler è passata dal blog alla rivista

Di nuovo, l'implementazione è molto riuscita, secondo me. Ottimi contributi, un design accattivante e tuttavia rimane la sensazione che il fascino molto personale sia stato conservato. Quello che mi fa pensare è che non c'è una funzione di commento. Il discorso si svolge sotto i pali di LinkedIn . Non sono un fan della rinuncia al controllo. Così facendo, mantieni le risposte dei lettori esclusivamente su canali esterni che non possiedi. DATEV ha intrapreso la stessa strada e invita alla discussione su Facebook.

Le riviste online non sono solo blog, solo con un nome più elegante? Dove vedi le differenze?

La differenza per me è che le riviste online sono più ampie nei loro argomenti rispetto a un blog. Il tono è più fattuale. È anche meno per mantenere un contatto più diretto con i clienti, i dipendenti e i partner. In un blog, gli articoli sono più personali. Di solito coprono più argomenti sull'azienda, i suoi dipendenti, gli eventi e i prodotti o servizi.

Silja Troll ha una buona definizione di ciò che distingue un blog da una rivista:

Una rivista è principalmente ordinata tematicamente, piuttosto informativa e fattuale. Un blog aziendale, d'altra parte, è spesso caratterizzato da un'opinione più soggettiva. Mira - più di una rivista - alla comunicazione diretta con gli utenti. Tuttavia, la conoscenza e il trasferimento di informazioni sono anche decisivi nel corporate blogging.

Blog e Content Marketing

Mi viene chiesto più volte se un'azienda deve chiamare il suo progetto "blog" o "rivista". Per quali industrie o gruppi target è adatta una determinata variante?

Non c'è una risposta generale qui. Per molti, il termine "blog" ha una connotazione molto conservatrice ed è associato alle origini del blogging, il diario digitale. In tempi di parole d'ordine come content marketing, content shock o anche content hub, è certamente più interessante per molti parlare di una rivista. Il termine è più fantasioso e non così stantio come "il blog".

Io stesso lo chiamo sempre blog. Semplicemente per chiarire che c'è una distinzione da una rivista. Spesso i due termini "blog" e "rivista" sono usati come sinonimi. Ascolterei l'industria particolare o il pubblico di riferimento per capire quali termini usano. Quale termine riceve più attenzione lì? Tuttavia, è importante essere chiari su cosa sia la collaborazione. Questo è l'unico modo per soddisfare le aspettative e prevenire le delusioni.

Blog4Business : Networking con altri blogger

Stai organizzando il Blog4Business una conferenza per blogger aziendali e professionali. I blogger aziendali hanno raramente fatto rete, in contrasto con la scena di WordPress , per esempio. Perché?

Per prima cosa, il numero di blogger aziendali è gestibile. Se guardate quante aziende hanno un blog e quante aziende usano i canali sociali (e non sto nemmeno parlando di mantenere), diventa subito chiaro: i blog aziendali sono una nicchia. Molti non considerano un blog rilevante o abbastanza rilevante.

D'altra parte, un blogger aziendale spesso non si occupa solo del blog, ma ha altre responsabilità come i social media, il marketing, la gestione della comunità e così via. Queste sono tutte aree in cui l'innovazione è molto più frequente. Sto pensando ad articoli come "10 tendenze che devi conoscere per la tua campagna di social media del 2020" e simili. Inoltre, ci sono eventi come il D2M Summit, Social Media Week Hamburg, Allfacebook Conference, ecc. Questi eventi trattano argomenti come Facebook Ads, Social Listening, Instagram & Co. Scambiare idee con i colleghi funziona meglio perché c'è un intero settore su questo.

YouTube

Caricando il video, accetti l'informativa sulla privacy di YouTube.
Per saperne di più

Carica il video

PGlmcmFtZSB3aWR0aD0iNzgwIiBoZWlnaHQ9IjQ0MCIgc3JjPSJodHRwczovL3d3dy55b3V0dWJlLW5vY29va2llLmNvbS9lbWJlZC83TFBNLWhoWHlCYyIgZnJhbWVib3JkZXI9IjAiIGFsbG93PSJhY2NlbGVyb21ldGVyOyBhdXRvcGxheTsgZW5jcnlwdGVkLW1lZGlhOyBneXJvc2NvcGU7IHBpY3R1cmUtaW4tcGljdHVyZSIgYWxsb3dmdWxsc2NyZWVuPSIiPjwvaWZyYW1lPg==

Questo non è il caso del blogging aziendale. Qui non cambia molto in termini di contenuto. Ma, e credo che molti lo dimentichino: La capacità di scrivere buoni testi, i requisiti per l'ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO) e l'analisi sono in continua evoluzione. Il SEO è spesso un dipartimento separato all'interno dell'azienda, o è esternalizzato a un'agenzia. I blogger aziendali poi non sempre hanno accesso ai dati necessari per valutarli da soli. Quindi con chi parlarne? Questo è un altro motivo per cui i blogger aziendali hanno difficoltà a condividere.

Questo è esattamente il motivo per cui Blog4Business . Finora non c'è nessun incontro comparabile sull'argomento. Inoltre, spesso devi chiedere al tuo datore di lavoro se sei autorizzato a partecipare a un certo evento, compreso il motivo. Inoltre, c'è solo un certo budget per questi eventi. Allora probabilmente vai dove ci sono molti altri colleghi, per esempio alla re:publica.

La rete dei blog aziendali e delle riviste online sta attualmente migliorando? E come può una conferenza risolvere questo?

Se questo stia cambiando in questo momento, non posso dirlo con certezza. Ma so cosa deve offrire una conferenza affinché i partecipanti possano fare rete nel miglior modo possibile. I miei eventi sono rivolti ai blogger che usano il blog in modo professionale. Per un'azienda, per un'agenzia o per se stessi come freelance. Ma ci sono anche argomenti che vanno oltre l'orizzonte.

Quest'anno, è la gamification e la gestione della comunità. Questi argomenti hanno una portata più ampia. Si rivolgono anche alle persone che lavorano nei social media. Quindi personale dell'agenzia, freelance, membri dell'organizzazione, ecc. Per me, ci sono due punti chiave che rendono lo scambio più forte:

Da un lato, il tempo tra le voci del programma. La gente vuole parlare tra di loro, e non solo durante le pause. Secondo me, un sacco di tempo per il networking è la base per entrare meglio nella conversazione. Perché sono i momenti personali che uniscono le persone. Puoi finalmente incontrare persone con cui hai sempre voluto parlare e che finora hai conosciuto solo dal web. Inoltre, una conferenza può essere molto grande. Ho iniziato ad ammettere un massimo di 100 persone per mantenere il Blog4Business informale.

Un altro punto è il lavoro pratico: via dal suono frontale e verso il trial and error. I partecipanti vogliono fare domande e conoscere le soluzioni. Più un evento è pratico e più piccolo è il numero dei partecipanti, più è probabile che le persone si facciano coinvolgere e discutano. Un evento dovrebbe avere una certa dimensione, da circa 70 a un massimo di 150 persone. Di solito è sufficiente, a seconda del programma.

Vantaggi dei blog per le agenzie

Le agenzie ma anche i freelance dovrebbero urgentemente avere il loro blog per mostrare la loro competenza. Questa è la mia opinione. Come lo vedi? Quali sono i principali vantaggi di un blog d'agenzia?

Sono un grande sostenitore dei blog. L'argomento è la mia passione. Perché sono convinto che pochi strumenti nel marketing online sono così efficaci come un blog per mostrare la propria competenza. Il vantaggio dei blog, a mio parere, sta principalmente nella sua costante accessibilità, in tutto il mondo. Qualsiasi altro mezzo richiede di solito un login. Non importa se è Facebook, Instagram, LinkedIn, Xing o Medium, solo per citare alcuni esempi.

Tutti i formati di media possono essere utilizzati su un blog. Prova ad aggiungere un link, un video e un'immagine a un post su Facebook. Dovrai scegliere una miniatura se vuoi che il tuo post sia più di un semplice testo. Un blog funziona molto bene in combinazione con un podcast. È quello che faccio anch'io. Pubblico il mio podcast sul mio blog, e di solito creo anche del testo dall'audio. In questo modo i miei visitatori possono non solo leggere, ma anche ascoltare. Raggiungo due pubblici e questo mi ripaga in termini di SEO. Questo non funziona su nessun social network.

Con un blog sei indipendente dalle reti sociali e dalla stampa. Facebook cambia frequentemente il suo algoritmo. Attualmente, la tendenza è che la visibilità organica è molto più difficile da ottenere rispetto a qualche anno fa. Se le imprese, le agenzie o i liberi professionisti vogliono fare soldi ed essere visti, sono quasi obbligati a pubblicare annunci. Instagram va ancora bene, ma le strutture stanno cambiando anche qui. Google+ non esiste più e solo pochissime persone parlano ancora di Ello.

Bloggerabc
Il blog di Daniela Sprung

Su un blog, decido io come devono essere i post. Posso decidere quanti e quali media voglio includere. Ho un'influenza diretta sull'ottimizzazione dei motori di ricerca e sulla mia visibilità. C'è un'altra ragione per cui i blog sono grandiosi: molte agenzie e aziende hanno un interesse personale ad apparire sulla stampa. C'è una ragione per cui esistono dipartimenti di comunicazione, che spesso impiegano un addetto stampa. Ma è difficile attirare l'attenzione con un comunicato stampa. Perché deve contenere una storia così interessante che i giornalisti ne parlino.

Sul blog posso pubblicare le mie storie e comunicarle in tempi di crisi. Anita Freitag-Meyer della fabbrica di biscotti Hans Freitag ha mostrato in modo impressionante come funziona qualche anno fa. Le è stata spedita della farina che conteneva trucioli di metallo. Oltre al richiamo obbligatorio, ha coperto la situazione attraverso il suo blog di biscotti e i suoi canali sociali. Mentre un professionista esterno di PR è stato coinvolto, lei stessa ha gestito la comunicazione personale attraverso i social media e il blog. In esso, ha risposto ai commenti e alle domande della sua comunità.

Come risultato, la proprietaria è stata poi premiata per la sua comunicazione di crisi esemplare. Lei stessa ha detto di non aver ricevuto una tempesta di merda ma una "tempesta di caramelle". Potete ascoltare un'intervista con Anita Freitag-Meyer sul caso sul mio blog.

SEO e reclutamento

Cosa fanno i blog aziendali per il reclutamento di nuovi dipendenti e per il SEO? Quali formati di contenuto sono usati per questo?

Un blog è anche un eccellente canale per l'employer branding e la fidelizzazione dei dipendenti. Molte agenzie sono alla ricerca di impiegati, spesso specializzati in diversi settori. Gli articoli con uno sguardo dietro le quinte, i video e le interviste con i dipendenti, così come la presentazione dei progetti, offrono una buona visione dell'azienda. Per mostrare chi sei e come lavori.

Molto bello che rende a mio parere il risultato dell'agenzia da Colonia con il suo blog effetto, inoltre, si con RAIDBOXES con wp unboxed intorno a WordPress . Articoli informativi che vanno in profondità così come approfondimenti sulla tua azienda. E tutto questo con testi scattanti e divertenti da leggere. Cosa si può volere di più?

Blog per agenzie e freelance - ecco come funziona il networking
In formato rivista: il nostro blog WordPress wp unboxed

L'ottimizzazione dei motori di ricerca è un altro punto importante, come detto prima. Con un blog ben impostato, si può guadagnare un posto nella prima pagina di Google. Se i seguenti criteri sono soddisfatti:

  • L'implementazione della regola Mobile First da parte di Google
  • Tempi di caricamento veloci
  • Un buon contenuto che sia migliore di quello dei concorrenti

Il fatto è: un blog paga sul proprio SEO, i social network meno a per niente. A mio parere, tutti questi punti parlano molto bene per le agenzie e i lavoratori autonomi di gestire un blog.

Lo consiglio anche alle aziende di medie dimensioni in molti casi. Perché se ti guardi intorno nei diversi settori, molti concorrenti non hanno ancora un blog - o sono piuttosto male. Ciò significa: l'opportunità è estremamente buona per posizionarsi come un trendsetter ed esperto. A volte siete l'unica azienda che ha un blog, nel qual caso riempite un vuoto. Gli altri devono superarlo per primi.

Pianificare il contenuto in modo efficiente

I freelance spesso hanno poco tempo per scrivere un blog. Come possono ancora fornire abbastanza contenuti?

C'è troppo lavoro sulla tua scrivania, non hai tempo per il blog, e il tuo blog rimane inattivo per molto tempo. Questo è successo anche a me. Ci sono diverse strategie che possono aiutare. Da un lato, dovreste scrivere articoli in anticipo, cioè "in stock". Poi si può sempre ripiegare sul materiale scritto. Anche la distribuzione sui social network e nella newsletter può essere pianificata in anticipo, così si risparmia tempo.

D'altra parte, i guest post aiutano a colmare la stasi del blog. Questo fornisce contenuti dalla penna di qualcun altro e quindi varietà sul blog. Ci sono abbastanza persone che amano aumentare la loro portata e godere di un link do-follow quando pubblicano su altri blog. Ti consiglio di fissare dei parametri per un post ospite. Questo include che l'articolo è unico e non apparirà altrove, parola chiave contenuto unico.

Inoltre, chiarite come volete rivolgervi ai vostri lettori. Vuoi rivolgerti a loro come "du", "sie" o usare un linguaggio neutro? Come ti piacerebbe? Evitare il keyword stuffing e chiarire chi fornirà le immagini per il post. Una regola molto buona e chiara è stata creata dal nuovo blog della Digital Week Dortmund. Ti offre una buona ispirazione, vedi qui.

Ma non sono solo i contenuti nuovi e pianificati che possono aiutare a mantenere il blog in tempi difficili. Ma anche contenuti aggiornati. Spesso non è necessario scrivere costantemente nuovi articoli. È molto meglio prendere vecchi articoli e aggiornarli. Questo include il controllo per vedere se il contenuto è ancora accurato, o se ci sono state nuove aggiunte nel frattempo. Ulteriori passi sono:

  • Rimuovere i link interrotti
  • In alternativa, sostituiscili con nuovi se portano a informazioni utili
  • Includere altri media quando è appropriato
  • Annotate questo articolo rivisto con una nota di quando è apparso per la prima volta e di quando è stato aggiornato.

Molti lettori non hanno più tali articoli sullo schermo. I nuovi visitatori, invece, potrebbero non conoscere ancora il post. Così puoi creare contenuti freschi sul blog con molto meno sforzo che scrivere un post completamente nuovo.

Conferenza e Barcamp per i blog

Cosa possono aspettarsi i partecipanti a Blog4Business ? E qual è la differenza con il Corporate Blog Barcamp del 5 novembre?

Il Blog4Business (B4B) combina due formati. La conferenza classica e il barcamp informale. Con Blog4Business voglio pensare fuori dagli schemi. Qui combino gli argomenti intorno ai blog aziendali e ai social media. Ci sono tre conferenze di esperti durante la giornata che si occupano di blog aziendali e social media.

Quest'anno è Rouven Kasten della GLS Bank. Egli mostra come la banca socio-economica ha gestito il suo blog con successo per oltre 10 anni. E come non solo raggiungono i loro clienti con esso, ma vendono anche conti correnti. Inoltre potrei vincere Nora Breuker come oratore. Nora è l'esperta quando si tratta di costruire e mantenere comunità. Ha costruito una grande comunità negli Stati Uniti. Ho scritto all'inizio che volevo pensare fuori dagli schemi con il B4B. Con il tema della gamification, questo dovrebbe essere il caso. È una sfida eccitante soprattutto in relazione al blogging. Roman Rackwitz mostra come i lettori possono essere coinvolti in modo giocoso. E come il trasferimento di conoscenze nei blog può essere progettato in questo modo. Porta esempi di questo.

Il Barcamp si svolge tra le conferenze. La cosa speciale è che i partecipanti disegnano il proprio programma. Tutti possono venire davanti e proporre una sessione. Questa può essere una domanda sul tema dei social media o del blog. O qualcuno spiega come funziona correttamente Pinterest. Non c'è giusto o sbagliato. L'unica cosa importante è: i partecipanti hanno abbastanza tempo per scambiare idee. Alla fine dovrebbero tornare a casa con ancora più conoscenze e buoni contatti.

Il Corporate Blog Barcamp, invece, è un barcamp puro. Non ci sono lezioni. Invece, il programma è progettato dagli stessi partecipanti. Le sessioni qui sono molto focalizzate sull'argomento generale del blog. Il Corporate Blog Barcamp avrà luogo per la seconda volta il 5 novembre 2020. L'anno scorso abbiamo avuto argomenti come come impostare correttamente Google Search Console. L'agenzia che gestisce il Ritter Sport Blog ha dato un'occhiata dietro le quinte. Leefke di RAIDBOXES ha parlato di come devono essere i buoni post per convertire. Sono molto entusiasta di vedere quali argomenti saranno proposti quest'anno.

Blog Barcamp aziendale
Il Barcamp del blog aziendale

Ecco una domanda che sono sicuro siete già stanchi di sentire: Blog4Business avrà luogo nonostante "Corona"? Alcuni WordCamps sono già stati cancellati...

Attualmente, non vedo motivi di allarme. Controllo costantemente le informazioni del Robert Koch Institute (RKI). Considero le loro istruzioni e raccomandazioni autorevoli. Mi sono coordinato con la Camera di Industria e Commercio di Dortmund, che è un co-organizzatore di Blog4Business . Siamo d'accordo che l'evento si svolgerà come previsto.

L'IHK è ottimamente preparato, per esempio con una stazione di disinfezione all'ingresso. Noi sosteniamo che un sorriso o un cenno sostituisca una stretta di mano. Fondamentalmente, si applicano le stesse precauzioni dell'influenza. Più tardi pubblicherò una dichiarazione ufficiale su questo e scriverò direttamente ai partecipanti. Penso che siamo ben preparati con questo. E possiamo aspettarci una giornata varia.

Hai domande sui blog aziendali? Sentitevi liberi di usare la funzione di commento. Vuoi essere informato sui nuovi articoli sul marketing online per freelance e agenzie? Allora seguici su Twitter, Facebook o tramite la nostra newsletter.

Articoli correlati

Commenti su questo articolo

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *.