Cloud & Heat: record mondiale di efficienza energetica! - La nuova rivoluzione energetica?

Johannes Benz Ultimo aggiornamento 21.10.2020
5 Min.
Nuvola e calore

Gli obiettivi climatici sono alti, e lo stesso vale per la crescita dei data center. Il mondo deve diventare neutrale dal punto di vista climatico in 30 anni buoni. L'azienda Cloud & Heat mostra come entrambi possono lavorare insieme.

Questa settimana abbiamo avuto il privilegio di partecipare alla cerimonia di inaugurazione di un nuovo data center Cloud & Heat a Francoforte. Il concetto è assolutamente unico e mostra come può essere un futuro in cui l'ecologia e la crescita digitale sono in armonia.

Cloud & Heat: record mondiale di efficienza energetica! - La nuova rivoluzione energetica?

La crescita dei data center è alle stelle 

Francoforte oggi non è solo famosa in tutto il mondo come sede bancaria, ma è diventata uno degli hub in Europa digitali. Tutti i principali fornitori di cloud, da Microsoft ad Amazon, hanno già aperto grandi centri dati a Francoforte. L'area del centro dati è attualmente di 450.000 m² e si prevede che aumenterà a 600.000 m² entro il 2020.

Francoforte è già il più grande hub Internet del mondo in termini di traffico dati. il più grande hub Internet del mondo davanti ad Amsterdam e Londra. Ci sono un totale di 340 hub Internet in tutto il mondo, 165 in Europa e 80 in Nord America.

I centri dati come parte importante dell'economia

Nel 2014, il numero di dipendenti diretti nell'industria dei data center, a 120.000, era già superiore ai 105.000 dipendenti dell'industria aerospaziale. Allo stesso tempo, è importante ricordare che la digitalizzazione con le auto a guida autonoma e l'Internet delle cose non è ancora veramente iniziata.

Alla Toyota, si stima che i veicoli autonomi da soli, che saranno alla guida in test e progetti pilota nel 2025, scambierà circa 10 exabyte di dati al mese... tra di loro e con la nuvola. Sarà circa 10.000 volte di più di oggi.

In sintesi, questo significa: I centri dati hanno smesso da tempo di essere un argomento marginale per la nostra economia e continueranno a guadagnare importanza in futuro.

Il lato oscuro della crescita

Per quanto bella possa essere questa crescita per la nostra economia, è altrettanto impegnativa per noi come persone. Già il consumo energetico dei data center di Francoforte supera il fabbisogno energetico dell'aeroporto di Francoforte. Solo a Francoforte si spendono due miliardi di euro per l'energia.

I circa 50.000 data center in Germania hanno consumato più di 11 miliardi di kWh di elettricità nel 2016. Con una media di 4150 kWh di elettricità per una famiglia di 4 persone, questo corrisponde al consumo di 2,65 milioni di famiglie. Su 9,9 milioni di famiglie di 4 persone in totale in totale, questo è più di un quarto di tutte le famiglie di 4 persone in Germania.

I data center consumano tanta elettricità quanto 2,65 milioni di famiglie di 4 persone.

C'è quindi un grande bisogno di idee innovative sia per non rallentare la crescita digitale sia per limitare l'impronta ecologica.

Raffreddamento ad aria come colpevole

Quindi, come si progetta il data center più efficiente al mondo dal punto di vista energetico e cosa significa effettivamente efficienza energetica per i data center?

La cifra centrale attuale è il valore PUE (fattore di efficacia dell'uso della potenza). Divide semplicemente i requisiti energetici totali di un centro dati all'interno di dall'energia richiesta dall'infrastruttura IT stessa.

Un esempio semplificato

Se ho bisogno di 400 kWh per il raffreddamento di un rack di server e 1000 kWh per il rack stesso, il PUE è 1,4. Questo risulta da 1400 kWh di domanda totale di energia (1000 kWh per l'IT + 400 kWh per il resto) / 1000 kWh per l'IT stesso. Di conseguenza, un PUE di 1,0 rappresenta il data center perfetto in termini di efficienza energetica, poiché un valore inferiore a uno non è possibile.

I server sono quattro volte più caldi di una piastra elettrica

L'esempio precedente mostra dove sta il problema. Oggi, il raffreddamento ad aria è ancora standard, il che porta a PUE di 1,4. I server sono ventilati e l'aria viene raffreddata in un circuito da sistemi di raffreddamento.

Se si calcola l'area di un server fino a una piastra, sono quattro volte più grandi. È quindi ovvio che è necessaria molta energia per il raffreddamento.

Cloud & Heat: record mondiale con un valore PUE di 1,014

Il raffreddamento ad acqua come arma segreta

Ciò che è stato capito decenni fa alla Porsche e nel settore automobilistico è ancora molto lontano dal raggiungere i data center. L'acqua può assorbire il calore 3300 volte meglio e condurlo 20 volte meglio dell'aria. Quindi ha senso fare uso di queste proprietà per il raffreddamento dei server blade. Questo è esattamente ciò che l'azienda Megware da Dresda offre esattamente questo.

Cloud & Heat: record mondiale di efficienza energetica! - La nuova rivoluzione energetica?

Con un concetto generale intelligente creato da Nuvola e calore questo significa un record mondiale con un valore PUE di 1,014.

Livello 2: il prossimo livello di efficienza

La genialità del concetto è che l'acqua riscaldata viene usata per riscaldare gli edifici. In termini concreti, 40.000€ di costi di riscaldamento possono essere risparmiati all'anno nel data center di Francoforte, poiché un hotel e un ristorante nello stesso edificio sono alimentati con il calore residuo dei server. In termini di valore energetico, questo corrisponde a 150 case a basso consumo energetico.

Il PUE non va abbastanza lontano

Il problema dell'attuale misurazione dell'efficienza energetica: il parametro centrale tiene conto solo dell'energia che è all'interno di il centro dati. Un ulteriore uso dell'energia fuori del centro dati non fa alcuna differenza per l'efficienza energetica classica.

ERE come nuova misura

Pertanto, è necessario un rapporto che tenga conto del riutilizzo dell'energia. L'ERE (Energy Reuse Effectiveness) è quindi il suddetto rapporto di obsolescenza meno l'energia riutilizzata. In un mondo perfetto, questo sarebbe zero: l'intera energia totale viene riutilizzata. Nel data center di Cloud & Heat a Francoforte, questo è attualmente un massimo di 0,621. Quasi il 40% dell'energia prodotta viene quindi riciclata.

Cloud & Heat: la prossima rivoluzione energetica?

Cloud & Heat è ora la nuova rivoluzione energetica nel settore dei data center? La nostra risposta a questo è abbastanza chiara: SÌ. Sì, perché la tecnologia rappresenta per la prima volta come deve andare e, soprattutto, come può andare. No, perché come si può vedere dalle figure nella sezione superiore, Cloud & Heat è una formica nella giungla dei data center.

Le startup come motori del cambiamento

Ciò che è importante notare, tuttavia, è che le startup non cambiano necessariamente le circostanze diventando esse stesse incredibilmente grandi. C'è da augurarsi che ogni startup diventi massimamente grande con i suoi nuovi valori vissuti.

Tuttavia, sappiamo per esperienza che più una startup ha successo nella sua nicchia, più è probabile che i grandi attori del mercato copino i concetti. Questo non è stato diverso con il nostro specializzato WordPress Hosting dove molti elementi sono stati copiati dai grandi giocatori 1,5 anni dopo il nostro ingresso sul mercato.

Vi auguriamo buona fortuna!

Il compito delle startup, quindi, è proprio quello di mostrare ai grandi come si fa bene e diventare così rilevanti che gli altri comincino a copiare il concetto. Questo è esattamente ciò che desideriamo Cloud & Heat! Da parte nostra, testeremo ampiamente il sistema per valutare se può soddisfare i nostri requisiti di alte prestazioni e scalabilità.

Cosa ne pensate? Tutto bene, ma solo un "nice to have"?

Un'esperienza chiave dal nostro punto di vista di fornitori: Per la maggior parte dei clienti, il tema dell'efficienza energetica o dell'elettricità verde gioca un ruolo molto subordinato.

Se guardiamo quanto spesso ci viene chiesto il prezzo in relazione all'ecologia, è certamente 1000:1. Questo è un peccato incredibile, poiché siamo sempre guidati dai desideri dei clienti e con un rapporto di 1000:50 l'argomento assumerebbe una priorità completamente diversa.

Cosa ne pensate?

Quindi la domanda per voi è: Cosa ne pensate? Vorresti che il tuo provider di web hosting fosse più efficiente dal punto di vista energetico o altri criteri giocano un ruolo più importante? È responsabilità del fornitore fare uno sforzo o i consumatori dovrebbero fare più pressione su di loro?

Attendo certamente i vostri commenti sull'argomento - qui o su Facebook - e una discussione appassionante.

Articoli correlati

Commenti su questo articolo

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *.