Più sentimento per favore quando si prova la velocità del sito web

Jan Hornung Ultimo aggiornamento il 21.10.2020
6 Min.
Velocità del sito web
Ultimo aggiornamento il 21.10.2020

Il tempo di caricamento di un sito web è importante. Non c'è dubbio. Per l'esperienza dell'utente e la conversione. Ma per il visitatore non è determinante il tempo di caricamento effettivo, ma la velocità percepita del sito web. Perché un utente sperimenta un sito web senza conoscere i valori misurati. Il tempo di caricamento percepito è quindi un valore importante per ottimizzare la conversione e la velocità di salto. Vi mostriamo come misurarlo in modo affidabile.

Tutti conoscono la situazione: avete scoperto un nuovo eccitante prodotto o avete trovato il link di un presunto articolo del blog, cliccate sul link e non succede nulla. La pagina rimane bianca per alcuni secondi e poi i componenti della pagina si accumulano lentamente e dolorosamente. L'acquisto o l'iscrizione a una newsletter è piuttosto improbabile su un sito di questo tipo.

I colleghi di Kissmetrix si sono già occupati da tempo del collegamento tra il tempo di caricamento delle pagine e il tasso di conversione nei negozi. Il risultato: ogni secondo conta. Perché il visitatore medio è impaziente. In questo modo, un tempo di caricamento più lungo di un secondo può già essere raggiunto in un sette per cento risultato del tasso di conversione inferiore. Così, ogni secondo che il vostro sito si carica più a lungo, perdete entrate.

Un antidoto può Sopra la Pieghevole Ottimizzazione essere. Quindi l'ottimizzazione del tempo di caricamento dell'area della pagina visibile senza scorrimento. Questa misura riduce, tra l'altro, il tempo di caricamento percepito, che a sua volta può portare a migliori tassi di conversione.

Ma come si può misurare correttamente la velocità percepita del sito web? Certo, basta caricare la pagina in una scheda in incognito e cercare di sentire la differenza per ... beh, lo sai. Oppure potete contare su uno strumento che vi offre il tempo di caricamento percepito come un valore tangibile e comparabile.

GTmetrix è un tale strumento. Permette di misurare quello che secondo me è il valore di tempo di carico più importante del vostro sito e lo rende paragonabile. È molto facile da usare e fornisce preziosi dati di misura.

Questo articolo fa parte di una serie sul tema della misurazione del tempo di carica:

  1. Nella parte 1 mostriamo perché il tipo di dati che un test fornisce è così importante
  2. Nella parte 2 mostro perché il test popolare PageSpeed Insightsè assolutamente inadatto al confronto delle prestazioni
  3. La parte 3 mostra quali sono i dati necessari per poter effettuare un buon confronto delle prestazioni - ad es. dopo un cambio di hoster

GTmetrix: Molte raccomandazioni di ottimizzazione, storia della velocità del sito web e funzione video

L'utilizzo di GTmetrix è molto semplice: si inserisce l'URL della pagina che si vuole testare e lo strumento sputa il risultato dopo pochi istanti. Lo svantaggio di questo:

  • GTmetrix offre solo una posizione del server, Vancouver
  • Test GTmetrix solo con Firefox

Ciò significa che i risultati delle misurazioni di GTmetrix sono sempre validi per un visitatore di Vancouver che accede al vostro sito tramite un computer desktop e Firefox. Finché si lavora esclusivamente con GTmetrix per la misurazione delle prestazioni, ciò non influisce sui risultati. Ma se volete sapere quanto velocemente si carica la pagina per i italiani visitatori, dovete usare un altro strumento.

GTmetrix fornisce quattro grandi pacchetti di dati:

  1. La panoramica con le analisi potenziali e i dati chiave importanti
  2. Il diagramma della cascata
  3. La funzione video (a pagamento)
  4. L'analisi delle serie temporali

La particolarità della panoramica: fornisce i risultati di due potenziali analisi contemporaneamente

In questa panoramica troverete tutti i dati chiave importanti del vostro sito. Oltre alle potenziali analisi di Google (1) e Yahoo (2), troverete il tempo di caricamento della pagina (3), cioè il tempo di caricamento della vostra pagina, la dimensione della vostra pagina (4) e il numero di richieste HTTP alla voce Dettagli pagina. (5)

A proposito, il tempo di caricamento e le richieste HTTP sono particolarmente adatti per confrontare le prestazioni di due siti web o versioni di siti web.

Misurare correttamente la velocità del sito web con GTmetrix: Una panoramica
Sotto "Test Server Region" e "Utilizzo" è chiaramente visibile: Nella versione gratuita, GTmetrix utilizza un server in Canada e il browser Firefox per determinare la velocità del sito web. Per italiani le pagine questa impostazione di prova significa tempi di caricamento più lunghi.

Questa prima panoramica comprende anche i risultati dettagliati delle due potenziali analisi PageSpeed Insights e YSlow. Questi mostrano esattamente quanto bene il sito sia stato ottimizzato finora e dove c'è ancora spazio per miglioramenti. Il fatto che GTmetrix utilizzi due diversi set di regole (uno di Google e uno di Yahoo) è lodevole. Perché questo offre all'utente un maggiore orientamento. Se una misura di ottimizzazione è suggerita da entrambi i test, è molto probabilmente un passo importante di ottimizzazione su cui vale la pena lavorare.

La velocità percepita del sito web è importante. La panoramica dell'analisi del potenziale di GTmetrix vi mostra dove c'è spazio per migliorare.
Questo è l'aspetto delle potenziali analisi di GTmetrix. Niente di nuovo, se avete mai visto un PageSpeed Insightsrisultato di Google o i risultati di YSlow. Tramite un menu a tendina è possibile visualizzare informazioni dettagliate sui singoli passi.

Nella sua sezione di aiuto GTmetrix offre descrizioni dettagliate e aiuti all'interpretazione. Soprattutto i principianti troveranno molto facile familiarizzare con le complesse strutture dei risultati.

Il diagramma a cascata è il cuore dell'analisi

Proprio come Pingdom GTmetrix rivela i dati veramente interessanti solo nel cosiddetto diagramma a cascata. In questo modo tutti i pacchetti di dati caricati (1) vengono suddivisi in ordine cronologico (2) e con il loro tempo di caricamento (3). Inoltre, mostra che tipo di chiamata è (4), se la rispettiva richiesta è ok (5) e se il server sta dando un errore (6).

Vista dettagliata di un diagramma a cascata di GTmetrix per l'analisi della velocità del sito web.
Il diagramma a cascata mostra in dettaglio quali fattori hanno in comune la velocità del sito.

Queste informazioni dettagliate consentono ora di effettuare un ragionevole confronto delle prestazioni tra due pagine. Questo diventa rilevante, ad esempio, dopo un cambio di hoster o un'ottimizzazione onpage. È importante che le misurazioni avvengano sempre dai server in Canada e tramite il browser Firefox. Se si desidera testare altri parametri, è necessario acquistare GTmetrix o utilizzare un altro strumento, ad esempio webpagetest.org.

La visualizzazione dettagliata dei tempi di caricamento fornisce un quadro ancora più preciso dei singoli pacchetti di dati e del loro contributo alla velocità del sito web. Nell'esempio: il primo contatto con il nostro server. Sono necessari 5 millisecondi per la ricerca DNS, 167 millisecondi sono necessari al client per connettersi al server web, dopo 172 millisecondi vengono scaricati i primi dati. Il lungo tempo di attesa di un buon secondo è in parte dovuto alla distanza geografica del server di prova dalla posizione effettiva del server. Il test fornisce quindi le cifre per un cliente del Canada.

Dettagli da un diagramma a cascata per analizzare la velocità del sito web
Ripartizione dettagliata della prima richiesta del browser al server web.

I vantaggi più importanti di GTmetrix: Analisi delle serie temporali e funzione video per il tempo di caricamento percepito

Rispetto allo strumento che ho presentato qualche giorno fa, PingdomGTmetrix offre due vantaggi decisivi:

  1. un'analisi delle serie temporali libere
  2. un'analisi video con i costi

1) L'analisi delle serie temporali

Confrontando il tempo di caricamento della vostra pagina su più giorni o settimane può essere molto informativo. Ad esempio, se ottimizzate la vostra pagina passo dopo passo per diverse settimane. La funzione di cronologia offre questa informazione della serie temporale (nella versione libera) per tre dimensioni: Il tempo di caricamento della pagina, il numero di richieste HTTP e la dimensione della pagina e i punteggi delle potenziali analisi YSlow e PageSpeed Insights.

Confronto delle serie temporali della velocità del sito web per GTmetrix
Da non vedere nella foto: l'analisi delle serie temporali delle analisi potenziali. Tuttavia, questi non sono inizialmente rilevanti per la velocità del sito web.

2) L'analisi video - l'unica vera indicazione del tempo di caricamento delle pagine percepito è purtroppo a pagamento

Ora finalmente arriviamo alla caratteristica che rende GTmetrix così preziosa. E anche meglio di Pingdom, per esempio: la funzione video. In un tale video viene mostrata la struttura della pagina. Logico. Ma questo semplice trucco permette di distinguere chiaramente tra il tempo di carico misurato e il tempo di carico del feltro. Purtroppo, lo strumento è accessibile solo dopo aver effettuato l'accesso a GTmetrix (e probabilmente solo dopo aver acquistato il servizio). Questo non deve essere per forza così, perché webpagetest.org offre questa funzione video ad es. gratuitamente.

Conclusione: una vera misurazione professionale necessita di informazioni sul tempo di carico percepito

La funzione video è elementare per l'analisi del tempo di caricamento e soprattutto dell'esperienza di caricamento degli utenti. Permette confronti su un livello astratto dai semplici dati. Possiamo solo consigliare test che permettano l'analisi video. Perché in determinate circostanze, il tempo di carico misurato è abbastanza elevato, ma il tempo di carico percepito è assolutamente giustificabile. Il valore non solo permette di capire meglio come i clienti o gli utenti percepiscono la vostra offerta, ma anche se l'ottimizzazione della pagina è utile per quanto riguarda le prestazioni. Potrebbe valere la pena di investire di più nell'ottimizzazione della conversione che nel tempo di caricamento della pagina.

Tutto sommato, GTmetrix è un altro buon strumento per misurare il tempo di caricamento delle pagine. Offre alcune informazioni in più rispetto a Pingdom, poiché la versione gratuita di GTmetrix include due potenziali analisi in una sola volta. Le caratteristiche davvero interessanti sono nascoste dietro la barriera del pagamento, ma sono lì in linea di principio, quindi è possibile utilizzare GTmetrix per capire molto bene le prestazioni del vostro sito e anche monitorarne lo sviluppo.

Ma per noi GTmetrix non è lo strumento gratuito numero uno. Perché c'è anche di meglio: webpagetest.org è per noi il non plus-ultra degli strumenti di misura gratuiti. Tuttavia, lo strumento pone anche le maggiori esigenze all'utente.

Avete già avuto esperienza con altri strumenti di misura che potrebbero fornire dati ancora migliori?

RAIDBOXER della prima ora e responsabile del supporto. Al Bar- and WordCamps gli piace parlare di PageSpeed e delle prestazioni del sito web. Il modo migliore per corromperlo è con un espresso - o un pretzel bavarese.

Articoli correlati

Commenti su questo articolo

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con * marcato.