PageSpeed Insights e l'importanza della velocità del sito web

Joshua Schofield Ultimo aggiornamento 06.09.2021
8 Min.
PageSpeed Insights
Ultimo aggiornamento 06.09.2021

Circa un anno fa, Jesus Mendes, il direttore SEO del Mail Online, si è svegliato con uno shock: un aggiornamento del core di Google aveva fatto perdere al suo sito - uno dei giornali online più visitati al mondo - la metà del suo traffico. E l'ha fatto durante la notte. Scopri di più su PageSpeed Insights, e come può aiutarti a scoprire i peccati di performance.

L'impatto sul sito web del Mail Online è stato drammatico e confuso. Così Jesus si è sentito obbligato a pubblicare un post in Google Search Console Help per chiedere consiglio alla comunità SEO:

Crollo della classifica
La richiesta di aiuto nella comunità

Il suo insolito e disperato appello:

Il giorno dopo l'aggiornamento dell'algoritmo Core (3 giugno), abbiamo visto un massiccio calo del traffico di ricerca da Google (perdita del 50% del traffico giornaliero). Questo calo si è verificato nel corso di 24 ore e non abbiamo apportato alcuna modifica al sito. (...) Questo vale per tutti i domini, dispositivi, AMP e non AMP.

La prima risposta al suo problema non si fece attendere. E ha trovato una ragione evidente per l'improvvisa perdita di traffico. Perché per quanto duro possa sembrare, il sito web Mail Online è stato classificato come segue, secondo la Search Console Help Community:

Pura spazzatura SEO. (...) Ci vogliono più di 12 secondi per caricare il sito web.

Quindi è chiaro che la velocità di caricamento del sito si è rivelata essere il colpevole. Perché il Daily Mail ha un sito web così lento, il rispondente Dave Turring elenca quattro punti:

  1. Il sito web è sovraccarico di pubblicità
  2. Ha così tante immagini rivelatrici su notizie spazzatura che è quasi un sito web per adulti
  3. Ognuno dei cosiddetti articoli di notizie è solo una foto con informazioni completamente inutili
  4. I fastidiosi video autoplay rallentano il caricamento e creano una scarsa esperienza utente

In breve, ci sono troppi e troppo grandi contenuti multimediali che rallentano il sito in modo significativo.

Immagini traffico
Ancora molto ricco di immagini: il sito web di "Mail Online

Il fattore sottovalutato: la velocità

Così uno dei più grandi giornali online può perdere la metà del suo traffico durante la notte. E questo a causa dei tempi di caricamento lenti, noti anche come velocità della pagina. Quindi che possibilità ha il tuo sito web se non hai mai pensato alla velocità di caricamento? Questo articolo vi mostrerà come affrontare il problema.

Elenca anche importanti risorse per migliorare la velocità della pagina e il posizionamento SEO. Per prima cosa, diamo un'occhiata al perché la velocità di caricamento è così importante per il tuo sito web.

Velocità della pagina e vendite

La velocità della pagina gioca un ruolo importante nelle vendite. In passato, gli utenti erano abbastanza pazienti da aspettare a lungo il caricamento di un'immagine. Mentre ora il 53% dei visitatori di siti mobili va altrove se un sito impiega più di tre secondi per caricarsi.

Al giorno d'oggi, le persone non sono semplicemente disposte a sopportare lunghi tempi di attesa. Questo perché ci sono molti altri posti che possono visitare su internet per ottenere quello che stanno cercando. Una velocità di caricamento lenta è un male per tutti. Anche i grandi marchi hanno difficoltà a portare clienti al loro sito web se le pagine hanno tempi di caricamento lunghi.

Il guru del marketing digitale Neil Patel illustra l'importanza critica della velocità della pagina facendo riferimento a uno studio condotto da Amazon. Questo ha scoperto che ogni secondo in più impiegato da un sito web per caricarsi costa all'azienda l'1% delle sue entrate. Vedi questo video su YouTube:

YouTube 

Caricando il video, accetti l'informativa sulla privacy di YouTube.
Per saperne di più 

Carica il video 

PGlmcmFtZSBsb2FkaW5nPSJsYp5IiBzcmM9Imh0dHBzOi8vd3d3LnlvdXR1YmUtbm9jb29raWuY29tL2VtYmVkLzEzak9NSmhLSVNFIiBhbGxvd2Z1bGxzY3JlZW49IIgd2lkdGg9IjU2MCIgaGVpZ2h0PSIzMTUiPjwvaWZyYW1lPg==

Questo è particolarmente vero se il tuo sito è per l'e-commerce: gli utenti:dentro devono poter accedere al tuo sito e a tutto ciò che vogliono comprare in pochi click. Persino Amazon ha raramente dei video sulle sue pagine dei prodotti. E l'azienda ha team dedicati che lavorano sul loro sito web 24 ore al giorno.

L'importanza della velocità della pagina per le classifiche di Google

La performance del tuo sito web è un importante fattore di ranking. In parole povere, questo significa che un tempo di caricamento più breve farà apparire il vostro sito web più in alto nei risultati di ricerca di Google (SERP). Questo significa che più visitatori arrivano al tuo sito web. Rimangono anche più a lungo, il che a sua volta migliora la frequenza di rimbalzo.

Le prime posizioni su Google sono quindi sempre occupate da siti web che si caricano anche velocemente. Google è stato il motore di ricerca numero 1 per molto tempo, il che rende le richieste dell'algoritmo di Google sui siti web per lo più standard. Più lenta è la velocità del tuo sito web, meno possibilità ha di ottenere un buon posizionamento o di posizionarsi del tutto. E sappiamo tutti che la maggior parte delle persone clicca solo sui primi dieci risultati per una query di ricerca o una parola chiave.

Un approccio alla velocità della pagina

Negli ultimi anni, Google è diventato molto più severo in termini di requisiti tecnici posti ai siti web. Almeno se vogliono ottenere un buon posizionamento. Quindi i siti web che sono adatti agli smartphone ottengono un miglior posizionamento.

Al contrario, i siti web lenti e quelli che si basano ancora su HTTP invece di HTTPS non hanno alcuna possibilità nel 2021. È importante ricordare che le misurazioni del tempo di caricamento tengono conto anche di come il sito web si comporta sugli smartphone. Se il tuo sito web non ha un PageSpeed elevato per i dispositivi mobili, questo avrà anche un impatto negativo sul posizionamento nei motori di ricerca. Aggiungete a questo la maggiore attenzione di Google sulla Page Experience e il nuovo Core Web Vitals, che tiene conto anche della velocità.

Migliorare la velocità della pagina aiuta i Googlebot

Quando si parla di velocità della pagina, non ci si riferisce solo al tempo necessario ai visitatori per accedere a un sito web. Pensiamo anche alla velocità per i crawler dei motori di ricerca. Se la velocità del tuo sito web è troppo lenta, sarà anche più difficile per il Googlebot accedere al tuo contenuto.

Questa è un'altra ragione per cui dovresti lavorare sulla performance del tuo sito web. Se siete preoccupati che Google possa accedere al vostro sito web, dovreste anche inviare una sitemap.

La velocità del sito web diventa ancora più importante

L'ambizione di Google è quella di fornire la migliore esperienza utente possibile ai visitatori del sito web. Questo significa che una velocità di pagina più lenta su un sito web si tradurrà probabilmente in ancora meno clic e peggiori classifiche in futuro.

Google sta attualmente progettando di introdurre un sistema corrispondente di marcatura per il suo browser Chrome. Questo rende molto probabile che in futuro, i siti web che si caricano lentamente saranno segnalati nei risultati di ricerca. Nel momento in cui questo accade, i siti web con velocità di caricamento lente su Chrome saranno immediatamente in svantaggio.

Controlla le prestazioni del sito web con PageSpeed Insights

Per aiutare gli operatori ad adattarsi alla crescente importanza della velocità e avere un'idea di come i loro siti si comportano, Google ha PageSpeed Insights ha creato. Questo strumento ti dà una buona idea se le leve di performance più importanti sono già state utilizzate e ti offre anche alcuni suggerimenti utili per migliorare il tuo sito web.

PageSpeed Insights
PageSpeed Insights in azione

Come valuta Google PageSpeed?

Il rating di un sito web è calcolato eseguendo Lighthouse per raccogliere e analizzare i dati del sito. Qui, i punti sono assegnati secondo un sistema di valutazione che riassume le prestazioni di un sito web. Potete vederli nella parte superiore di PageSpeed Insights:

  • 90 o più punti sono considerati buoni
  • Tra 50 e 90 punti sono da migliorare
  • Sotto i 50 anni è male

Quando si inserisce un URL in PageSpeed Insights , lo strumento cerca di misurare i dati per vari stati di tempi di caricamento. Ecco alcune delle metriche più importanti che vengono analizzate e visualizzate:

  • FCP (First Contentful Paint): Sta per il tempo che i siti web hanno bisogno di caricare un primo testo o immagine. L'FCP descrive quindi il tempo necessario affinché un utente possa interagire.
  • FID (First Input Delay): questo valore mostra quanto tempo il sito web deve reagire dopo un'interazione. Per esempio, dopo un clic su un pulsante.
  • LCP (Largest Contentful Paint): questo valore si riferisce sempre all'elemento principale di un sito web. Per esempio, quanto tempo ci vuole per caricare l'immagine più grande.
  • CLS (Cumulative Layout Shift): il valore CLS indica come si comporta la stabilità visiva quando si carica una pagina. Più piccolo è questo valore, migliore è l'esperienza dell'utente.

I valori misurati delle diverse gamme sono indicati da un simbolo di PageSpeed Insights :

  • Spunta verde: significa un sito web veloce
  • Cerchio arancione: sta per una pagina media
  • Triangolo rosso di avvertimento: segna un lato lento

Se vuoi scoprire cosa ti serve per Google PageSpeed Insights , puoi leggere qui su Google.

7 consigli per migliorare immediatamente il tuo tempo di caricamento

Ecco alcune aree su cui puoi lavorare per migliorare la velocità di caricamento del tuo sito web (e il PageSpeed Score di Google). E per garantire una migliore esperienza dell'utente e migliori classifiche.

Abilita la compressione

Comprimi la dimensione dei tuoi file CSS, HTML e JavaScript in modo che siano sotto i 150 byte. O usare il caching lato server per WordPress .

Ridurre CSS, JavaScript e HTML

Rimuovi spazi, virgole e altri caratteri non necessari dal tuo codice. Elimina anche tutti i comandi con formattazione non uniforme e il codice inutilizzato. Vedere questa guida per WordPress .

Ridurre i reindirizzamenti e i link interrotti

Controlla regolarmente il tuo sito web per i link non funzionanti e correggili o rimuovili del tutto. Puoi scoprire quali strumenti e metodi puoi usare per trovare i broken link in questo post.

Riducete il numero di reindirizzamenti sul vostro sito il più possibile, ed è meglio usare i reindirizzamenti lato server, perché tendono ad essere molto più veloci.

Migliora il tempo di risposta del tuo server

Assicurati che il tuo sito web sia ospitato da un server adatto. Il tempo di risposta ottimale del server è inferiore a 200 ms. Considera il passaggio a un altro server o hoster se la tua soluzione attuale non funziona.

Ottimizzare le immagini

Assicurati che le immagini sul tuo sito web non siano più grandi del necessario. Con il giusto tipo di compressione, è possibile ridurre significativamente le dimensioni dei file senza cambiare sensibilmente la qualità delle immagini. Potete scoprire quale WordPress Plugins vi aiuterà a ottimizzare le vostre immagini in questo post.

Ottimizza il tuo sito web per tutti i dispositivi

Ricorda che non è solo la versione desktop del tuo sito web che deve essere veloce. Almeno la metà degli utenti di internet usa uno smartphone, ed è per questo che Google ora usa la velocità della versione mobile di un sito web come base per il ranking. Quindi non puoi evitare di migliorare il tempo di caricamento della versione mobile del tuo sito web se vuoi ottenere un buon posizionamento.

Sperimentare con Plugins

Inoltre, se l'architettura del tuo sito è un po' datata, potresti sperimentare il caching Plugins . O meglio ancora, usa il caching lato server. Installare Amp-Plugins sul tuo sito web è un ottimo modo per migliorare la velocità per i visitatori mobili.

Ora tocca a voi!

Speriamo che questi suggerimenti ti diano una migliore comprensione dell'ottimizzazione delle prestazioni e di Google PageSpeed Insights in modo da poter ottimizzare il tuo sito web e portarlo al top.

Aiuto per l'ottimizzazione

Hai bisogno di aiuto per la tua ottimizzazione? rankingCoach è un partner di RAIDBOXES. Ottieni ora l'applicazione gratuita di marketing online rankingCoach FREE.

Che domande hai sulla velocità del sito web e PageSpeed Insights ? Sentitevi liberi di usare la funzione di commento. Vuoi essere informato sui nuovi articoli di WordPress & Performance? Allora seguici su Twitter, Facebook o tramite la nostra newsletter.

Joshua Schofield è Marketing Content Manager per rankingCoach a Colonia. Negli ultimi dieci anni ha lavorato nei settori della creazione di contenuti, del marketing digitale e della formazione aziendale. Ha conseguito un master in storia americana presso l'Università di Nottingham.

Commenti su questo articolo

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *.