Come il modulo PageSpeed di Google ha mangiato le nostre prestazioni

Tobias Schüring Ultimo aggiornamento 23.01.2020
5 Min.
Test del modulo PageSpeed Hoster

Oltre al test PageSpeed Insights , Google offre anche il cosiddetto Google PageSpeed Module. Un setup che ottimizza automaticamente i siti web secondo le specifiche di Google. Nel nostro test, tuttavia, il modulo ha avuto esattamente l'effetto opposto: ha divorato le prestazioni delle nostre pagine senza pietà. Un rapporto sul campo.

La maggior parte dei gestori di siti lo conoscono bene: il Google PageSpeed Insights test. Rivela in modo affidabile i potenziali di ottimizzazione dei siti web testati e allo stesso tempo mostra come ottimizzare il ottimizzare la propria pagina può. Quindi, è spesso uno dei primi posti dove andare per l'ottimizzazione delle prestazioni.

I consigli e i suggerimenti con cui Google PageSpeed Insights lascia inizialmente l'utente relativamente solo sono implementati automaticamente dal modulo PageSpeed di Google. Se lo si installa sul server web, il programma non solo scopre il potenziale di ottimizzazione, ma implementa anche i miglioramenti direttamente.

Soprattutto alla luce del fatto che Google ha recentemente reso il tempo di caricamento un criterio di ranking ufficiale, la possibilità di un'ottimizzazione automatica della pagina sembra più che attraente. Il modulo diventa così una presunta arma segreta di ottimizzazione delle prestazioni. E naturalmente era molto allettante anche per noi.

Pertanto, l'abbiamo testato un buon anno fa e su richiesta di diversi clienti in dettaglio. La nostra conclusione: per noi come hoster, il modulo non ha senso.

Complessità dell'assassino del progetto

Per farla breve: La complessità della combinazione di WordPress e le molteplici opzioni di filtraggio del modulo PageSpeed ci hanno reso impossibile l'implementazione. Intendiamoci, la colpa non è del funzionamento troppo complesso del modulo, ma dell'enorme numero di opzioni di configurazione. Il modulo stesso può essere utilizzato abbastanza comodamente e intuitivamente.

Il modulo Page Speed offre due set di filtri predefiniti da Google: Il cosiddetto filtri del nucleo e il Ottimizzare per la larghezza di banda Filtri. I Core Filters sono un insieme di regole che il team di Google PageSpeed ha messo insieme e che si presume siano sicuri da usare per la maggior parte delle pagine. Tuttavia, non c'è alcuna garanzia di questo. Nuovi filtri vengono sempre aggiunti al set Core, il che rende continuamente le pagine ottimizzate più veloci - almeno in teoria.

Il Core Filterset è sempre aggiornato, ma anche abbastanza instabile. In pratica, questo significa che dovreste controllare la stabilità e il tempo di caricamento della pagina dopo gli aggiornamenti. Altrimenti c'è il rischio di un crash della pagina.

I filtri Optimize for Bandwidth offrono una maggiore stabilità di funzionamento e possono essere utilizzati per un numero ancora maggiore di tipi di pagine diverse come un set di filtri standard.

Nel nostro test, abbiamo usato principalmente il set di filtri più stabile per anticipare meglio la struttura modulare di WordPress . Tuttavia: se il modulo PageSpeed era impostato correttamente per una pagina, rompeva il layout o paralizzava funzioni importanti, come il carrello, sull'altra pagina.

Oltre a questi set standard, ogni utente può creare la propria configurazione - a seconda di cosa e quanto è già stato ottimizzato. Per esempio, i documenti CSS possono essere compressi tramite i filtri (Google elimina automaticamente gli spazi bianchi e i commenti nei fogli di stile). I tempi di cache delle singole risorse possono anche essere impostati o le immagini possono essere raggruppate in sprites.

È proprio questa abbondanza di opzioni di impostazione che rende il modulo PageSpeed poco pratico dal punto di vista dell'hoster.

Ottimizzazione via HTML - dal vivo e via cache

Ma come funziona esattamente il modulo PageSpeed di Google? In linea di principio, le stesse o molto simili misure di ottimizzazione sono implementate come raccomandato da Google PageSpeed Insights . Le fasi di ottimizzazione vengono eseguite sia tramite una cache che dal vivo. Per questo, il modulo PageSpeed estrae il codice HTML della pagina e cerca potenziali di ottimizzazione, che poi implementa.

PageSpeed Module per NGINX può essere scaricato con un clic.
Il pacchetto di moduli può essere scaricato dall'area sviluppatori di Google con un clic.

L'implementazione delle misure di ottimizzazione attraverso la cache è la soluzione più complessa. Perché qui devi impostare quali ottimizzazioni devono essere eseguite tramite il server web e la sua cache e quali devono essere eseguite dal modulo stesso. Di conseguenza, l'implementazione delle misure di ottimizzazione deve effettivamente essere impostata individualmente per ogni configurazione di pagina.

La versione live, d'altra parte, richiede un'enorme quantità di RAM e potenza del processore. Così, l'ottimizzazione stessa consuma così tante prestazioni che le pagine si caricano significativamente più lentamente. L'ottimizzazione live è quindi adatta sia a server molto potenti che a siti con pochi visitatori.

Possibilità quasi infinite

Da un punto di vista puramente matematico, i 50 filtri esistenti risultano in un numero molto, molto grande di combinazioni possibili (un numero con 15 zeri). Questo è naturalmente fondamentalmente un vantaggio, perché potete configurare il modulo PageSpeed come vi serve per il vostro sito web. Per noi, tuttavia, questa abbondanza di combinazioni era il killer del progetto.

Modulo PageSpeed Numero di WP Plugins
Non solo il numero di opzioni di filtro nel modulo PageSpeed di Google, ma anche l'abbondanza di diverse configurazioni di pagina, che risultano dai quasi 50.000 Plugins gratuiti da soli, ostacolano un'impostazione globale del modulo PageSpeed di Google.

Le singole pagine possono essere ottimizzate in modo eccellente tramite il modulo - se sai come farlo. Perché qui c'è solo una serie di requisiti. Come hoster, tuttavia, dobbiamo considerare tutta una serie di configurazioni diverse WordPress . E questo è il nocciolo della questione: Perché l'impostazione del modulo dovrebbe essere così generale che tutti i siti esistenti sono coperti da esso, così come la maggior parte dei siti potenzialmente nuovi.

Questo lascia solo un numero molto piccolo di filtri possibili. Tuttavia, questi a loro volta hanno solo un'influenza minima sul tempo di caricamento della pagina.

Questo è esattamente quello che è successo nel nostro test. E ancora di più: in parte, le pagine erano ancora più lente a causa dell'uso del modulo.

Il modulo di velocità della pagina ha mangiato le nostre prestazioni

Il modulo PageSpeed richiede una quantità relativamente grande di energia. Con i nostri BOX, questo può portare il modulo a consumare più prestazioni di quelle che può guadagnare attraverso l'ottimizzazione. Questo perché il contenuto della pagina web è compresso, ma la compressione a sua volta richiede potenza di calcolo. Quindi il tempo complessivo di caricamento della pagina può soffrire dell'ottimizzazione. Questo è esattamente quello che ci è successo in alcuni casi, specialmente quando le pagine sono state testate sotto carico.

L'ottimizzazione delle immagini è più facile e migliore tramite Plugins

Questo squilibrio è particolarmente evidente nell'ottimizzazione delle immagini: WordPress Plugins non solo è stato in grado di comprimere di più le immagini nel nostro test, ma ha anche funzionato più stabile e ha consumato solo una frazione della potenza.

Anche se l'ottimizzazione delle immagini di Google non è male in linea di principio, abbiamo notato nel nostro test che le immagini precedentemente ottimizzate dal modulo PageSpeed sono state successivamente ancora valutate come degne di ottimizzazione dal test PageSpeed. Queste dichiarazioni paradossali sono purtroppo tipiche di Google PageSpeed Insights.

Conclusione: il nostro hosting è il caso d'uso sbagliato per il modulo Google PagesSpeed

Quindi i due killer del progetto per l'implementazione di una configurazione centrale del modulo PageSpeed di Google erano la diversità dei siti che ospitiamo combinata con la fame di prestazioni del modulo. Pertanto, un'implementazione sul nostro server web Nginx non ha senso al momento.

Per progetti individuali con la potenza di calcolo appropriata, tuttavia, il modulo PageSpeed rimane certamente un'opzione.

Qual è la tua esperienza con il modulo PageSpeed di Google? O hai qualche domanda sull'uso del modulo? Scrivici un commento o contattaci direttamente tramite la chat di supporto su raidboxes.com.

Articoli correlati

Commenti su questo articolo

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *.