Articolo ospite Hootproof

I nostri migliori consigli sui plugin per l'hosting WordPress gestito

L'hosting WordPress gestito ti toglie molto lavoro. Questo significa anche che non hai più bisogno di una serie di plugin. Michelle di HootProof spiega quali sono i plugin di cui non hai più necessariamente bisogno con gli host speciali.

Se utilizzi un hosting WordPress professionale, come quello di Raidboxes , vale la pena dare un'occhiata all'elenco dei plugin attivi. Non tutte le estensioni che rendono WordPress più veloce, più sicuro e più comodo con gli hosting normali sono utili con l'hosting WordPress gestito.

Gli hoster premium si mettono in cache

Con Raidboxes il tuo sito web viene memorizzato nella cache in modo da risparmiare risorse attraverso il server web. La cache aggiuntiva in WordPress comporta un carico aggiuntivo per il tuo sistema ed è quindi in gran parte superflua. In questo caso, puoi addirittura aumentare le prestazioni del tuo sito rimuovendo i comuni plugin di caching:

  • W3 Total Cache
  • WP Super Cache
  • Cachify
  • WP Rocket
  • WP File Cache
  • WordFence

Eccezione: se, ad esempio, utilizzi W3 Total Cache per connetterti a un CDN, puoi ovviamente continuare a usarlo. Tuttavia, assicurati che la Cache della pagina, la Cache del browser, la Cache del database, la Cache degli oggetti e il Minify siano disattivati.

L'ottimizzazione del codice e le misure above-the-fold sono ancora importanti

Tuttavia, alcune misure di ottimizzazione delle prestazioni devono essere eseguite direttamente in WordPress. Tra questi, l'integrazione tardiva di Javascript. Il plugin WP Deferred Javascripts è particolarmente adatto a questo scopo.

Ti consiglio anche il plugin BJ Lazy Load, che ritarda il caricamento di immagini e altri media. Tuttavia, è importante verificare che sia compatibile con il tuo tema e con gli altri plug-in, indipendentemente dall'hosting. Prova diverse configurazioni e testale in finestre del browser in incognito.

Alcuni plug-in di sicurezza sono superflui, ma è necessario rispettare gli standard di sicurezza generali.

Già a livello di server, gli hosting WordPress specializzati sono in grado di respingere gli attacchi di forza bruta meglio dei server web generalmente configurati. Anche i diritti di file e di esecuzione sono adattati in modo ottimale al funzionamento di WordPress fin dall'inizio e sono quindi fondamentalmente più sicuri.

Tuttavia, dovresti occuparti tu stesso della sicurezza di base dell'area di amministrazione di WordPress. Dovresti avere installato almeno il Limit Login Attempts (su Raidboxes questo viene fatto per te con ogni nuova installazione di WordPress) per prevenire gli attacchi brute force al tuo backend.

Inoltre, ovviamente, si applicano le misure di sicurezza generali:

  • Usa password forti e uniche
  • Condividere i tuoi dati di accesso solo con partner fidati (ad esempio l'assistenza tecnica).
  • Consenti la registrazione in WordPress solo se necessaria e limitala a un ruolo "innocuo" come quello di abbonato o cliente.
  • non utilizzare temi, plugin o script di dubbia provenienza
  • non mettere a disposizione per il download file di dubbia provenienza di cui non puoi valutare la provenienza stessa

A mio parere, puoi tranquillamente fare a meno di WordFence (di cui si è già parlato con i plug-in di caching) e di altri plug-in di sicurezza simili "tutto in uno". Di solito non vanno molto d'accordo con la cache del server, mettono a dura prova le prestazioni e non aumentano in modo significativo la sicurezza effettiva.

Backup dei plugin? Non hai più bisogno di

Raidboxes crea automaticamente dei backup giornalieri dell'intera installazione di WordPress e li conserva per un massimo di 30 giorni, a seconda della tariffa. Potrai quindi ripristinare il tuo sito da questi backup in qualsiasi momento e gratuitamente. Inoltre, puoi creare manualmente un backup prima di apportare modifiche importanti, direttamente dalla gestione del tuo account all'indirizzo Raidboxes-Dashboard.

Un plugin di backup aggiuntivo in WordPress non è quindi necessario. La creazione di un backup da WordPress occupa sempre spazio sul tuo server web. A seconda delle dimensioni dell'installazione, può trattarsi di diverse centinaia di megabyte. Questo vale anche se il backup viene successivamente spostato su un altro server o su una risorsa esterna, ad esempio Dropbox. Inoltre, la creazione del backup richiede una potenza di calcolo temporanea che non è disponibile per lo scopo effettivo del sito web durante questo periodo.

Puoi quindi rimuovere i seguenti plug-in con la coscienza pulita:

  • BackWpUp
  • Amico di backup
  • VaultPress
  • Backup del DB di WP
  • BackupWordPress
  • Gestore DB WP
  • VersionePress

Non tutti i plugin sono supportati dagli hoster gestiti

Altri plugin che comportano un carico pesante sul server web o che utilizzano funzioni del server che molti hoster premium non consentono per motivi di sicurezza e di risorse:

  • EWWW Image Optimizer: una buona alternativa è WP Smush, a pagamento, perché in questo caso le immagini vengono ottimizzate nel cloud e non direttamente sul tuo server web.
  • Broken Link Checker: per controllare tutti i link, questo plugin genera innumerevoli richieste al tuo sito web. Utilizza invece gli Strumenti per i Webmaster di Google e i servizi basati sul web come Broken Link Check o un software locale (ad esempio LinkChecker) per trovare i link rotti senza appesantire WordPress.

Conclusione: l'hosting WordPress gestito ti toglie molto lavoro

L'hosting WordPress gestito solleva te e la tua installazione di WordPress da molte attività essenziali e a volte può svolgerle in modo molto più efficiente e migliore. In particolare, devi preoccuparti della sicurezza e delle prestazioni solo in misura limitata. Soprattutto dopo il trasloco, vale la pena di riordinare accuratamente i tuoi plugin per trarre ancora più vantaggio dal tuo nuovo hosting premium e per dare al tuo sito web un ulteriore impulso alle prestazioni.

Ti è piaciuto l'articolo?

Con la tua valutazione ci aiuti a migliorare ancora di più i nostri contenuti. Grazie!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati da *.