Caching di WordPress

Indispensabile: non puoi fare a meno del caching di WordPress

Non è solo un buon hosting WordPress a migliorare i tempi di caricamento del tuo sito web: senza una corretta cache, i siti web WordPress sono tremendamente lenti. Ecco perché in questo articolo ti spieghiamo quali sono i tipi di caching per WordPress, come funzionano e come puoi utilizzare il caching sui tuoi siti web WordPress.

Sicuramente conosci il problema che le persone non sono molto pazienti su internet al giorno d'oggi: Se un sito web impiega troppo tempo a caricarsi, si allontanano rapidamente. Sono in gioco frazioni di secondo ed è qui che entra in gioco il caching. È di gran lunga lo strumento più importante per ottimizzare i tempi di caricamento. La cache fa sì che WordPress non debba ricostruire ogni sito web nel browser, ma che possa fare affidamento su una versione già costruita.

Poiché WordPress si basa su PHP, che rende il CMS relativamente lento, la cache è il fattore più importante per il tempo di caricamento delle pagine.

"*" indica i campi obbligatori

Consenso*
Questo campo è per la convalida e non deve essere modificato.

Come funziona la cache di WordPress

In linea di massima, più elementi dinamici contiene il tuo sito WordPress, più lungo sarà il tempo di caricamento. Gli elementi dinamici includono cestini della spesa, calendari interattivi o mappe. In breve: tutti gli elementi e le funzioni che necessitano di aggiornamenti frequenti o che devono essere caricati singolarmente. Gli elementi statici, invece, sono elementi che rimangono sempre uguali, o almeno lo sono per alcuni gruppi di utenti. Queste parti della pagina possono essere semplicemente memorizzate nella cache.

E questo è ciò che una cache fondamentalmente fa sempre: trasferisce il mix di fogli di stile, JavaScript, immagini ecc. in un documento HTML statico, lo memorizza temporaneamente e lo distribuisce quando il sito web viene richiamato. In questo modo, ogni volta che il sito web viene richiamato, viene fornito lo stesso modello. Questo significa che ogni elemento non deve essere ricalcolato ogni volta che si richiama il sito web. Pertanto, la chiamata con la cache è molto più veloce di quella senza.

Quando il sito web viene richiamato senza essere memorizzato nella cache, è necessario intervenire sul server web e sul database, per dirla in parole povere. I processi di elaborazione avvengono su entrambi. Una cache evita questi calcoli e fa risparmiare molto tempo.

WordPress Caching Cache della pagina
Una cache "accorcia il percorso" che la pagina deve compiere per arrivare al dispositivo finale. Con la cache della pagina, una versione della pagina viene memorizzata sul server. Ancora più veloce è la cache del browser, dove la pagina viene memorizzata direttamente nel browser.

Il sistema di caching è doppiamente importante per WordPress, perché WordPress è basato su PHP. Senza la cache, i siti web WordPress funzionano molto velocemente solo con un hardware altrettanto potente e quindi costoso. La cache è quindi fondamentale per i tuoi siti web WordPress.

Tra l'altro, le cache stesse sono memorizzate sul disco rigido o nella memoria principale (RAM). Alcuni plug-in permettono di passare da una variante all'altra. Una cache memorizzata nella RAM è particolarmente veloce. Tuttavia, questo riduce anche la potenza di calcolo disponibile per il tuo sito web da quel momento in poi. Per questo motivo, le cache basate sulla RAM sono più comuni per i siti con un traffico estremamente elevato, perché la potenza disponibile è comunque sufficiente.

Se la cache si trova sul disco rigido, la consegna sarà molto più lenta. Questo vale soprattutto se il tuo server web utilizza un disco rigido HDD. Gli hard disk SSD sono quindi un investimento sensato anche per quanto riguarda la cache di WordPress, in quanto sono molto più veloci dei loro predecessori HDD. La cache sul disco rigido del tuo server web, inoltre, non grava sulla sua potenza di calcolo.

Il caching di WordPress è possibile sia nel browser che nel server web.

In pratica, hai due opzioni per usufruire rapidamente di un buon caching di WordPress. O utilizzi un plugin di caching, oppure il tuo host web ha già impostato una cache sul lato server.

Tipi di cache di WordPress
Selezione dei tipi di cache per WordPress

Entrambe le modalità prevedono la creazione di una cosiddetta cache della pagina. Ciò significa che un sito web viene caricato completamente a intervalli di tempo fissi e memorizzato come versione HTML statica nella cache. Quando questo sito web viene richiamato, il sito web prefabbricato viene consegnato in frazioni di secondo.

Puoi adottare un approccio diverso con la cache del browser. In questo caso, i dati non vengono memorizzati sul server web, ma sul dispositivo finale. Il loro browser web salva la pagina e la tiene a portata di mano per le chiamate successive. Puoi attivare la cache del browser sia tramite i plugin di caching di WordPress che attraverso le impostazioni del file .htaccess. Se il tuo host web si occupa della cache per te, dovrebbe configurare la cache del browser di conseguenza. La cosa più importante per la cache del browser è l'intervallo di aggiornamento. Un valore comune è un mese, cioè 30 giorni.

Plugin di caching per WordPress - o lato server dall'host web

Esistono alcuni plugin di caching per WordPress molto popolari. Ad esempio, W3 Total Cache, WP Super Cache o WP Rocket. Le offerte variano da quelle estremamente complesse a quelle estremamente semplici e comprendono sia offerte gratuite che a pagamento.

Anche la gestione e il supporto differiscono: i plug-in a pagamento spesso offrono più opzioni di impostazione e un supporto personale, mentre i plug-in gratuiti di solito si affidano "solo" a un forum di supporto.

I plugin di caching per WordPress a pagamento possono fare molto di più del semplice caching: comprimono il codice, lo ottimizzano, mettono in cache il database, la pagina, definiscono la cache del browser e molto altro ancora. Questo significa che i potenti plugin di caching di WordPress possono richiedere un notevole lavoro di configurazione prima di funzionare in modo ottimale.

Cache degli elementi dinamici

Anche se la cache della pagina è lo strumento più importante della cache di WordPress e di solito offre il maggior potenziale di risparmio in termini di tempo di caricamento, non devi limitarti ad essa. Anche le parti della pagina che non sono coperte dalla cache della pagina possono essere messe in cache. Ad esempio, c'è il database: una cache del database memorizza temporaneamente i contenuti del database richiesti di frequente e quindi velocizza le chiamate che non possono essere memorizzate nella cache.

Esiste anche la cosiddetta cache degli oggetti. Funziona in modo simile alla cache del database: memorizza temporaneamente gli elementi dinamici a cui si accede di frequente. Per inciso, la combinazione di cache del database e cache degli oggetti non è consigliata.

La cache di WordPress presenta anche degli svantaggi

Ridurre sensibilmente il tempo di caricamento del tuo sito WordPress è l'obiettivo più importante della cache. Ma il caching comporta anche uno svantaggio: Se la cache di WordPress è attivata, le informazioni non vengono più recuperate in diretta. A seconda dell'impostazione della cache, il contenuto della pagina potrebbe non essere aggiornato. Questo vale, ad esempio, per gli articoli del blog modificati successivamente, ma anche per le descrizioni dei prodotti. Se, ad esempio, inserisci una nuova foto al posto di un'immagine esistente, la vecchia immagine della cache potrebbe essere ancora visualizzata sui dispositivi finali per giorni.

Dovresti essere consapevole di questo problema, ma non è grave. Molti strumenti di caching ti permettono di impostare la "data di scadenza" della cache individualmente e di eliminare le cache manualmente. Lo stesso vale per la cache di WordPress lato server. Quindi, se ti assicuri di svuotare la cache dopo le modifiche importanti, puoi sbagliare di poco.

Inoltre, devi sempre tenere presente che ci sono alcuni elementi dinamici che non possono essere memorizzati nella cache. Questo vale, ad esempio, per i cestini della spesa o per i contenuti personalizzati o i suggerimenti sui prodotti. Una cache non avrebbe senso nemmeno in questo caso, perché minerebbe l'individualizzazione e la personalizzazione di questi elementi. Lo stesso vale per i sondaggi o i calendari personalizzati, ad esempio. Questo è anche il motivo per cui i siti WordPress con tali elementi richiedono una maggiore potenza di calcolo.

Conclusione: impostare correttamente la cache di WordPress può essere complesso

In teoria, una cache è relativamente semplice: memorizza la pagina e la rende accessibile più rapidamente spegnendo i processi di elaborazione e le query al database. In pratica, però, questo concetto si scontra con i contenuti dinamici e personalizzati delle pagine. L'attivazione e l'impostazione della cache possono quindi essere molto veloci per alcuni siti WordPress, ma molto impegnative per altri.

Anche i grandi e potenti plugin di caching di WordPress non sono facilmente e rapidamente configurabili in questi casi. Tuttavia, offrono molte leve per ottimizzare i tempi di caricamento. 

Il caching lato server, cioè tramite il web host, è sicuramente la soluzione più semplice. Perché in questo caso, di solito basta un clic per dotare la pagina della cache corrispondente. Tuttavia, la gamma di funzioni di queste cache può variare da un host web all'altro e in parte non è configurabile nel dettaglio.

Hai già esperienza con i vari plugin di caching di WordPress o hai già dato un input per la nostra cache WordPress lato server? Allora saremo lieti di ricevere il tuo feedback!

Ti è piaciuto l'articolo?

Con la tua valutazione ci aiuti a migliorare ancora di più i nostri contenuti. Grazie!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati da *.