WordPress  multilingue

Istruzioni: WordPress multilingue a WPML Multidomain

hai bisogno di WordPress multilingue? Ci sono diverse varianti di implementazione. Sotto forma di un percorso all'interno dell'URL(example.de/en), come sottodominio(en.example.de) o come multidominio. In questo caso, ogni lingua riceve il proprio dominio. Da un punto di vista SEO, questa è la migliore opzione per il multilinguismo con WordPress e WooCommerce.

La nostra scelta in FirmCatalyst è caduta sul multidominio proprio per questo motivo. È chiaro quale dominio è responsabile di quale contenuto. Inoltre, ogni versione linguistica può essere progettata in modo diverso a seconda del gruppo target o del paese. In questo tutorial ti mostreremo come rendere il tuo sito web multilingue in pochi passi.

Obiettivo dell'integrazione: il contenuto tedesco del nostro sito web aziendale è ospitato su firmcatalyst.de, mentre il contenuto inglese è ospitato su firmcatalyst.com. Inoltre, gli URL della nostra vecchia struttura(firmcatalyst.com e firmcatalyst.com/it/) devono essere reindirizzati correttamente.

Hai bisogno dei seguenti strumenti o servizi per questo tutorial:

  • Il tuo dominio .de (o altro)
  • Un secondo dominio, come .com
  • Il WPML Plugin
  • Hosting WordPress da Raidboxes
  • Foglio di calcolo o tabella Excel

La funzione funziona anche con Polylang. Tuttavia, solo se hai attivato la modalità di compatibilità WPML in Polylang. Se hai domande, utilizza i commenti alla fine del post. Oppure contatta l'assistenza all'indirizzo Raidboxes.

Creare un sito WordPress web multilingue

Per garantire che la fiducia che i motori di ricerca hanno riposto nei nostri URL non vada persa, è importante che tutti i link del tuo sito web siano inoltrati correttamente. In questo modo è più facile per i motori di ricerca capire il contesto del reindirizzamento in un secondo momento. E sanno dove si trovano i nuovi contenuti corrispondenti. Ecco le nostre istruzioni passo dopo passo:

Salva gli URL in una tabella

Per prima cosa crea una tabella con tutti gli URL del tuo sito web. Questo verrà utilizzato in seguito per verificare che non siano stati commessi errori:

Cambio di lingua di inoltro WordPress
L'elenco dei reindirizzamenti

Cambiare il record A dei domini

Per questo tutorial è importante che entrambi i domini puntino allo stesso web hosting (in questo caso Raidboxes). Per farlo, passa al tuo sitoBOX all'indirizzo Raidboxes. Copia l'indirizzo IP e sostituisci il record A del tuo dominio presso il rispettivo host web:

L'indirizzo IP del Box
L'indirizzo IP di BOX a Raidboxes
Cambia il registro A
Regolazione dell'A-Record

BOXCambia il tipo in un multidominio BOX

Vai sul tuo sito Dashboard all'indirizzo Raidboxes . In BOX alla voce Impostazioni -> Server -> BOX-Type troverai l'opzione BOX-Type: WPML Multidomain. Questo deve essere attivato. Attenzione: disattiva temporaneamente il tuo certificato SSL durante la configurazione!

Multidominio BOX
Sbloccare il multidominio WPML

La vista all'interno della panoramica del tuo dominio cambierà. Ora puoi configurare il dominio da utilizzare per la seconda lingua:

Configura il dominio
La configurazione dei domini per la seconda lingua

Per completare la configurazione di Raidboxes , è importante aggiungere il forwarding www. per la seconda lingua. Questo deve essere fatto manualmente. Se hai fatto tutto correttamente, tutte le frecce dovrebbero segnalare "luce verde".

Nota: l'aggiornamento delle voci DNS a livello mondiale potrebbe richiedere alcune ore.

Stato multidominio
Stato dell'inoltro

Ora puoi attivare nuovamente l'SSL. Questo processo richiede solo pochi secondi su Raidboxes . Se utilizzi un servizio come Cloudflare per i tuoi domini, allora devi attivare lo stesso tipo di crittografia per entrambi i domini, ad esempio"SSL - Full Strict":

Cloudflare multidominio
Tipo di crittografia per Cloudflare

Altrimenti, otterrete un errore come questo:

Cloudflare Errore SSL multidominio
Messaggio di errore del certificato SSL non valido

Configurare WPML

Installa il WPML Plugin e attiva la tua licenza. Nel backend del tuo sito, nella scheda"WPML", troverai l'opzione:"Site Language". Configura le lingue desiderate in questa finestra di selezione e scegli quali lingue devono essere servite sul tuo sito web:

Lingue WPML
Imposta la lingua per WPML

Nel prossimo campo di configurazione"Language Url Format" si definisce su quale percorso può essere chiamata la rispettiva lingua. Poiché ospitiamo la lingua su un dominio separato, selezioniamo l'opzione:"Un dominio diverso per lingua". Inserisci nel campo di input, in quale dominio si può trovare la lingua:

Lingua del dominio WPML
Lingua per dominio in WPML

E questo era tutto! La configurazione del tuo sito web multidominioWordPress dovrebbe ora essere completata con successo. Controlla se la versione in seconda lingua del tuo sito web è accessibile senza problemi.

Impostare i reindirizzamenti al nuovo dominio

Per esperienza, i redirect sono trascurati dalla maggior parte dei webmaster o web designer. Eppure questi sono essenziali per l'ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO). In quale altro modo i motori di ricerca dovrebbero sapere dove si può trovare il nuovo contenuto? Tutti i backlink che il tuo sito ha costruito naturalmente prima d'ora non portano da nessuna parte. E quindi perdono il loro valore.

Per evitare che ciò accada, devi utilizzare un reindirizzamento 301 per mostrare dove è possibile accedere alla nuova pagina. Puoi trovare informazioni sui reindirizzamenti 301 - e altri importanti consigli per il tuo successo con Google - nella guida ai controlli SEO di Dominik Stein. Nel nostro caso, i contenuti tedeschi erano ospitati su firmcatalyst.com/en/*. Ora dobbiamo impostare i reindirizzamenti appropriati in modo che gli URL di firmcatalyst.de/* siano accessibili.

Fortunatamente, l'hosting WordPress di Raidboxes offre la possibilità di creare i tuoi reindirizzamenti nel backend del tuo sito BOX : In Impostazioni -> Reindirizzamenti -> Reindirizzamenti Url. In alternativa, puoi anche utilizzare un plugin per creare i reindirizzamenti. Ad esempio, Yoast SEO o Redirection for WordPress o WooCommerce.

I reindirizzamenti effettuati dal server sono più efficienti dal punto di vista delle risorse e più veloci di quelli creati dai plug-in o da PHP. Per maggiori informazioni sui reindirizzamenti in Raidboxes , consulta la pagina d'aiuto corrispondente.

301 Reindirizzamento o inoltro per Raidboxes
301 Reindirizzamento o inoltro per Raidboxes

Il tuo compito ora è quello di inserire manualmente gli URL del tuo foglio di calcolo Excel sotto "Redirects". Alla fine, l'elenco dei reindirizzamenti si presenta così:

Inoltro 301
La panoramica dei reindirizzamenti

Effetti sulla SEO

La corretta integrazione di contenuti multilingue è un problema importante per molti siti web. Spesso ci sono molte insidie per quanto riguarda la corretta integrazione, le lacune di sicurezza, la compatibilità con altri Plugins e la traduzione del contenuto.

Per l'ottimizzazione dei motori di ricerca, è fondamentale integrare correttamente il cosiddetto tag hreflang. Il tag hreflang indica ai motori di ricerca che il contenuto di una pagina web esiste anche per un'altra lingua.

Il WPML Plugin lo farà per te. Tuttavia, per essere al sicuro, si raccomanda di controllare due volte se il tag href-lang è effettivamente usato correttamente. Potete usare il validatore hreflang di Sistrix per questo scopo. Fino a 25 richieste al giorno sono gratuite.

controllare hreflang
Controlla hreflang con Sistrix

Decisivi per la migrazione dei contenuti di un sito web in un'altra lingua sono:

  • La struttura del sito web
  • Il tag hreflang
  • L'inoltro corretto dei contenuti esistenti

Se non si implementano queste insidie correttamente, allora può avere effetti a lungo termine sull'ottimizzazione dei motori di ricerca. Quindi elaborate un piano per la futura struttura dell'URL del vostro sito web. Una preparazione adeguata è molto importante in questo caso.

WPML Multidominio: Le tue domande

Hai domande su questo argomento? Sentiti libero di utilizzare la funzione di commento. Vuoi essere informato sui nuovi contributi di WordPress? Allora seguici su Twitter, Facebook o tramite la nostra newsletter.

Foto contributo: Kyle Glenn

Ti è piaciuto l'articolo?

Con la tua valutazione ci aiuti a migliorare ancora di più il nostro contenuto.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati da *.