Correzioni rapide dal 2020: l'inizio della grande riforma dell'IVA dell'UE

Dominik Larcher Ultimo aggiornamento 21.10.2020
7 Min.
soluzioni rapide eu iva
Ultimo aggiornamento 21.10.2020

Tra il 2022 e il 2024, l'UE introdurrà una riforma globale dell'IVA. Al fine di fornire maggiore chiarezza su transazioni a catena, trasferimenti intracomunitari e magazzini di spedizione Per garantire l'efficacia del sistema, ci saranno le cosiddette "soluzioni rapide" come misure di emergenza.

Quali sono queste soluzioni rapide?

Le attuali norme IVA dell'Unione Europea sono in realtà solo una soluzione temporanea dell'UE - anche se sono in vigore da decenni. Con un piano d'azione dell'Unione, le cosiddette "Quick Fixes", vuole ora soddisfare i nuovi requisiti della rete internazionale e della digitalizzazione - e, tra l'altro, in Europa creare un principio più semplice per l'IVA che dovrebbe limitare gli abusi. In questo articolo vogliamo mostrarvi cosa significa, quali sono i passi necessari e come potete trarne vantaggio.

Prima delle correzioni rapide per il 2020, c'è già stato un cambiamento nella legge per le piattaforme online e i commercianti italiani il 1° gennaio 2019: da allora, non è più il commerciante stesso ad essere responsabile dell'IVA non pagata, ma la piattaforma online. Di conseguenza, Amazon, eBay & Co. richiederanno in futuro un certificato secondo il § 22f, che dimostri loro che il commerciante ha pagato correttamente l'IVA.

Tra le altre cose, la prossima riforma colpisce il principio del paese di destinazione. Questo deve essere modificato nella misura in cui l'esenzione fiscale non è più prevista nel paese d'origine di una cessione intracomunitaria (o intracomunitaria). Invece, l'IVA sorgerà nel paese della società che riceve la fornitura. Per quanto riguarda i paesi terzi, tuttavia, i regolamenti attuali rimarranno in vigore.

Soluzioni rapide come misura immediata contro l'abuso

Le correzioni rapide sono solo un primo passo verso una nuova e definitiva regolamentazione dell'imposta sul valore in Europa aggiunto. Entreranno in vigore il 1° gennaio 2020 sotto forma di misure immediate. Negli anni dal 2022 al 2024, tutte le misure dovrebbero finalmente entrare in vigore e le leggi uniformi dovrebbero diventare giuridicamente vincolanti.

Lo scopo principale delle misure di emergenza è quello di prevenire frodi e abusi. In particolare, il commercio intracomunitario di beni dovrebbe beneficiare dei cambiamenti, semplificandolo e rendendo più difficili gli abusi.

A partire dal 2020, ci saranno molte innovazioni per quanto riguarda il sistema europeo dell'IVA, che riguarderanno, per esempio, le operazioni a catena, le forniture intracomunitarie e le scorte in conto deposito. Spiegherò cosa si intende con questo tra un momento.

Quali soluzioni rapide arriveranno presto?

Di seguito, riassumiamo per voi i cambiamenti della riforma. Con questo, vorremmo darvi una panoramica di ciò che dovrete osservare nella vostra azienda dal 1° gennaio 2020 - in modo che possiate

  1. Risparmierete sulle vostre tasse,
  2. lavorare in modo conforme alla legge e
  3. potete risparmiarvi la fatica di studiare da soli la nuova giurisprudenza.

Linee guida a livello europeo per le transazioni a catena

linea infobox

Definizione: transazione in serie
In una transazione in serie, non solo due società sono coinvolte in una consegna. Inoltre, un intermediario aiuta nel trasporto delle merci. Si parla di una transazione in serie quando lo stesso articolo viene consegnato uno dopo l'altro e trasportato direttamente dal primo fornitore all'ultimo acquirente.

linea blu
Cos'è una transazione in serie?
Ecco come può essere illustrato un accordo in serie.

Per la prima volta, i Quick Fixes introdurranno una direttiva a livello europeo per quanto riguarda la tassazione dell'imprenditore medio. Finora, le tasse sono variate da uno stato membro dell'UE all'altro - nonostante la stessa situazione.

La situazione è diversa se il trasporto dell'intermediario avviene per conto del primo o dell'ultimo commerciante: In questo caso, la spedizione della merce è attribuita al primo o all'ultimo commerciante.

Cosa significa questo per te e per il tuo negozio online?

I rivenditori online dovrebbero rivedere le loro procedure e processi interni per quanto riguarda i prossimi cambiamenti. Si devono fare degli aggiustamenti interni? Le vendite internazionali devono essere ricalcolate a causa della riforma?

Nel complesso, le correzioni rapide sono destinate a rendere il trattamento dell'IVA più economico e più facile per i rivenditori online. E coloro che si informano per tempo possono sicuramente beneficiarne.

Come le forniture intracomunitarie sono esenti da imposta

linea infobox

Definizione: fornitura intracomunitaria
Una fornitura intracomunitaria è una fornitura transfrontaliera di beni e prodotti all'interno dell'UE. Questo è esente dall'imposta sul fatturato.

linea blu

In futuro, condizioni più severe si applicheranno all'esenzione fiscale delle forniture intracomunitarie. Le condizioni materiali per l'esenzione fiscale di queste forniture saranno completate come segue:

  • Il numero di partita IVA dell'acquirente è disponibile.
  • L'acquirente è registrato ai fini dell'IVA in uno Stato membro dell'UE diverso dal paese di origine della spedizione.
  • L'ID dell'IVA è registrato nel sistema VIES (noto anche come sistema VIES).
  • La consegna è riassunta correttamente.

Se l'acquirente non ha un ID IVA valido, la cessione intracomunitaria è immediatamente tassabile. Attualmente, solo le multe sono dovute se il regolamento non viene rispettato. Questo non si è ancora tradotto in un debito d'imposta.

Cosa significa questo in termini concreti?

Per voi come operatore di un negozio online B2B, questo significa che ora dovete andare sul sicuro quando richiedete l'ID IVA. Se si commettono errori qui, si è minacciati da una responsabilità fiscale - e quindi una reale perdita di denaro. Al fine di garantire che tutte le informazioni nel riepilogo delle consegne intracomunitarie siano corrette, potrebbero essere necessarie nuove strutture e processi interni - per esempio, per poter fare un'interrogazione sicura e regolare dell'ID IVA dell'acquirente con l'aiuto di WooCommerce e German Market.

Prove dalle parti interessate

Inoltre, secondo i Quick Fixes, entrambe le parti di una fornitura intracomunitaria devono fornire prove. Va da sé che questi non devono essere in contraddizione tra loro. Queste prove possono essere di vario tipo: lettere di vettura CMR, fatture dello spedizioniere, polizze di carico o fatture di trasporto aereo.

Documenti sostitutivi dei documenti di supporto

Tuttavia, se è disponibile solo una prova, i seguenti documenti possono sostituire la seconda prova:

  • Registrazioni bancarie che dimostrano che la spedizione è stata pagata o una polizza assicurativa per la spedizione.
  • Documenti ufficiali, ad esempio da un notaio, che confermano che le merci sono arrivate nello Stato membro di destinazione.
  • Una ricevuta firmata da un depositario nello Stato membro di destinazione che conferma il deposito delle merci.

Vantaggi e svantaggi dell'innovazione

Il nuovo regolamento presenta i seguenti vantaggi e svantaggi per le italiani aziende:

Un aspetto negativo è l'aumento del carico amministrativo, poiché in futuro saranno richiesti due documenti o prove.

Dal lato positivo, l'unificazione dei regolamenti significa che non è più necessario studiare le leggi dei singoli stati membri dell'UE. Invece, c'è una soluzione più semplice e unificata. Si può anche contrastare la frode fiscale e promuovere un mercato equo.

stock

Regolamenti unificati per le scorte di spedizione

Se guardiamo all'equipaggiamento transfrontaliero dei magazzini di spedizione, ci imbattiamo in diversi regolamenti e obblighi di fornire prove in tutta Europa.

linea infobox

Definizione: Consignment warehouse
IConsignment warehouse sono magazzini situati nelle vicinanze (cioè almeno nello stesso stato) dell'acquirente. Qui, la merce rimane nell'inventario del venditore fino a quando l'acquirente la rimuove.

linea blu

Con l'introduzione delle correzioni rapide per l'IVA nel 2020, entrerà in vigore una nuova direttiva a livello europeo che escluderà le distorsioni della concorrenza in futuro e fornirà un quadro chiaro e più semplice dei regolamenti. Non importa in quale stato membro dell'Unione Europea si trovi un imprenditore.

Per esempio, c'erano in precedenza questioni irrisolte sulla determinazione della base imponibile nel caso di un acquisto intracomunitario e di una successiva cessione.

Cosa cambierà?

Grazie alla nuova legislazione, il fornitore nel paese di destinazione sarà sollevato da alcuni obblighi di registrazione e dichiarazione. Le forniture intracomunitarie possono essere accettate in futuro nelle seguenti circostanze:

  • Le merci sono consegnate a un magazzino di spedizione in un altro Stato membro e da lì a un altro commerciante.
  • Il fornitore non è stabilito in uno Stato membro di destinazione né sta per stabilirvi uno stabilimento verso il quale i prodotti sono trasportati.
  • Il fornitore conosce già l'identità e il numero di identificazione IVA del cliente.
  • Il fornitore e l'acquirente hanno ciascuno un unico registro.
  • La merce deve essere consegnata all'acquirente entro un anno dall'immissione nel magazzino di spedizione.

In questo caso, la cessione intracomunitaria e l'acquisto avvengono solo quando i beni vengono rimossi dal magazzino di spedizione. Questo permette di evitare la registrazione IVA del primo operatore nel paese di destinazione.

Supponiamo che la merce venga restituita al paese di stoccaggio entro un periodo di dodici mesi e che la transazione venga registrata di conseguenza: In questo caso, non c'è movimento, anche se i requisiti per esso sono soddisfatti. Di conseguenza, il periodo di differimento tra la messa in deposito e il prelievo della merce è uniformemente fissato a dodici mesi.

Inoltre, è ora possibile sostituire l'acquirente con un altro acquirente - a condizione che questo cambiamento sia iscritto nel registro e che siano soddisfatte anche le altre condizioni.

In definitiva, è quindi vantaggioso per le parti coinvolte poter agire in modo più flessibile e con certezza giuridica nella valutazione del deposito di spedizione ai fini dell'IVA.

Vantaggi e svantaggi della riforma fiscale?

Vantaggi

  • Pene più severe per la frode fiscale
  • Concorrenza leale
  • Soglie di consegna più alte
  • Chiara definizione di consignment stock e transazioni in serie

Svantaggi

  • Sforzo amministrativo
  • Più controllo e prove

Conclusione: le soluzioni rapide non sono ancora la fine

In sintesi, questo significa che le soluzioni rapide in materia di IVA ora forniscono chiarezza in tutta l'Unione europea: niente più lunghe ricerche quando si tratta di un nuovo stato membro dell'UE, niente più costose consulenze legali e un rischio significativamente ridotto nella transazione.

Dopo tutto, le leggi applicabili sono note dalla Germania e sono applicabili in tutta Europa.

Tuttavia, è anche chiaro che le soluzioni rapide sono solo un primo passo nella riforma dell'IVA e non ancora la fine. L'Unione europea mira a una riforma completamente uniforme per gli anni 2022-2024. Fino ad allora, le soluzioni rapide mostrano la direzione in cui vanno le cose - indipendentemente dallo stato membro.

Purtroppo, l'argomento delle soluzioni rapide è abbastanza complicato, soprattutto all'inizio, e richiede una certa conoscenza delle tasse. Se hai altre domande o qualcosa non è ancora chiaro, sentiti libero di lasciarmi un commento!

Immagini: Ciao sono Nik | Unsplash, hellotax

Dominik lavora come content manager in hellotax. Ama i contenuti di alta qualità e strutturati, così come i contenuti profondamente ricercati intorno ai temi delle tasse e di Amazon.

Articoli correlati

Commenti su questo articolo

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *.