Attenzione alla frequenza di rimbalzo - 6 modi semplici per ridurre la frequenza di rimbalzo.

Viktor Fink Ultimo aggiornamento 20.10.2020
8 Min.
Ridurre la frequenza di rimbalzo
Ultimo aggiornamento 20.10.2020

La frequenza di rimbalzo è molto importante per l'analisi del tuo sito web. La frequenza di rimbalzo è il numero di visitatori che lasciano il tuo sito web - o una delle tue sottopagine - dopo pochi secondi. Come proprietario di un sito web dovresti conoscere la frequenza di rimbalzo delle tue sottopagine più importanti. Questo è l'unico modo per determinare il successo del tuo contenuto. Come regola, la frequenza di rimbalzo dovrebbe essere mantenuta più bassa possibile. A proposito, la frequenza di rimbalzo è un forte fattore di ranking per Google. Una ragione in più per occuparsene. Di seguito, vorrei spiegarvi la frequenza di rimbalzo in modo più dettagliato.

Definizione e calcolo della frequenza di rimbalzo

La definizione della frequenza di rimbalzo è relativamente facile da capire rispetto ad altri concetti di analisi web: Un "bounce" descrive una sessione di un visitatore in cui visita solo una singola (sotto)pagina e poi lascia di nuovo il tuo sito web. In questo scenario, la pagina di entrata è anche la pagina di uscita.

La frequenza di rimbalzo è calcolata da tutte le sessioni in cui solo una singola pagina è stata visitata senza ulteriori azioni (ad esempio lasciando un commento o cliccando su una sottopagina). (per esempio lasciando un commento o cliccando su una sottopagina) diviso per il numero totale di sessioni.

L'analisi della frequenza di rimbalzo ti dà quindi un sacco di intuizioni sulle prestazioni del tuo sito web. Perché: la frequenza di rimbalzo ti dice come si comportano i tuoi visitatori sul tuo sito web e quanto bene si integrano. Fondamentalmente, il lasciare la pagina gioca il ruolo fondamentale qui. 

Esempio di calcolo e altri fattori della frequenza di rimbalzo

Esempio: Per esempio, se 40 visitatori lasciano una pagina di destinazione sul tuo sito web senza interagire ulteriormente sulla pagina e un totale di 100 visitatori sono stati contati, la frequenza di rimbalzo è del 40%.

Fattori addizionali: colpi dell'evento

Un visitatore non può aprire una nuova sottopagina, ma può aggiungere un articolo al carrello o condividere una pagina tramite un pulsante su Facebook. Queste interazioni sono anche registrate e minimizzano la frequenza di rimbalzo. 

Qui sono importanti tre fattori:

L'evento colpisce: l'utente fa clic su un pulsante.

Colpi di transazione e-commerce: un articolo è stato acquistato o aggiunto al carrello della spesa.

Social-Plugin-Hits: una pagina è condivisa attraverso le reti sociali.

l'evento ha colpito i raidbox

Tasso di rimbalzo vs. tasso di uscita

Tasso di rimbalzo e tasso di uscita sono spesso considerati sinonimi, o almeno considerati per fornire in definitiva gli stessi dati. Questo è un grande equivoco e può portare a un'analisi errata della frequenza di rimbalzo e a decisioni sbagliate.

A prima vista, entrambi i concetti misurano cose simili, poiché analizzano il comportamento dei visitatori quando lasciano il sito web. Tuttavia, c'è una differenza importante nel calcolo: 

Come descritto in precedenza, la frequenza di rimbalzo misura la percentuale di visitatori che entrano in un sito web (punto di ingresso) e lo lasciano di nuovo prima di interagire con esso in qualsiasi modo. Il tasso di uscita, d'altra parte, descrive la percentuale di visitatori che hanno lasciato il sito web dopo aver visto una particolare pagina - indipendentemente da quante sottopagine del sito web hanno visitato in precedenza nella sessione.

Esempio: un visitatore arriva sulla tua homepage e clicca su "Chi siamo" (buono per la frequenza di rimbalzo della homepage, perché un'altra azione è stata fatta). Tuttavia, il visitatore rimane sulla pagina "Chi siamo" solo per 3 secondi e poi chiude la pagina (male per il tasso di uscita della pagina "Chi siamo").

Tassi medi di rimbalzo

tasso di rimbalzo raidbox

La domanda su quali valori di frequenza di rimbalzo descrivono una frequenza di rimbalzo bassa, alta o media è difficile da rispondere. Perché ciò che rappresenta un'alta frequenza di rimbalzo per alcuni può essere considerato basso da altri. Ultimo ma non meno importante, lo scopo della sottopagina, il design o il settore devono sempre essere considerati quando si valuta la frequenza di rimbalzo. 

In rari casi, un'alta frequenza di rimbalzo è effettivamente vantaggiosa. Per esempio, lasciare l'articolo di un blog potrebbe indicare che il lettore ha risposto a tutte le domande e non c'è bisogno di ulteriori ricerche. 

Come regola, la frequenza di rimbalzo ti dà un'indicazione di quanto rilevante e "accattivante" i tuoi visitatori trovano il contenuto del tuo sito web. Tuttavia, non dovresti basarti solo su questo valore quando analizzi il tuo sito web. Perché per valutare il successo e le prestazioni del tuo sito web, dovresti sempre includere diversi fattori come le visualizzazioni di pagina, il tempo di permanenza, l'interazione e la velocità di caricamento. In questo modo avrete un'impressione completa del comportamento dei visitatori.

Cos'è una buona frequenza di rimbalzo?

I tassi di rimbalzo standard dell'industria considerano tutto ciò che supera il 50 per cento come alto e tutto ciò che è tra il 20 e il 50 per cento come basso. Qualsiasi cosa al di sotto del 20% è probabilmente un errore e dovrebbe essere indagato.

Una buona frequenza di rimbalzo dovrebbe essere tra il 20 e il 50 per cento delle visite totali. Tuttavia, è importante considerare altri strumenti di misurazione e tecniche di analisi per ottenere una visione completa del comportamento dei visitatori del tuo sito web. Perché, come detto sopra, non si può dare una linea guida generale qui.

Come controllare la frequenza di rimbalzo del tuo sito web

Ora che sai cosa significa effettivamente la frequenza di rimbalzo, ti spiegherò nel prossimo passo dove puoi leggere questo valore. Per fare questo, è necessario guardare i dati di Google Analytics del tuo sito web. Oltre alla frequenza di rimbalzo, Google Analytics fornisce anche altre metriche interessanti che aiutano a interpretare il comportamento degli utenti. Sfortunatamente, andrebbe oltre lo scopo di questo articolo entrare nei dettagli.

Come impostare Google Analytics in WordPress è spiegato da Jonas Tietgen di WP Ninjas in questo tutorial.

Per prima cosa, accedi a Google Analytics. Seleziona la scheda "Panoramica del pubblico". Qui ci sono anche molte altre metriche che possono essere molto utili. Qui sono elencate tutte le informazioni sulla frequenza di rimbalzo. Qui puoi vedere quanto è alto il tasso di rimbalzo della tua homepage e come si comportano le tue sottopagine e gli altri link. Questo vi darà una visione migliore e più chiara. Per l'intero sito, basta cliccare sulla metrica della frequenza di rimbalzo, che include anche un grafico per il periodo di tempo definito.

panoramica del gruppo di destinazione raidbox

Clicca su "Comportamento" per le singole pagine e poi su "Tutte le pagine". Vedrete una lista delle pagine e dei link del sito e il tasso di rimbalzo specifico.

6 modi per migliorare la tua frequenza di rimbalzo:

Una volta che hai capito il concetto di frequenza di rimbalzo, la tua prossima domanda è probabilmente: "Perché la frequenza di rimbalzo del mio sito web è così alta?" e, più importante, "Come posso abbassare efficacemente la mia frequenza di rimbalzo?" Di seguito, ti mostrerò sei punti di partenza per ottimizzare la tua frequenza di rimbalzo.

#1: Ottimizzare il contenuto delle tue (sotto)pagine

Uno dei modi più semplici per ridurre la frequenza di rimbalzo di una pagina o addirittura dell'intero sito web è quello di migliorare il contenuto stesso. In un certo senso, questo dovrebbe essere autoesplicativo. Più il contenuto è interessante o meglio scritto, più è probabile che il visitatore rimanga sul tuo sito e scopra cos'altro ha da offrire. Se si tratta di e-commerce, può anche costruire la fiducia, rafforzare il vostro marchio o incoraggiare ulteriori vendite. 

Naturalmente, anche la pertinenza del tuo contenuto è importante. Gli argomenti che non corrispondono al gruppo target del tuo sito web sono suscettibili di incontrare il disinteresse e portare ad un aumento della frequenza di rimbalzo.

Suggerimento: Assumi un copywriter per i tuoi contenuti web. Questa è una spesa una tantum che si ripaga molto rapidamente. Ottieni preventivamente delle referenze dal copywriter. Il suo stile di scrittura ti fa venire voglia di comprare? Se è così, vai pure!

#2: Assicurare una buona leggibilità e struttura

Il contenuto si riferisce non solo ad articoli interessanti o media divertenti, ma anche alla leggibilità dei testi scritti. I siti web ad alto contenuto di testo possono essere riempiti con le informazioni più rilevanti - ma se il sito non è strutturato in modo attraente, la prima impressione fallisce. 

Assicurati di usare un mix di immagini, elenchi puntati, sottotitoli e citazioni. Dopo tutto, se il contenuto è presentato in un modo coinvolgente e fornisce ai tuoi lettori il valore che stanno cercando, è più probabile che siano interessati a più contenuti e non rimbalzino. 

Se vuoi che i tuoi visitatori compiano una certa azione, dovresti mettere delle chiamate all'azione appropriate. Per esempio, puoi includere un modulo con la call-to-action "Se vuoi ricevere più informazioni su questo argomento, iscriviti alla nostra newsletter". Questo ridurrà anche la tua frequenza di rimbalzo.

#3: Evitare l'uso di pop-up

Usando pop-up invadenti, distrai il tuo visitatore dalla lettura e comprometti l'esperienza dell'utente. Quindi, dovreste usarli solo selettivamente e soprattutto assicurarvi che il contenuto del pop-up sia rilevante per il lettore in quel momento. 

I popup possono effettivamente aiutare a costruire una lista di abbonati con un certo grado di efficacia. Tuttavia, ci sono misure più efficaci che non sono neanche lontanamente così invadenti. Per esempio, banner pubblicitari abilmente posizionati a cui i visitatori possono rispondere non appena hanno l'opportunità di impegnarsi con il contenuto.

Suggerimento: L'unica eccezione qui sono i "pop-up di uscita". Questi sono i pop-up che appaiono quando si vuole lasciare una pagina. Certo, potrebbero infastidire il tuo visitatore - ma stavano comunque per lasciare il tuo sito. Perché non dovresti usare la tua ultima possibilità?

#4: Usare parole chiave mirate (SEO)

Ridurre la frequenza di rimbalzo richiede sempre un mix di tattiche. Uno dei più affidabili è l'uso mirato di parole chiave. La chiave è la pertinenza, non includere il maggior numero possibile di parole chiave.

Il miglior punto di partenza è quello di utilizzare parole chiave con un alto valore di traffico. Ma come puoi scoprire quali parole chiave sono rilevanti per il tuo sito web? Beh, non è così complesso come si potrebbe pensare. Per esempio, uno strumento utile per identificare parole chiave mirate per il tuo sito web è Google Keyword Planner. Lo strumento è gratuito, hai solo bisogno di un account Google.

pianificatore di parole chiave raidbox

Una guida dettagliata su come eseguire una ricerca di parole chiave ti dà Dominik Stein in questo articolo.

Usa due o tre parole chiave rilevanti sul tuo sito web. Ripetete qualche volta. Tuttavia, non dimenticate che state scrivendo per gli esseri umani e non per le macchine. Quindi, per favore, evitate frasi come le seguenti:

"08/15 Fensterbau Dortmund GmbH - migliore costruzione di finestre Dortmund, se avete bisogno di finestre Dortmund 08/15 Fensterbau Dortmund è ottimale per chi cerca finestre Dortmund. Windows Dortmund".

5: Controlla le tue meta descrizioni

Le meta descrizioni sono le informazioni che appaiono direttamente sotto la descrizione del titolo di un sito web in una ricerca su Google. Quando la tua pagina appare nei risultati di ricerca di Google, molti dei tuoi potenziali visitatori del sito leggeranno prima la tua meta descrizione. Con la frequenza di rimbalzo in mente, è importante non attirare i tuoi visitatori con false promesse.

google meta descrizione

Se la tua meta descrizione dice "frigoriferi a 30 euro", anche se nessun articolo nel tuo negozio di frigoriferi costa meno di 100 euro, i visitatori lasceranno il tuo negozio delusi senza interagire ulteriormente con il tuo sito. La conseguenza: la tua frequenza di rimbalzo aumenta. 

#6: Includi video sul tuo sito web

Un video su una landing page aumenta il tasso di conversione fino all'80%. Naturalmente, questo ha anche un effetto positivo sulla frequenza di rimbalzo. Un breve video esplicativo sarà più che sufficiente. Se un video animato non rientra nel tuo budget (ancora) e non ti piace stare davanti alla telecamera, una registrazione del tuo schermo e una traccia audio di te che lo spieghi sono spesso sufficienti. Per ottenere una qualità del suono decente, si dovrebbe usare un buon microfono.

Conclusione:

Una bassa frequenza di rimbalzo è una buona indicazione che i visitatori stanno interagendo con il tuo sito web e che stai fornendo loro contenuti rilevanti. Con i suggerimenti e i trucchi di questo articolo, non solo puoi scoprire qual è la tua attuale frequenza di rimbalzo. Voglio anche darvi misure pratiche su come migliorare la vostra frequenza di rimbalzo. Con questo in mente: buona fortuna per l'ottimizzazione del tuo sito web!

Viktor Fink è uno dei due fondatori e amministratori delegati dell'agenzia pubblicitaria bitseven a Düsseldorf. L'imprenditore allena le sue capacità di leadership e soprattutto di presentazione in varie produzioni teatrali e con i Toastmasters di Düsseldorf. In quest'ultima associazione ha servito per anni come membro del comitato esecutivo. Prima che Viktor iniziasse la sua attività, ha studiato storia all'Università Heinrich Heine.

Commenti su questo articolo

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *.