Content Marketing per agenzie e freelance: cosa conta davvero

Jan Tissler Ultimo aggiornamento 20.10.2020
8 Min.
Marketing dei contenuti per le agenzie
Ultimo aggiornamento 20.10.2020

Come dovrebbe essere il content marketing per agenzie e freelance per farlo funzionare? C'è spesso confusione intorno al termine content marketing. Inoltre, ci sono molte definizioni diverse. In questo post vi spiegherò di cosa si tratta. E quali meccanismi funzionano meglio.

Definizione e delimitazione: cos'è il Content Marketing

Affinché il content marketing funzioni, è necessario il giusto atteggiamento di base. E naturalmente, questo è vero solo se si sa a cosa è destinato e adatto il content marketing.

Il problema inizia con il termine stesso. Perché più si guarda da vicino il content marketing, più diventa chiaro: La parola marketing è qui fuorviante. È tutta una questione di contenuti. E non dovrebbe promuovere e nemmeno vendere qualcosa. Piuttosto, dovrebbe realizzare soprattutto due cose:

  • Portare il pubblico giusto al tuo sito
  • Ottenere un cambiamento positivo nell'atteggiamento di queste persone verso la vostra azienda

Questo sembra abbastanza innocuo all'inizio, ma è più difficile di quanto sembri. Daremo un'occhiata più da vicino a questi punti tra un momento. Prima di farlo, è importante sottolineare: Ci sono tutti i tipi di definizioni di content marketing. Alcuni dicono anche qualcosa come: "Tutto il marketing è content marketing".

Questo ha poco senso dal mio punto di vista. Perché il fatto che hai bisogno di contenuti anche per il marketing non è una nuova intuizione. Annunci, cataloghi, opuscoli: Queste cose esistevano prima di Internet. Ciò che è nuovo, tuttavia, è che le aziende stanno ora creando e distribuendo contenuti che in precedenza sarebbero stati disponibili principalmente in pubblicazioni specialistiche e how-to.

Il contenuto e il viaggio del cliente

In altre parole, la novità è che il content marketing inizia all'inizio del customer journey. Vale a dire, quando i futuri clienti cominciano a capire che hanno un problema. Hanno appena iniziato a cercare una soluzione. Ed è allora che si spera che incontrino il tuo contenuto. Dovrebbero trovarti abbastanza competente e degno di fiducia da prendere in considerazione le tue offerte.

Questo contenuto è quindi pianificato e realizzato con una prospettiva più giornalistica. I bisogni di informazione dei lettori sono in primo piano. Il tuo contenuto dovrebbe essere utile, utile e non promozionale. Il marketing dei contenuti è spesso paragonato all'editoria aziendale, che significa principalmente riviste per i clienti.

Una grande differenza, tuttavia, è che la soglia di ingresso per il content marketing è significativamente più bassa. Un altro è il potenziale sproporzionatamente maggiore: un contenuto eccezionale può raggiungere molte più persone di una rivista stampata per i clienti. Questo è semplicemente perché tali articoli possono ancora essere trovati e raccomandati mesi e anni dopo - a seconda dell'argomento. Perché non si tratta di riempire pagine di carta più e più volte. Qui si tratta di creare di gran lunga il miglior contenuto per il rispettivo numero.

Contributo nomadi digitali
Il contenuto autentico funziona molto bene anche nel nostro blog

Questo viene poi mantenuto fresco e aggiornato nel corso degli anni, invece di creare continuamente nuovi contenuti. Ciò che il content marketing e l'editoria aziendale hanno in comune, tuttavia, è che le vendite non sono l'obiettivo principale qui - e il successo può quindi essere misurato solo indirettamente. Daremo un'occhiata più da vicino a questo tra un momento.

Rivolgersial giusto gruppo target

Gli utenti scoprono nuovi contenuti in due modi principali:

  1. Puoi trovarlo in un'offerta di ricerca (Google, YouTube, Pinterest...).
  2. Ti viene raccomandato (Facebook, Twitter, LinkedIn, email, messenger...)

Ti occupi di SEO? Poi ovviamente sapete che a seconda dell'argomento può essere difficile o impossibile atterrare davanti nei motori di ricerca. Ma ci sono sempre possibilità alternative: Per esempio, ci si concentra su una domanda più specifica, su un punto di vista particolare o su un gruppo target altamente focalizzato. Come semplice esempio: invece di ottimizzare il tuo sito web in generale per la parola chiave "WordPress ", ti concentri su "WordPress Siti web per agenti immobiliari a Colonia " - perché questa è una delle tue specialità.

Anche il SEO inizia idealmente con la ricerca: Dovresti avere chiare le parole chiave essenziali e le domande che il tuo contenuto deve affrontare. Se ottimizzi il tuo contenuto per i motori di ricerca come Google solo dopo, allora perdi molto potenziale.

Questa analisi iniziale è molto importante quando si tratta del tuo SEO. Leggi le nostre guide passo dopo passo sulla ricerca delle parole chiave e sulla creazione di un audit SEO.

È anche importante fare una ricerca sulla concorrenza: cosa copre già il contenuto esistente? Quanto sono fatti bene? Cosa manca? Come puoi superare questi post, video o grafici in modo che il tuo contenuto si distingua significativamente meglio? Perché solo allora si ha la possibilità di essere notati.

Ultimo ma non meno importante, è importante tenere a mente l'intento di ricerca. Perché come spiegato prima: il tuo content marketing dovrebbe raggiungere le persone all'inizio del loro customer journey. Potrebbero non avere ancora un'idea chiara di ciò di cui hanno bisogno, di ciò che è disponibile sul mercato e di come le singole offerte differiscono le une dalle altre.

Allo stesso tempo, non ogni argomento dovrebbe essere basato principalmente sul SEO. Perché qui, ovviamente, sarete trovati solo per le cose che il vostro pubblico di riferimento sta già cercando attivamente. Questo non è sempre il caso, specialmente con le nuove soluzioni.

Questo è anche il motivo per cui è importante considerare allo stesso tempo la "condivisibilità" del tuo contenuto: In altre parole, deve soddisfare tutti i requisiti affinché si diffonda bene sul web sociale. O in modo che siano raccomandati in altri modi come email e messenger.

La produzione di massa non funziona più

Di nuovo, queste basi includono assicurarsi che il tuo contenuto sia appropriato, interessante e abbastanza buono da essere raccomandato in primo luogo. Le richieste di contenuti sono in costante aumento. Se non altro perché il numero di contenuti continua ad aumentare. Gli articoli e i video intercambiabili non fanno più molto. Quello che tutti possono fare, tutti lo fanno già.

Per esempio, i tuoi articoli e post hanno bisogno di un titolo accattivante e di una bella miniatura. Perché queste sono le due cose che un utente vede sul social web. Pertanto, dovresti evitare le foto stock senza senso e arbitrarie: Sono meglio di niente, ma davvero non ricordo quante persone in ufficio che stringono la mano e sorridono ho visto in vita mia. Più che sufficiente, direi!

Un cosiddetto content hub serve come un importante punto di contatto per i tuoi contenuti - sia come freelance, agenzia o per altri siti web. Questa può essere una semplice landing page o un'elaborata rivista aziendale. Vedi i consigli di Jan sul Content Hub.

Investi qualche minuto in più qui per trovare qualcosa che si distingua positivamente dalla solita monotonia. Tieni presente che il tuo contenuto ha solo pochi secondi (o frazioni di secondi) per innescare il clic che speri. Inoltre, quelle miniature devono ancora funzionare quando le vedi in formato francobollo sul tuo smartphone.

Pubblicare immagini per il blog
Potenti immagini astratte spesso si convertono molto bene

Altri consigli per aumentare la condivisibilità dei tuoi contenuti:

  • Incoraggia attivamente le persone a condividere il contenuto della tua pagina. I pulsanti di condivisione possono essere implementati in modo conforme alla privacy, per esempio con Shariff Plugin per WordPress .
  • Metti in giro citazioni e dichiarazioni interessanti che possono essere inviate direttamente come tweet.
  • Costruisci una grafica da postare e raccomandare su Pinterest.

Questa lista potrebbe continuare. La cosa importante è: Il primo passo è far conoscere alle persone giuste te, i tuoi profili sociali e la tua pagina. Per questo è necessario

  1. Conosci bene il tuo gruppo target
  2. Poi sviluppare il contenuto appropriato
  3. Infine, implementare questi in modo ottimale come descritto

Una volta fatto questo, si passa al passo successivo nel processo di content marketing.

Causare un cambiamento positivo

Sembra poco spettacolare, ma il tuo contenuto così minuziosamente creato e distribuito dovrebbe davvero "solo" causare un cambiamento positivo nel gruppo target. È così che Robert Rose, tra gli altri, lo descrive nel suo provocatorio articolo per il Content Marketing Institute. Provocatorio perché chiede la fine della misurazione del successo dei contenuti.

Ma questa è solo metà della verità: Naturalmente, si dovrebbe misurare il successo del contenuto. Ma questo non viene fatto attraverso i tipici dati di misurazione come le visualizzazioni di pagina o i clic. Dopo tutto, cosa significa per un'azienda alla fine della giornata se la sua stessa newsletter ha trovato 5.000 lettori? Prima di tutto, niente di niente. Invece, la domanda è: come si comportano questi iscritti alla newsletter in modo diverso dagli altri utenti? Com'è il comportamento tipico ideale di un utente?

In generale, il contenuto nel content marketing è l'inizio di una sequenza, si spera più lunga, di azioni e ulteriori cambiamenti nel gruppo di destinazione. Anche lo stratega di contenuti Mirko Lange la vede in questo modo. Ha riassunto i suoi risultati in questa interessante presentazione. C'è molta strada da "Produciamo contenuti" a "Facciamo più vendite e profitti". Raramente ci sono scorciatoie. Piuttosto, ci vuole pazienza per generare i cambiamenti desiderati nel pensiero e nel comportamento del gruppo target.

Prima di tutto, si stabilisce il contatto - e si crea l'attenzione. La fiducia del marchio deve essere rafforzata. Allo stesso tempo, vuoi assicurarti che i potenziali clienti pensino prima alla tua azienda. Con il tempo, svilupperanno idealmente una preferenza per il marchio. E solo questo alla fine contribuirà al successo dell'azienda e si rifletterà in un aumento delle vendite.

Mantenere i lettori invece di conquistarli e basta

Ciò che questa sequenza mostra anche è che non è sufficiente portare il tuo pubblico target sul tuo sito una volta. Una volta che l'hai fatto, vuoi tenerli. Puoi farlo, per esempio, con la suddetta newsletter. Può essere uno strumento antiquato, ma funziona ancora alla grande in molti settori. E hai il grande vantaggio di possedere la tua lista di distribuzione e-mail (che hai ovviamente impostato in conformità con le norme sulla protezione dei dati). Con le e-mail, nessun algoritmo interferisce. Nessuno ti dice come, quando e quanto spesso puoi raggiungere i tuoi potenziali clienti.

Ma se l'email non va bene, per esempio perché il tuo gruppo target preferisce altri canali di comunicazione, allora ovviamente rispondi a questo. L'importante è che il tuo contenuto all'inizio del viaggio del cliente ti mantenga nella mente di queste persone. Questo può essere ottenuto anche attraverso utili download o una serie di utili email.

Casella di posta elettronica
Promuovi la tua newsletter in luoghi centrali

Per molte aziende, agenzie e freelance, è una strana idea all'inizio quella di investire risorse in qualcosa che non porta entrate dirette. Tuttavia, questo non dovrebbe esservi completamente sconosciuto. Dopo tutto, il servizio clienti ha uno status simile: il suo impatto può spesso essere determinato solo indirettamente, per esempio attraverso i sondaggi.

Una pagina di destinazione o di prodotto è più facile: ha uno scopo chiaro che si può misurare con relativa facilità. Con un articolo di consigli utili e non promozionali, invece, le cose sembrano diverse. Quanti euro di vendite porta alla fine? Quando avete raggiunto il ritorno dell'investimento qui? Non è così facile da dire. In un post separato, spiegherò più in dettaglio come si può misurare il successo dei contenuti.

Come decide il suo gruppo target?

Ma il fatto che tu raggiunga il tuo gruppo target così presto è davvero importante. Altrimenti, i tuoi potenziali clienti potrebbero finire prima dai tuoi concorrenti - e alla fine essere convinti delle offerte e dei prodotti lì. Tenete a mente: le decisioni non sono prese razionalmente come ci piace credere.

  • Quanto bene si sente un potenziale cliente?
  • Quanto si fida questa persona di un'azienda?
  • Quanto si sente compresa?

Tutto questo gioca nella decisione.

Il marketing dei contenuti è molto simile a un primo appuntamento: ci si conosce e forse ci si accorda per un secondo appuntamento. Una proposta di matrimonio di solito non arriva dopo i primi minuti. Tuttavia, è così che si comportano alcune aziende: Non appena sono arrivato sul sito web, devo comprare qualcosa. Soprattutto con prodotti e offerte più complesse, questo non ha senso.

Non fraintendetemi: io stesso sono un imprenditore. So che alla fine della giornata devo guadagnare dei soldi. Ma deve anche essere chiaro che solo una parte delle sue attività contribuisce direttamente alle entrate. Molti altri non lo fanno. Hanno altri compiti che sono almeno altrettanto importanti.

Qual è la tua opinione sul content marketing? Che domande hai per Jan? Sentitevi liberi di usare la funzione di commento. Vuoi essere informato sui nuovi articoli sul marketing online per agenzie e freelance? Allora seguici su Twitter, Facebook o tramite la nostra newsletter.

Jan è un giornalista online e specialista dell'editoria digitale con oltre 20 anni di esperienza professionale. Le aziende lo ingaggiano come autore, consulente o caporedattore. È anche il fondatore e uno dei redattori della rivista UPLOAD. Fotografo, autore della foto: Patrick Lux.

Articoli correlati

Commenti su questo articolo

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *.