Come conquistare il tuo gruppo target sul sito web con l'elevator pitch

Felix Brodbeck Ultimo aggiornamento il 20.10.2020
6 Min.
Il perfetto elevator pitch
Ultimo aggiornamento il 20.10.2020

Attenzione ridotta, mercati saturi e concorrenti a portata di clic. Questi sono solo alcuni dei problemi che un elevator pitch ben formulato sul tuo sito web ti aiuterà a superare.

Totale

Conosci siti web che proprio non rivelano cosa fa la loro società? Qui una buzzword e lì una frase, ma cosa viene offerto e a chi si può solo intuire?

Ci sono molti siti di questo tipo, soprattutto tra i fornitori di servizi. Chiaramente, più il servizio è complesso, più è necessaria una spiegazione. Ma nemmeno i servizi complessi soddisfano essenzialmente esigenze molto semplici?

Cos'è l' elevator pitch?

Il cuore del tuo servizio è il beneficio e il valore aggiunto che il tuo gruppo target ne trae. Con l' elevator pitch il focus della comunicazione è su queste cose. 

La presentazione del tuo valore aggiunto deve essere breve e sufficientemente interessante da convincere chi ti sta davanti in ascensore.

La sfida è quella di formulare il pitch in modo che non si possa fare a meno di leggerlo. Per raggiungere questo obiettivo, ti presento di seguito la mia strategia per un elevator pitch di successo sui siti web.

L' elevator pitch combina le discipline della strategia aziendale, del copywriting e del web design

L' elevator pitch è fondamentalmente un metodo con cui si arriva al cuore della propria proposta di valore in poche frasi. Ti aiuta a raccogliere i visitatori del tuo sito web il più rapidamente possibile e a filtrare i giusti interessati alla tua offerta. Come regola generale, hai 30 secondi per farlo offline. Come sappiamo, online è diverso. Qui abbiamo solo pochi secondi per convincere i visitatori.

Il mio consiglio è quello di metterlo above the fold sulla tua homepage e di rinunciare a qualsiasi cosa che distragga inutilmente. Quindi, se finora hai usato gli slider o i video di background con autoplay, rifletti se ne hai davvero bisogno.

Affinché l' elevator pitch ti porti al successo, dovrai combinare diverse discipline:

  • Strategia aziendale: idealmente, hai una visione chiara della tua strategia, del gruppo target e dell' USP del tuo business.
  • Copywriting: Il tuo elevator pitch deve essere breve e conciso e contenere comunque tutto ciò che è importante.
  • Design: il tuo web design dovrebbe concentrarsi sull'essenziale. Togli tutto ciò che distrae e assicurati che il pitch sia visibile above the fold su tutti i dispositivi.

Gli elementi dell'elevator pitch sono Headline, Subline e Call-to-Actions

Il tuo elevator pitch è idealmente composto dai seguenti elementi, che sono posizionati above the fold sulla tua homepage:

  • Titolo
  • Subline
  • 1-2 Call-to-Action

Headline: cosa fai, per chi, con quale risultato?

Il titolo può essere il tuo slogan e rappresenta al meglio il valore aggiunto del tuo lavoro o dei tuoi prodotti. Rispondi alla seguente domanda con l' headline: cosa stai facendo per chi con quale risultato?

Una semplice formula per il titolo

io aiuto [il gruppo target] attraverso [la tua prestazione] [il risultato o il valore aggiunto del tuo lavoro].

Un esempio con questa formula potrebbe essere:

linea di testa di elevator_pitch_webdesign
L'headline è: aiuto gli operatori di Shopify a generare maggiori ricavi attraverso l'ottimizzazione delle conversioni.

Naturalmente questa formula non è incisa nella pietra. Ma ti aiuterà ad ottenere velocemente un primo risultato su carta. Raccomando sempre di iniziare da qui e poi di sviluppare le proprie formulazioni, se necessarie.

In ogni caso, concentrati sul valore aggiunto delle tue prestazioni. Mettiti nella posizione di un potenziale cliente e pensa a cosa otterrebbe collaborando con te. Pensa chiaramente in termini di benefitsi e non di features!

Concentrandoti sul beneficio delle tue prestazioni, susciti automaticamente interesse nel tuo gruppo target. Quelli giusti verranno attratti e quelli sbagliati bloccati! Magari riceverai meno richieste - ma avranno più potenziale.

Subline: scegli il tuo USP e il valore aggiunto del risultato del tuo gruppo target

Ora che hai entusiasmato i potenziali clienti con il tuo headline, il passo successivo è quello di convincerli con ulteriori informazioni e vantaggi. Questo è ciò che si fa con la subline. Con questa sottolinei il messaggio del tuo headline dando ai lettori i dettagli sui seguenti argomenti:

  • il tuo metodo
  • il tuo punto di forza
  • il tuo gruppo target
  • il tuo servizio principale
  • La tua specializzazione

Non è necessario includere tutti i punti nella subline, perché non dovrebbe essere troppo lunga. Ad esempio, se il gruppo target è già stato menzionato nell'headline, si può fare a meno di esso nella subline.

Un esempio per la subline

Non uso una formula per la costruzione della subline, perché spesso è molto personale. Tuttavia, è bene orientarsi in base ai punti sopra menzionati. Perché con la subline vuoi:

  • suscitare ulteriore interesse nel lettore,
  • confermargli che è al giusto indirizzo con te e
  • indirizzare alle tue call-to-action
Sottolinea_sotterranea_webdesign_subline_del_sensore_pitch
Subline: Ottengo questo risultato grazie a metodi di test A/B innovativi e alla visione olistica dei negozi per ottimizzare l'esperienza dell'utente.

Call-to-Actions: attira gli utenti più in profondità nel tuo sito web

Purtroppo non c'è una ricetta per la giusta chiamata all'azione nella vostraelevator pitch . Tuttavia, posso darvi alcuni approcci da cui potete sviluppare le vostre idee. Come regola generale potete dire quanto segue: quando sviluppate la vostra chiamata ad un'azione, pensate sempre prima all'intenzione dell'utente.

Google ha suddiviso le intenzioni degli utenti in quattro categorie:

  1. Visit in Person: Di norma, si cercano imprese locali.
  2. Website: L'utente sta cercando un sito che già conosce.
  3. Do: L'utente vuole per esempio comprare qualcosa.
  4. Know: l'utente è alla ricerca di informazioni.

Se conosci le ragioni per cui i potenziali clienti vengono sul tuo sito web, potrai ricavare le call-to-action per te stesso. Se c'è più di un'intenzione, concentrati sugli atti di richiesta più urgenti o su quelli che meglio si adattano ai tuoi obiettivi. Ad esempio, per soddisfare due intenzioni, puoi lavorare con le call-to-action primarie e secondarie.

In fin dei conti, però, sono solo supposizioni. Ecco perché è meglio misurare il successo del tuo pitch con Google Analytics o con le heatmap. Se si scopre che pochissime persone reagiscono, è possibile apportare miglioramenti e misurare anche i cambiamenti.

ascensore_pitch_webdesign_CTAs
Chiamata alle azioni: quella primaria indirizza l'utente ai riferimenti e quella secondaria permette all'utente di organizzare una prima chiamata.

Consigli pratici per il tuo elevator pitch

Prenditi il tempo per scrivere

Anche se si tratta di soli 2-4 frasi, la formulazione del tuo pitch può richiedere diverse ore. Per esempio, io ho la tendenza a mettere sempre troppe cose in una sola frase. Ma così la frase risulta troppo lunga e troppo complessa.

Questo porta i potenziali clienti a non leggere completamente la frase o a non capirla correttamente. Quindi riduci tutto all'essenziale. Questo rende anche molto più facile poi incorporare il tutto nel design del tuo sito.

Non "irrompere in casa"

Supponiamo che tu gestisca un'agenzia di marketing online. Allora probabilmente vorresti il maggior numero possibile di nuovi clienti sul tuo sito web. È la tattica migliore, allora, quella di uscirsene subito con la richiesta "Richiedi offerta ora" direttamente nell'intestazione della tua homepage? Sarebbe come inginocchiarsi al primo appuntamento e tirare fuori l'anello...

Date un'occhiata in Google Analytics per vedere qualisiti vengono visitati più spesso dopo aver visto la homepage. Si può dedurre qualcosa da questa scoperta?

Ad esempio, se i visitatori visitano molto spesso la tua pagina delle prestazioni dalla homepage, testa una call-to-action che si collega ad essa. Puoi quindi fare pubblicità sulla tua pagina delle prestazioni con una prima chiamata gratuita.

Misura il tuo successo

I voli alla cieca raramente vanno bene. Quindi metti alla prova il successo del tuo elevator pitch. Cambia qualcosa nel bounce rate? Quanti clic sulle CTA? Rifletti se e come puoi misurare la frequenza delle richieste dei nuovi clienti.

Con Google Tag Manager e Google Analytics, si possono impostare velocemente l'event tracking e gli obiettivi per misurare le prestazioni del tuo pitch.

Altre fonti

Vuoi saperne di più sul perfetto elevator pitch per il tuo sito web? Allora ascolta e il mio podcast sull'argomento e tranne ispirazione.

Cosa ne pensi dell' elevator pitch? Hai delle domande per Felix? Allora commenta pure. Vuoi essere informato sui nuovi articoli sul marketing online per agenzie e liberi professionisti? Allora seguici su TwitterFacebook o nella nostra Newsletter.

Felix è co-fondatore dell'agenzia di web design Webographen. Con il suo piccolo team consulta le piccole e medie imprese e realizza per loro siti web aziendali e portali di contenuti. L'obiettivo principale per lui è quello di creare un valore aggiunto per i suoi clienti e di risolvere le loro difficoltà.

Articoli correlati

Commenti su questo articolo

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con * marcato.