Come fare in modo che il tuo food blog abbia successo

Come fare in modo che il tuo food blog abbia successo

I nostri clienti Anja & Matthias Würfl scrivono un food blog di grande successo. Come ci sono riusciti? Cosa puoi imparare da questo per il tuo progetto di blog? E cosa bisogna tenere a mente quando si parla di SEO? Scopri di più nel loro articolo ospite per wp unboxed.

Cucina un piatto, fotografalo con il tuo cellulare e scrivi qualche riga su di esso. Poi inserisci il testo e le immagini in un sito web e il primo post di un food blog è pronto. Ripeti il tutto due o tre volte a settimana la sera e in pochi mesi il food blog decollerà davvero. Beh, non pensavamo che sarebbe stato così grossolano quando abbiamo lanciato"Die Frau am Grill" nell'autunno 2018. Ma tendiamo a immaginare che l'impresa di creare e gestire un food blog sia un po' più semplice...

Pensiero sbagliato. E in parte anche sbagliata. Ma niente rimproveri! All'epoca eravamo nuovi nel mondo del blogging e termini come parole chiave, SEO e ranking non erano nemmeno parole sconosciute per noi. Semplicemente non li conoscevamo. Il fatto che il nostro sito web abbia avuto quasi mezzo milione di pagine viste lo scorso dicembre (2021) è dovuto a una serie di circostanze: perseveranza, tempo, lotta e denaro.

Per evitare che tu debba investire la stessa quantità di tempo, nervi e denaro, abbiamo riassunto alcuni punti per te. In questo modo potrai concentrarti sull'essenziale: grandi immagini, grandi testi e poi, con sufficiente continuità, il successo arriverà da solo. Se avessimo avuto queste conoscenze nel 2017, il numero di visitatori dello scorso dicembre sarebbe stato almeno il doppio.

Il tuo blog di cucina : solo divertimento o di più?

Dovresti farti questa domanda fin dall'inizio: stai aprendo un food blog per divertimento? Oppure lo fai per divertimento, unito all'intenzione di guadagnare? Ci sono davvero abbastanza persone che non hanno assolutamente intenzioni monetarie con il loro food blog, parlo per esperienza personale.

Se sul tuo blog di cucina pubblichi solo foto e ricette (con o senza testo aggiuntivo), non dovrai preoccuparti di tante cose. Di seguito vedremo cosa succede esattamente. Ma questo non significa che i blogger amanti del divertimento possano smettere di leggere ora. Perché anche loro vorranno sapere come evitare un attacco hacker. Ma di seguito ti spieghiamo meglio come si è svolto l'evento catastrofico!

L'universo di Google, spiegato per i principianti

Per i principianti, come lo eravamo noi un tempo. Non che ora siamo professionisti certificati di Google. Ma posso sicuramente dire a tutti i nuovi arrivati una o due cose che portano letteralmente "avanti" un blog.

Quindi iniziamo con un esempio: il signor Müller cerca su Google consigli sul tema "grigliate di ali di pollo". Nella prima pagina dei risultati di ricerca (in gergo tecnico "SERPs" per "Search Engine Result Pages"), gli vengono naturalmente mostrati i risultati pertinenti all'argomento. E il signor Müller cliccherà sicuramente su uno dei risultati della prima pagina.

Puoi affermare subito che se il tuo sito web si posiziona solo nella seconda pagina dei risultati di ricerca o anche più in basso, per Google non esiste quasi per niente. Questo è un dato di fatto. La stragrande maggioranza delle ricerche su internet si conclude con un clic su uno dei primi tre risultati!

Risultati della ricerca di Google Foodblog
I cosiddetti rich snippet nei risultati di ricerca per le ricette

La domanda di tutte le domande è ovviamente: come ci si arriva, cioè ai posti dall'uno al tre? Lascia che te lo dica in anticipo: Google non mostra i risultati in modo casuale. Un algoritmo utilizza vari fattori per calcolare quale sito web è al primo posto. Non ho ancora letto un articolo in cui siano elencati tutti i fattori, ma c'è accordo su alcuni di essi. E questi vengono comunicati anche da Google stesso. Tre fattori di ranking molto importanti sono:

Backlink

Molti altri siti web rimandano al mio blog di cucina? Se è così, è un buon segno per Google. Almeno se i link provengono da siti autorevoli o di rilievo, ad esempio da altri blog o siti di notizie sul cibo di lunga data. Le pagine con un'autorità particolarmente elevata sono, per citare alcuni leader del settore: bild.de, sz.de o spiegel.de.

Naturalmente, si possono anche comprare backlink al giorno d'oggi. Per esempio, i backlink dalla Russia, alcuni dei quali sono molto economici. Ma Google, d'altra parte, non è stupido. I backlink acquistati possono portare a una penalizzazione nel ranking. Ci sono innumerevoli articoli sul tema dei backlink sul web, anche qui a wp unboxed. Vale la pena mettere su una tazza di tè e passare un pomeriggio del fine settimana a leggere sull'argomento. È meglio farlo subito dopo aver pubblicato i primi articoli sul tuo food blog, non più di un anno dopo l'inizio. - più di un anno dopo l'inizio.

Età del sito web

Beh, più a lungo qualcosa rimane sul mercato, più deve essere migliore, giusto? Questo è vero nella maggior parte dei casi. E questo vale anche per Google. Perché Google deve prima creare fiducia in un sito web. E se un buon contenuto viene pubblicato regolarmente per mesi e anni, allora il motore di ricerca sa: aha, posso mostrare l'URL di questo sito web un po' più in alto nei risultati di ricerca, perché ci si può fidare delle persone. Google misura la qualità dei tuoi contenuti, tra le altre cose, in base al numero di visitatori che rimangono su un sito web e per quanto tempo.

Core Web Vitals

Questo fattore di ranking è stato introdotto solo di recente. Su internet si trovano anche articoli interessanti su questo tema. Tuttavia, vorrei approfondire brevemente l'argomento per i nuovi arrivati. Uno di questi parametri vitali del web è, ad esempio, la velocità di caricamento. I visitatori devono aspettare per sempre il caricamento della pagina? Oppure si carica completamente in una frazione di secondo? Inoltre, ci sono molti pop-up che influiscono negativamente sull'esperienza dell'utente? Ad esempio, i pop-up della newsletter o le pubblicità che disturbano il flusso di lettura?

Inoltre: la pagina "galleggia" o si può scorrere su e giù senza problemi, specialmente nell'area mobile? La Google Search Console gratuita, che consiglio vivamente, vi dice quali miglioramenti dovrebbero essere fatti sulla vostra pagina. E infine, un consiglio se lavorate con molte immagini, come in un blog di cibo: prendete un Plugin proprio all'inizio che comprime le immagini. Questo risparmia molti dati e accorcia il tempo di caricamento.

La donna del Grill Foodblog
Anja al lavoro per il food blog

Parole chiave e lunghezza del testo

Puoi creare la migliore e più deliziosa zuppa di patate e aver scattato le foto più belle, ma il tuo post non compare nei risultati di ricerca? Questo può essere dovuto al fatto che non hai scritto un testo dettagliato, ma hai pubblicato solo la foto, gli ingredienti e la preparazione in forma di testo. Google scansiona tutti i siti web in una frazione di secondo quando cerchi "zuppa di patate": incredibile, ma vero.

Il motore di ricerca non controlla solo i fattori di ranking precedentemente elencati, ma anche: hai usato la parola chiave "zuppa di patate" nel tuo post? Quanto spesso? E in quali luoghi? Inoltre: quanto è lungo il tuo testo rispetto ai siti concorrenti? Se pensi: scriverò un lungo testo e userò la parola "zuppa di patate" all'infinito, stai sbagliando strada. È vero che Google non è ancora arrivato a riconoscere automaticamente la qualità di un testo al 100%. Ma qualcun altro lo comunica a Google: i visitatori del tuo sito web.

Spariscono dopo aver letto qualche frase se il contenuto non è di prima classe. E Google lo nota molto bene. Quindi: se hai affrontato a sufficienza l'argomento dei backlink durante la suddetta tazza di tè del sabato pomeriggio, allora sapete cosa vi aspetta la domenica: una discussione intensiva sull'argomento "parole chiave" e WordPress SEO. Un SEOPlugin per il tuo sito web è molto utile. Per esempio, la versione gratuita di Yoast offre molto supporto.

Integrazione video

Il video è il re. Questo può essere visto, per esempio, nel fatto che in passato sono stati caricati su Instagram più contenuti di immagini che contenuti video, ma ora i contenuti video sono in aumento. Allo stesso modo: piattaforme sociali come TikTok hanno molto successo con il loro modello di video, per non parlare di YouTube. Molti vogliono più che immagini e testo, e Google ne tiene sempre più conto nei tuoi risultati di ricerca. Coloro che ora possono arricchire i loro articoli di food blog con materiale video, come i video dei piatti, sono in chiaro.

Se questo è uno sforzo eccessivo per te, esistono già dei video per molte ricette, ad esempio su YouTube. E puoi integrarli facilmente nei tuoi post. Dì: Hai preparato una deliziosa zuppa di patate? Poi dai un'occhiata a YouTube per vedere se c'è una ricetta simile. Copia l'URL del video e inseriscilo nel tuo post sotto il titolo "Nel video c'è anche una deliziosa ricetta di zuppa di patate". Il bello è che quando le persone guardano il video sul tuo blog, Google conta questo tempo come parte del tempo di permanenza. E più le persone rimangono, più Google pensa che sia cool...

Il giusto WordPress Theme

Un tema infinito che inizia con il Themes. A WordPress Theme è praticamente una struttura prefabbricata per il tuo sito web, senza contenuto, ovviamente. In alternativa, si dovrebbe avere un sito web programmato. Themes è già disponibile gratuitamente o ad un costo ragionevole, ma la programmazione personalizzata di solito costa un sacco di soldi. Abbiamo anche optato per Theme .

Sfortunatamente, non posso darti alcun consiglio su quale scegliere. È davvero una decisione soggettiva come ci si vuole presentare al mondo esterno. Quindi il titolo sopra questo paragrafo non è del tutto corretto, dato che non c'è un solo giusto WordPress Theme . Di nuovo, guardate un po' in giro su internet. Ti consiglio di guardare un sacco di Themes e di approfondire l'argomento. Cambiare il Theme in WordPress dopo costa tempo e denaro. Almeno se non hai familiarità con l'IT dietro il vostro sito web e dovete assumere qualcuno.

Monetizzazione

In tedesco: Geld verdienen mit dem Foodblog. Non ci penserei troppo, almeno all'inizio. Il motivo: prima di tutto, i visitatori devono frequentare il sito. A tal fine, è necessario disporre di buoni contenuti pubblicati regolarmente. Vuoi inserire i grandi annunci pubblicitari all'inizio, inserire molti link di affiliazione e forse anche cercare possibili sponsor? Tutto questo ti distrae troppo dai compiti più importanti: produrre buoni contenuti.

La questione della monetizzazione di solito si risolve da sola per i buoni blog di cucina. Almeno per quanto riguarda gli sponsor: se il food blog è di alta qualità e ha anche un ampio raggio d'azione, si incastrano da soli.

Promozione: Social Media e Newsletter

Al giorno d'oggi, niente funziona senza la pubblicità per il proprio business. E dovrebbe anche essere il più economico possibile, giusto? Allora ti consiglio di raccogliere indirizzi e-mail fin dall'inizio in modo da poter inviare le ultime ricette ai tuoi iscritti alla newsletter una o due volte al mese.

Ci sono moltistrumenti di newsletter per WordPress . Noi usiamo Mailchimp, che è anche gratuito fino a un certo volume. Non posso dirvi se è lo strumento migliore, perché non conosco gli altri. In ogni caso, siamo molto soddisfatti finora. Con una newsletter, porti il tuo blog all'attenzione dei tuoi lettori a intervalli regolari. E questo assicura anche più visite al sito web.

Il tema dei social media non è così semplice. Dato che esistono diverse piattaforme, devi scoprire da solo cosa funziona meglio per i tuoi contenuti. Ad esempio, abbiamo circa 20.000 iscritti a Facebook e circa 10.000 follower su Instagram. Ma riceviamo pochissimo traffico da queste piattaforme. La situazione è diversa su Pinterest. Siamo entrati in Pinterest molto più tardi rispetto a Facebook e Instagram. Ecco, da Google Analytics, le visite al nostro sito web tramite le piattaforme dei social media nel 2021:

Acquisizione sociale Google Analytics
Pinterest è in testa con un ampio margine, seguito da YouTube

Sicurezza

Questo non significa sicurezza in cucina, cioè non tagliarsi il dito😊. O dimenticando, nel caso di un blogger di barbecue, di chiudere il rubinetto del gas dopo aver grigliato. La sicurezza del tuo sito web è di fondamentale importanza. E parlo per esperienza personale e molto dolorosa, come si evince da un'occhiata alla seguente schermata:

Visitatori del sito web Google Analytics
Il numero di visitatori in Google Analytics

Al centro del grafico è possibile notare un rapido aumento del numero di visitatori. All'epoca, all'inizio del 2020, Google aveva iniziato a spingere i nostri post tramite Google Discover. Anche le classifiche delle parole chiave hanno avuto un andamento estremamente positivo. Proprio in questo periodo, il nostro sito web è stato paralizzato da un cosiddetto Japan hack. Per un intero weekend non siamo stati in grado di accedere al backend, cioè al nostro sistema. Ma gli hacker lo hanno fatto. E hanno creato migliaia (!) di URL di spam aggiuntivi sotto il nostro dominio principale. Che confusione!

Il nostro specialista IT è riuscito a ripristinare la versione originale del nostro sito web della settimana precedente. Ma Google non è stato così veloce e ci ha punito in modo massiccio. La curva si è schiantata, come si può vedere meravigliosamente, quasi nel pozzo senza fondo. E non puoi ricostruire la fiducia di Google con la stessa rapidità con cui l'hai persa.

Ecco perché hai bisogno di sicurezza fin dall'inizio. E questo deve avvenire su due lati: prima sul sito web, ottenere il giusto Plugins. Vale sicuramente la pena cercare su Google "sicurezza Plugins per i siti web", o semplicemente leggere questo articolo. Inoltre, si dovrebbe fare in modo che tutto il possibile sia fatto dal lato dell'host del sito web per garantire la sicurezza.

Poco dopo l'attacco hacker, siamo passati a Raidboxes , abbiamo installato altri due plug-in e da allora navighiamo su internet con il nostro blog di cucina...

Le tue domande sul blog marketing

Che domande hai per Anja e Matthias? Sentitevi liberi di usare la funzione di commento. Vuoi essere informato sui nuovi articoli su WordPress e sul marketing online? Allora seguiteci su Twitter, Facebook, LinkedIn o tramite la nostra newsletter.

Ti è piaciuto l'articolo?

Con la tua valutazione ci aiuti a migliorare ancora di più il nostro contenuto.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati da *.