Apprendimenti sulla fuga di notizie da Google Search

I 4 insegnamenti più importanti della fuga di notizie da Google Search Leak

Mai Alla fine del 2024, c'è stata una fuga di notizie senza precedenti su documenti interni di Google che forniscono nuove informazioni sull'algoritmo di ricerca del gigante tecnologico. Questa fuga di notizie ha confermato molte teorie che circolavano da tempo nella comunità SEO, ma ha anche offerto nuove interessanti informazioni. La nostra agenzia partnerUnited Ads conosce molto bene la piattaforma Google, la SEO e la SEA. Ecco perché abbiamo chiesto al CEO Alexander Sperber cosa possiamo imparare dalla fuga di notizie sulla ricerca di Google.

Alex, quanto è stata sorprendente la fuga di notizie da Google per te come agenzia SEO e quali sono gli insegnamenti chiave che tutti possono trarne?

Lavoro con la piattaforma di Google da oltre 15 anni e non c'è mai stata una cosa del genere. È stato uno shock per l'intera comunità SEO, compresi noi. Vorrei parlarti di quelle che secondo noi sono le quattro novità più importanti emerse da questi documenti trapelati.

I dati clickstream e la loro influenza

Una delle maggiori sorprese della fuga di notizie è la conferma che Google utilizza i dati del clickstream per classificare i siti web. Google ha sempre negato di incorporare i dati del suo browser Chrome nell'algoritmo di ricerca o di utilizzare i dati dei clic per determinare le classifiche. Tuttavia, i documenti dimostrano che vengono effettivamente utilizzati sia i dati di Chrome che i cosiddetti long click, ossia le visite più lunghe ai siti web.

Cosa sono i dati clickstream?

I dati clickstream includono informazioni sul comportamento degli utenti su internet, come ad esempio le pagine visitate, il tempo di permanenza su una pagina e i link cliccati. Questi dati provengono spesso da browser web come Google Chrome, che è il browser più utilizzato al mondo.

Cosa sono i clic lunghi?

I clic prolungati si riferiscono a visite più lunghe ai siti web, che dal punto di vista di Google indicano che il contenuto è rilevante e utile.

Questo contrasta con i clic brevi, in cui si torna rapidamente ai risultati della ricerca, che secondo Google possono essere un segno che il sito web non offre ciò che si sta cercando.

Perché Google utilizza questi dati?

Analizzando i dati del flusso di clic e i clic lunghi, Google può capire meglio quali siti web offrono effettivamente agli utenti un valore aggiunto. Questo aiuta Google a posizionare i contenuti di alta qualità e pertinenti più in alto nei risultati di ricerca.

Cosa significa questo per te che gestisci un sito web?

Da questo puoi trarre tre indicazioni:

  • Generare clic lunghi: Non si tratta di una novità, ma questa chiara conferma dell'uso dei dati sui clic è molto importante. Assicurati che i visitatori rimangano più a lungo sul tuo sito web e che siano felici di tornarci, ovvero che generino click prolungati.
  • Migliorare l'esperienza dell'utente (UX): assicurati che il tuo sito web sia facile da navigare, si carichi rapidamente e abbia un design accattivante. 
  • Offri contenuti di alta qualità: Fornisci contenuti che soddisfino le esigenze e gli interessi del tuo gruppo target. Contenuti ben studiati, informativi e utili faranno rimanere i visitatori sul tuo sito più a lungo.

L'influenza dell'intelligenza artificiale sulla SEO

In questo articolo ti spieghiamo come le rivoluzionarie tecnologie AI come Bart e ChatGPT stanno cambiando il gioco della SEO, cosa significa per il tuo marketing digitale e come puoi preparare te stesso e il tuo sito web per il futuro.

siteAuthority - Valutazione del dominio da parte di Google

Un altro dettaglio interessante della fuga di notizie è la menzione della siteAuthority, un valore interno di Google che è paragonabile alla nota Domain Authority di Moz. 

Cos'è la siteAuthority?

siteAuthority è una metrica che Google utilizza per valutare l'autorità e l'affidabilità di un dominio. Questo punteggio aiuta Google a valutare più rapidamente la rilevanza di nuove pagine, soprattutto se non ci sono ancora dati specifici su queste nuove pagine.

Come funziona la siteAuthority?

Analogamente alla Domain Authority di Moz, che si basa su fattori quali il profilo dei link, l'età del dominio e l'affidabilità generale, Google utilizza la siteAuthority per farsi un'idea generale della qualità e della credibilità di un dominio. Se una nuova pagina viene pubblicata da un dominio che ha una siteAuthority elevata, è probabile che Google la valuti in modo più favorevole.

Perché è importante?

Queste informazioni dimostrano che Google utilizza i segnali a livello di dominio per valutare rapidamente la rilevanza e l'affidabilità dei nuovi contenuti. Per te come operatore, questo significa che un dominio forte e affidabile può aiutarti a classificare più velocemente i nuovi contenuti. È quindi importante costruire un dominio ben curato nel lungo periodo.

8 passi per una verifica SEO

In questo articolo ti spieghiamo come scoprire i punti deboli della tua attuale strategia SEO per sviluppare contromisure mirate. Ti spieghiamo passo dopo passo come funziona un audit SEO e quali strumenti ti servono.

Svalutazioni da parte dell'algoritmo

Infine, la fuga di notizie rivela varie penalizzazioni algoritmiche che Google può imporre ai siti web. Di particolare interesse sono le svalutazioni per i siti di recensioni di prodotti e per i siti web che presentano una scarsa navigazione.

Pagine di recensioni di prodotti:

Sembra che Google stia adottando misure particolarmente severe nei confronti dei siti di recensioni di prodotti. Questi siti sono spesso oggetto di spam e di contenuti di bassa qualità, poiché spesso generano entrate attraverso link di affiliazione. 

Se Google scopre che una pagina di recensioni di prodotti è costituita principalmente da contenuti di bassa qualità o non contiene recensioni reali e autentiche, ciò può portare a una svalutazione nei risultati di ricerca.

Navigazione insufficiente:

Un altro dato importante è la svalutazione dei siti web con scarsa navigazione. Gli utenti si aspettano che la navigazione sia intuitiva e facile da usare. Se un sito web è difficile da navigare, impiega molto tempo a caricarsi o ha una struttura confusa, può portare a un'esperienza negativa per l'utente. Google lo riconosce e tende a declassare queste pagine nei risultati di ricerca.

Perché Google sta adottando queste misure?

L'obiettivo di Google è quello di fornire agli utenti i risultati di ricerca migliori e più pertinenti. I siti con contenuti di bassa qualità o con una scarsa guida per l'utente non offrono una buona esperienza d'uso e vengono quindi svalutati. Queste misure mirano a garantire che vengano privilegiati i siti web di alta qualità, utili e facili da usare.

Come puoi contrastare questa situazione?

Per evitare che il tuo sito web venga svalutato dall'algoritmo, dovresti adottare le seguenti misure:

  • Crea recensioni di prodotti autentiche e utili: assicurati che le tue recensioni di prodotti siano autentiche e utili. Evita i contenuti copiati e concentrati sulla creazione di valore aggiunto per gli utenti.
  • Rendi la navigazione chiara e facile da usare: ottimizza la struttura del tuo sito web in modo che gli utenti possano trovare facilmente ciò che cercano. Evita lunghi tempi di caricamento e assicurati che tutti i link e i menu siano intuitivi.

Il ruolo delle query di ricerca del marchio

I documenti trapelati suggeriscono anche che il rapporto tra ricerche del marchio e link in entrata gioca un ruolo importante nella valutazione dei siti web. Se un sito web ha molti link ma solo poche ricerche dirette del suo marchio, questo può essere un segnale negativo per Google.

Cosa significa esattamente?

Le query di ricerca del marchio si riferiscono al numero di query di ricerca in cui gli utenti cercano un marchio specifico, ad esempio "scarpe da ginnastica Adidas" o "TV Sony". Queste query di ricerca mostrano a Google che un marchio è conosciuto e fidato. 

Un alto volume di ricerche sul marchio è un forte segnale che il marchio è popolare tra gli utenti ed è visto come affidabile.

I link in entrata (backlink) sono link di altri siti web che rimandano al tuo sito. Sono un fattore di ranking per i motori di ricerca, in quanto vengono considerati da Google (e dagli altri motori di ricerca) come raccomandazioni. 

Tuttavia, se un sito web ha troppi backlink in relazione alle query di ricerca del marchio, questo può essere un segno che i backlink sono stati creati artificialmente per manipolare i risultati di ricerca e che il marchio stesso non è nemmeno conosciuto.

Cosa fare?

  • Aumenta la notorietà del tuo marchio: investi in campagne di marketing e utilizza i social media, la pubblicità e le pubbliche relazioni per far conoscere meglio il tuo marchio.
  • Concentrati sulla qualità piuttosto che sulla quantità di backlink: Concentrati sulla creazione di backlink di qualità da siti web affidabili e rilevanti piuttosto che sul numero di link.

Conclusioni sulla fuga di notizie da Google Search

La fuga di notizie sulla ricerca di Google offre spunti molto interessanti sul funzionamento dell'algoritmo di ricerca. I documenti trapelati sottolineano l'importanza di un'ottimizzazione dei motori di ricerca seria e sostenibile.

Non è possibile ricavare strategie SEO completamente nuove, ma la perdita mostra chiaramente che un sito web facile da usare, un marchio forte e contenuti autentici e di alta qualità rimangono le chiavi decisive per il successo nell'ottimizzazione dei motori di ricerca.

Qualche parola su United Ads

UnitedAds è una delle agenzie leader per il marketing sulla piattaforma Google da oltre 15 anni. Ci occupiamo di Google Ads e SEO per aziende di medie e grandi dimensioni. 

Per noi è sempre molto importante comprendere a fondo il modello di business e i piani dei nostri clienti. Solo così possiamo sviluppare campagne che possano essere scalate secondo i piani. 

"*" indica i campi obbligatori

Desidero iscrivermi alla newsletter per essere informato sui nuovi articoli del blog, sugli ebook, sulle funzionalità e sulle novità di WordPress. Posso ritirare il mio consenso in qualsiasi momento. Si prega di prendere nota della nostra Politica sulla Privacy.
Questo campo è per la convalida e non deve essere modificato.

Ti è piaciuto l'articolo?

Con la tua valutazione ci aiuti a migliorare ancora di più i nostri contenuti. Grazie!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati da *.