WordPress SEO: ottimizzare i testi per i motori di ricerca

10 Min.
Miglior SEO Plugins per WordPress

Se vuoi raggiungere le classifiche TOP con WordPress , dovresti provare a scrivere testi ottimizzati per il SEO. L'ottimizzazione dei motori di ricerca da sola non vi porterà al primo posto su Google, ma aiuta immensamente a lungo termine. Da cosa dipende esattamente e come WordPress SEO ti supporta, te lo mostro passo dopo passo.

Molti con un sito web non lo sanno nemmeno, ma WordPress offre già una buona assistenza per l'ottimizzazione SEO. Perché il SEO inizia con la scrittura di un post di alta qualità. Beh, in realtà già molto prima. Con un po' di Plugins si può portare WordPress a un altro livello. Questo vi renderà più facile creare post che in seguito otterranno buoni risultati.

Il SEO inizia ancora prima di scrivere

Tieni presente che l'ottimizzazione dei motori di ricerca è un settore molto complesso del marketing online. Non si fa con la creazione di un testo e l'inserimento di alcuni termini di ricerca (parole chiave). Anche prima di scrivere un articolo ottimizzato per il SEO, dovresti sapere chi è esattamente il tuo pubblico di riferimento. Questo significa anche sapere quali interessi hanno i tuoi lettori e che tipo di contenuto li interessa.

In gergo tecnico, i SEO parlano di analisi del gruppo target e di ricerca delle parole chiave. Con il loro aiuto, si determina il focus del contenuto e si determina la frequenza delle query di ricerca nei motori di ricerca. HubSpot ha pubblicato un grande post su come determinare il tuo pubblico di riferimento. Per pianificare approssimativamente l'argomento del tuo testo, ti consiglio di utilizzare alcuni strumenti SEO.

Scoprire i gruppi target e le parole chiave

Come fai a scoprire esattamente quali parole chiave attraggono i tuoi gruppi target? Leggi i nostri tutorial Ricerca delle parole chiave passo dopo passo, Misurare il successo del contenuto e Testare le idee di contenuto in anticipo.

Identificare il potenziale con la ricerca delle parole chiave

Purtroppo, ci sono solo pochi strumenti gratuiti per determinare le parole chiave. Per esempio, Google Search e le altre informazioni fornite lì (tra cui domande simili, rich snippets, Q&A). Inoltre, puoi usare limitatamente Ubersuggest, i Keyword Tools o il Google Keyword Planner (in Google Ads).

Limitato nel senso che tali strumenti - se sono liberi - hanno di solito una portata limitata. Ubersuggest permette solo 3 ricerche senza registrazione. Con i Keyword Tools, la fine è dopo 10 query.

L'alternativa sarebbe una suite SEO, che di solito include un modulo corrispondente per la ricerca di parole chiave. Lì inserisci l'argomento principale e ti verranno suggeriti altri termini di ricerca. Solo questi strumenti costano di conseguenza. Questo potrebbe non essere possibile nel budget di ogni blog.

La struttura dei testi ottimizzati per il SEO

Passiamo alla parte pratica: come si può creare un testo ottimizzato per il SEO con WordPress . Fondamentalmente, non importa se il testo è creato tramite WordPress o con altri software. Le caratteristiche di base di un contenuto di alta qualità e la sua struttura sono le stesse ovunque, anche se si programma la homepage da soli. Naturalmente, differisce leggermente a seconda dell'interfaccia o dello strumento.

Di seguito vi mostrerò cosa rende un grande testo. Oltre a questo, voglio darvi alcuni approfondimenti su WordPress SEO e come potete fare aggiustamenti lì.

Creare una chiara struttura dei titoli

Titoli di primo livello (H1)

Uno degli elementi più importanti sono i titoli di un testo. Con questi puoi strutturare il post ed evidenziare le cose importanti. Il lettore troverà più facile "scandire" il tuo contenuto. Questo sta diventando sempre più importante perché la maggior parte dei visitatori scremano solo il testo. Con l'aiuto dei titoli selezionano i paragrafi pertinenti.

Google guarda anche i titoli nella sua valutazione, quanto è rilevante o buono il contenuto. Tuttavia, i livelli inferiori sono diventati meno importanti negli ultimi anni. Perché Google, come il più grande motore di ricerca, può capire parzialmente i contesti anche senza parole chiave.

La più grande influenza ha l'headline del livello 1, la cosiddetta headline H1. Questo è di solito il titolo del tuo articolo, che usi non solo per descrivere il contenuto. Qui potete vedere l'intestazione H1 nell'editor Gutenberg :

WordPress  H1 Gutenberg Titolo
Il titolo H1 in Gutenberg

L'H1 deve essere considerato come uno strumento con cui si vuole catturare l'attenzione del visitatore. Ecco perché il titolo deve essere convincente! Perché sarà visualizzato ovunque, anche sulla home page del tuo blog e quando il post è condiviso sui social media.

Attenzione: usare H1 solo una volta

L'intestazione H1 dovrebbe essere usata solo una volta in una sottopagina. Sfortunatamente, ci sono modelli e WordPress Themes che non implementano correttamente questa regola. Spesso, per esempio, il logo o il titolo nell'intestazione ricevono un tag H1. Questo porta a intestazioni H1 duplicate, che possono avere un impatto negativo sui tuoi risultati. Dovreste assolutamente evitarlo.

Titoli di secondo e terzo livello (H2, H3)

Inoltre, ti consiglio di concentrarti sui titoli di secondo e terzo livello (H2, H3). Nell'ottimizzazione per i motori di ricerca, questi giocano un ruolo minore rispetto all'intestazione H1 precedentemente menzionata, ma dovrebbero comunque essere utilizzati con urgenza.

A proposito, WordPress offre una grande funzione che ti permette di monitorare la corretta struttura dei tuoi titoli. Puoi trovarlo facilmente nel backend nell'editor Gutenberg direttamente quando scrivi. Date un'occhiata allo screenshot qui sotto:

WordPress  Struttura dei titoli Gutenberg
Struttura dei titoli in WordPress Gutenberg

Per un testo ottimizzato per il SEO, gli elementi del quarto livello del titolo non sono più molto rilevanti. Tuttavia, puoi usarli per strutturare il tuo testo per una migliore visione d'insieme. Questo ha senso soprattutto per articoli molto lunghi e dettagliati.

Con Google, tuttavia, questo ha poco o nessun effetto se si utilizzano termini di ricerca pertinenti. I servizi di ricerca più piccoli come Bing o Yandex ecc, tuttavia, li valutano ancora in parte.

Usare un indice per una maggiore visione d'insieme

Oltre a una buona struttura dei titoli, un articolo ottimizzato per i motori di ricerca è caratterizzato da un indice. Specialmente con testi lunghi aiuta i tuoi lettori a tenere traccia delle sezioni rilevanti.

È meglio includere etichette di salto nell'indice in modo che i visitatori possano saltare alla rispettiva sezione con un clic. Questo contribuisce anche all'usabilità del tuo sito web, che Google considera anche come un fattore di ranking.

In WordPress si può facilmente usare Plugin per questo scopo. Un gran numero di tali Plugins rende possibile la visualizzazione automatica di un indice. In alternativa, molti offrono shortcodes che possono essere utilizzati per determinare manualmente il suo contenuto. Uso il Plugin Easy Table of Contents per la maggior parte dei miei blog. Questo è disponibile gratuitamente e relativamente facile da usare.

Nei miei post, viene poi visualizzato un indice, che può essere espanso o collassato tramite un'icona. L'intestazione può anche essere determinata liberamente. Nell'immagine seguente ho mostrato questo e il pulsante per aprire / chiudere segnato in rosso:

Tabella dei contenuti WordPress  Plugin
Indice con un WordPress Plugin

Immagini e video alleggeriscono il tuo testo

I media sono diventati importanti nell'ottimizzazione dei motori di ricerca. Oltre ai titoli, sono quasi gli unici elementi che possono essere utilizzati per evitare che le sezioni di testo diventino troppo secche e lunghe.

Nel SEO, di solito si consiglia di usare un elemento diverso ogni 300 parole. Questo può essere - come appena descritto - un titolo. Ma ad un certo punto potrebbe essere che il vostro testo contenga troppi titoli. Ecco perché non si dovrebbe mai fare a meno dei media come le immagini o i video.

Avete anche un altro vantaggio. Puoi essere trovato attraverso i media in una ricerca di immagini e video. E non solo su Google. Il marketing su Pinterest sarebbe un'altra alternativa o forse un video su YouTube se lo usi.

Ottimizzare le immagini per il SEO per un post WordPress

Tuttavia, un articolo che si concentra sull'ottimizzazione dei motori di ricerca non include immagini qualsiasi. Le immagini dovrebbero essere di alta qualità, usare le parole chiave allo stesso tempo e naturalmente essere pertinenti. Sia nel nome del file che nelle meta informazioni, si raccomanda l'uso di parole chiave.

Con WordPress è possibile regolare i meta dati nel backend. Per fare questo, devi solo selezionare il file immagine nella panoramica dei media e regolarlo secondo la schermata qui sotto. Ho segnato le voci importanti in rosso nell'immagine seguente:

WordPress  Immagine Meta Descrizione SEO
Metadati importanti per le immagini in WordPress

Inoltre, dovresti evitare di usare la stessa immagine in più post. Perché il nome e i meta file sono ottimizzati per un articolo. In un altro testo, i termini di ricerca molto probabilmente non si adatteranno più in modo ottimale.

Naturalmente puoi caricare di nuovo l'immagine e darle un nuovo nome di file, una descrizione e un'etichetta alternativa. In questo modo, i media sono ottimizzati per il SEO per ogni testo. O puoi almeno cambiare manualmente i metadati dell'immagine dalla libreria multimediale a Gutenberg .

Personalizza i metadati delle sottopagine con un WordPress SEO Plugin

Per ottenere il miglior posizionamento possibile nei motori di ricerca, non si può aggirare un SEO Plugin quando si usa WordPress . Questo perché il software del blog è solo leggermente ottimizzato per i motori di ricerca per impostazione predefinita.

Quale Plugin usi non è così importante. Yoast SEO, RankMath e altri fornitori migliorano la reperibilità dei tuoi contenuti. Qui nella rivista c'era già un confronto tra il citato SEO Plugins.

È molto più importante che i dati corrispondenti siano disponibili. Solo allora possono essere valutati e utilizzati dai motori di ricerca. Google in parte non ha più bisogno di tante informazioni, la concorrenza si basa ancora molto di più su di esse.

Migliorare le meta informazioni con Yoast SEO

Ma diamo un'occhiata usando Yoast SEO. Ho usato questo Plugin per alcuni anni su molti dei miei blog. Ma conosco anche molti blogger che ottengono risultati altrettanto buoni con RankMath e wpSEO. Lì l'approccio può essere leggermente diverso.

In primo luogo, è necessario ottimizzare le informazioni di base. Questo ti permette di definire come il Plugin dovrebbe comportarsi e come il tuo sito apparirà nei risultati di ricerca. È anche possibile impostare l'aspetto per le reti sociali. E si dovrebbe anche fare uso di questo. Per prima cosa, regola le informazioni per la homepage, cioè per la tua pagina iniziale:

Yoast SEO WordPress  Opzioni
Le opzioni per la pagina iniziale di Yoast SEO

Ho evidenziato i dati importanti in rosso. In ogni caso, dovresti aggiungere una meta descrizione significativa, cioè la descrizione del tuo sito web. Inoltre, selezionate qui sotto se siete un'azienda o un individuo e poi aggiungete le informazioni di conseguenza o caricate un logo (o selezionatelo dalla libreria media).

Puoi anche predefinire la meta descrizione per le pagine e i post. Ma questo non ha molto senso, perché dovresti sempre personalizzarli individualmente. Ma ne riparleremo tra un momento.

Non indicizzare categorie e tag in WordPress

Secondo me, è importante non lasciare che le pagine delle categorie e dei tag siano indicizzate. Questi di solito non offrono alcun valore aggiunto per i tuoi lettori. Certo che aiutano a trovare la strada per il sito. Ma non offrono abbastanza qualità per ottenere un buon posizionamento nei risultati di ricerca.

Ecco perché ha senso non lasciare che Google li includa nell'indice. Che a sua volta può portare a un migliore risultato complessivo per il tuo blog. In Yoast SEO, devi fare solo due clic. Nelle impostazioni, vai alla voce di menu Taxonomies. Lì puoi semplicemente cambiare l'indicizzazione dei tag e delle categorie in No:

Categoria Tag Pagine WordPress  Yoast
Escludi categorie e tag dall'indicizzazione

Ricontrollare e regolare ogni contenuto

Nonostante le opzioni fondamentalmente preimpostate, dovresti controllare di nuovo ogni singolo post. Yoast SEO offre utili suggerimenti sotto l'editor. Non è necessario seguire ciecamente tutti i suggerimenti. Ma ti mostrano all'incirca a cosa prestare attenzione. Nell'immagine seguente, non ho aggiunto alcun testo, quindi quasi tutte le analisi sono rosse:

Panoramica sull'analisi del blog di Yoast SEO
Analisi SEO di un post in Yoast

Soprattutto la parola chiave di riferimento e la descrizione dovrebbero essere modificate manualmente per ogni post. La parola chiave ti aiuta a non ottimizzare più testi per lo stesso termine di ricerca.

La descrizione o il passaggio di testo dietro di essa viene visualizzato da Google nei risultati di ricerca. Tuttavia, Google sostituisce le cattive descrizioni con le proprie. Nell'immagine seguente ho creato un esempio per voi:

Yoast H1 Heading SEO
La meta descrizione in Yoast

Come potete vedere, in alto potete vedere la rappresentazione nella ricerca di Google. Qui sotto puoi vedere il link o slug (sotto la barra in arancione).

Direttamente sotto viene la voce della descrizione. Se volete inserire un testo ottimizzato per il SEO, questo non deve mancare. Tuttavia, deve anche avere una certa lunghezza e contenere la parola chiave.

Nell'esempio qui sopra, ho fatto l'ottimizzazione abbastanza bene secondo Yoast SEO. Lo si può vedere dalla barra verde come risultato. Così, la lunghezza è ottimale e anche la parola chiave "marketing" si verifica in esso. Lo smiley rosso è dovuto al fatto che non ho testo scritto nell'editor e quindi la maggior parte delle analisi falliscono.

Un testo ottimizzato per il SEO non consiste solo in una grande formulazione e una struttura di alta qualità, completata da immagini e video o altri media. Oltre a questo, avete sicuramente bisogno di link ad altre pagine. Sia i link interni che quelli esterni sono usati in testi di alta qualità.

Chiunque dimentichi completamente l'uso di link pertinenti all'argomento sta lasciando un sacco di potenziale. Il collegamento può essere positivo in molti modi. Con i link interni, cioè i link ad altri post nel tuo blog, mostri ai motori di ricerca quanto siano importanti le singole sottopagine. Pertanto, può essere una misura per collegare i migliori contenuti nella navigazione e inoltre in altri post.

Il contenuto esterno di solito sottolinea una tesi che hai fatto. Oppure può mostrare altre opinioni. Questi sono chiamati dagli esperti trustlink. Soprattutto i siti web molto credibili sono popolari, come Wikipedia.

Nell'editor di Gutenberg in WordPress si possono aggiungere link abbastanza facilmente. Tutto quello che devi fare è selezionare le parole che vuoi collegare e cliccare sull'icona del collegamento. Si aprirà una ricerca dove puoi inserire un link o cercare i post interni. Lo si può vedere meglio in questa foto:

WordPress  Link
Aggiungere link in WordPress

WordPress SEO: il lavoro vale la pena

Se vuoi gestire un blog di successo, un sito web o un negozio online con WordPress e WooCommerce , allora non puoi evitare le ottimizzazioni per Google e altri motori di ricerca. Scrivere un testo ottimizzato per il SEO non è così difficile come si potrebbe pensare.

Dovreste sempre avere i vostri lettori al centro dell'attenzione. Perché sono la cosa più importante. Soprattutto perché Google di solito valuta un sito web che è ottimizzato anche per i visitatori. Tuttavia, non bisogna perdere di vista le parole chiave. È anche importante prestare attenzione alla struttura dei vostri titoli. Completato con un indice, dei media e dei link appropriati, le vostre possibilità di un buon posizionamento nei motori di ricerca aumentano immensamente.

Il problema di molti blog è l'ignoranza. WordPress non è ottimizzato SEO di default, proprio come WooCommerce. Almeno non in tutte le aree. Ecco perché avete bisogno almeno di un SEO Plugin, che vi aiuti. Inoltre, è importante che tu rimanga sulla palla: I buoni risultati nei motori di ricerca di solito si verificano settimane, mesi o addirittura anni dopo la creazione di un articolo. Perché allora i backlink esistono e l'articolo è stato ampliato frequentemente.

Le tue domande su WordPress SEO

Quali domande hai sull'argomento? E quale suggerimento può consigliare? Sentitevi liberi di usare la funzione di commento. Vuoi più articoli su WordPress e SEO? Allora seguici su Twitter, Facebook o tramite la nostra newsletter.

Ronny Schneider è un professionista del SEO & WordPress . Sul suo blog scrive regolarmente su come i blog e le riviste online possono avere successo. Inoltre, offre aiuto nella creazione di blog con WordPress e nel lavoro di ottimizzazione.

Articoli correlati

Commenti su questo articolo

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *.