YouTube SEO: più visualizzazioni e iscrizioni per i tuoi video

YouTube SEO: più visualizzazioni e iscrizioni per i tuoi video

Un canale YouTube può essere utile in molti modi. Qui puoi distinguerti come professionista, creare una community e acquisire nuovi clienti. Ma come si fa a far sì che i tuoi video ottengano il maggior numero possibile di clic e visualizzazioni? In che modo è più probabile che vengano sottoscritti? E in cosa consiste la SEO di YouTube? Te lo spiego in questo articolo.

Pianificare e realizzare video e costruire un canale YouTube di successo può richiedere molto lavoro. Quanto lavoro? Dipende dal tipo di video che vuoi realizzare. E quanto è facile per te pianificare, scattare e modificare. In ogni caso, devi avere ben chiaro il motivo per cui vuoi fare questo sforzo.

Crea video per YouTube

Vuoi creare i tuoi primi video per te stesso, la tua agenzia o la tua azienda? E con il minor budget possibile? Poi leggi la guida di Jan sulla tecnologia giusta per YouTube & Co.

I tuoi obiettivi su YouTube

Allo stesso tempo, un obiettivo chiaramente formulato ti aiuta a dare al tuo canale una direzione significativa e a ottimizzare i tuoi video verso il risultato finale sperato. Alcuni esempi di cose che potresti realizzare con un canale YouTube:

  • Posizionati come esperto di un argomento. La piattaforma è perfetta per questo.
  • Per aiutarti nel tuo content marketing, consulta la mia guida sul content marketing. I video attirano l'attenzione perché compaiono anche nei risultati di ricerca di Google e aggiungono valore ai tuoi post.
  • Costruisci una comunità dalla quale possano emergere nuovi clienti.
  • Trasmetti le tue conoscenze e goditi la bella sensazione di fare qualcosa di significativo.

Per questi e altri obiettivi, un canale YouTube può essere una buona idea. Se sia la misura migliore in ogni caso è un altro discorso. Questo porterebbe troppo lontano.

Ho scritto un articolo qui sulla rivista su come scegliere i social network giusti per te. Molti dei consigli in esso contenuti si applicano anche alla tua decisione a favore o contro il video marketing o a favore o contro YouTube.

Come ottenere maggiore attenzione per i tuoi video

Ci sono tre modi in cui i tuoi video possono attirare nuovi spettatori su YouTube:

  1. Appaiono nei risultati di una ricerca. Dopo tutto, YouTube è considerato il secondo motore di ricerca dopo Google. Alcune persone preferiscono guardare un video piuttosto che leggere un articolo. E per certi argomenti è meglio vedere qualcosa con i propri occhi e averne una dimostrazione.
  2. Sono consigliati in un altro video. Sul desktop, appaiono nella barra laterale destra. Vengono visualizzati anche dopo la riproduzione di un video.
  3. Appaiono come un suggerimento nella homepage. Oltre ai contenuti sottoscritti e generalmente interessanti, YouTube cerca di trovare qui i video che corrispondono ai tuoi interessi.

Affinché il tuo video appaia in questi luoghi, deve essere stato ben accolto dagli spettatori precedenti. In secondo luogo, deve essere chiaramente posizionato in termini di contenuti. Vediamo come funzionano questi due punti.

Cosa rende i video di YouTube di successo

Quando si parla di ottimizzazione per i motori di ricerca o SEO, tutto ruota intorno alle parole chiave: come trovare le migliori, dove e come usarle e molto altro ancora. Ci arriverò tra un attimo.

Tuttavia, YouTube ha una caratteristica speciale rispetto a un motore di ricerca web come Google: la piattaforma video sa esattamente come ogni singolo video viene accolto dalla comunità di utenti, mentre Google ha molte meno informazioni sul livello di valutazione di un risultato di ricerca. YouTube utilizza queste informazioni in modo intensivo.

Cosa conta per YouTube

Cosa rende un video di successo dal punto di vista di YouTube? Devi tenere presente che: YouTube guadagna principalmente con la pubblicità. Sempre più spesso, la piattaforma sta cercando di conquistare gli utenti per il suo abbonamento premium senza pubblicità.

Affinché questi due flussi di entrate funzionino in modo ottimale, YouTube dipende da due fattori:

  1. Gli utenti dovrebbero tornare il più spesso possibile. Quindi devono apprezzare ciò che scoprono e farsi raccomandare.
  2. Ogni volta che lo visiti, dovresti utilizzare YouTube il più a lungo possibile.

Ecco perché la piattaforma esamina, ad esempio, quanto a lungo il tuo video mantiene l'attenzione degli spettatori. Poiché il "tempo di visione" è diventato un criterio così importante, c'è stata una tendenza a realizzare video sempre più lunghi. La sfida, ovviamente, è quella di rendere interessante un video lungo.

Raidboxes YouTube
I video in cui si vedono le persone di solito funzionano meglio

A proposito, non lasciare che qualcuno ti dica che i video su YouTube non possono essere più lunghi di 2:30 minuti o simili. Questa cifra viene talvolta citata perché si presume che sia il tempo medio di riproduzione dei video su YouTube. Questo dato è privo di significato semplicemente perché mescola indiscriminatamente tutti i tipi di video, tutte le fasce d'età, tutti gli argomenti, tutte le intenzioni degli utenti e molto altro ancora.

Generalizzato in questo modo, non ha senso. Ci sono video che durano 30 minuti e che hanno un enorme successo: Perché offrono esattamente ciò che il gruppo target sta cercando.

Tempo di osservazione: quanto tempo guardano?

I tuoi video devono essere interessanti, strutturati in modo sensato, ben realizzati e adatti al gruppo target. Con il tempo, imparerai quando e perché gli spettatori abbandonano i tuoi video, perché YouTube ti fornisce statistiche dettagliate. Ad esempio, i primi 15 secondi sono considerati particolarmente importanti: non sprecarli con un'introduzione senza senso. Vai dritto al punto e suscita interesse.

Durata della sessione: quanto tempo rimangono su YouTube?

YouTube non si limita a considerare quanto tempo gli spettatori guardano i tuoi video. La piattaforma tiene anche conto del fatto che il tuo video li porta ad abbandonare YouTube o a guardare altri video. Questo è il "tempo di sessione". Anche solo per questo motivo, è una buona idea linkare altri video adatti al tuo canale e ordinare i tuoi video in playlist significative.

Coinvolgimento: quante reazioni genera il tuo video?

E infine, ma non meno importante, anche il fattore di coinvolgimento, che è già ben noto nel web sociale, gioca un ruolo: Quanti utenti danno un like o un commento? Quante nuove iscrizioni al canale genera il video?

È quindi una buona idea stimolare la discussione o essere a disposizione per eventuali domande. Spesso gli stessi autori di un video scrivono un commento con la domanda principale e lo "appuntano" in modo che sia sempre visibile in alto.

Ricerca di argomenti e parole chiave

Ora che sai quali devono essere le basi dei tuoi video, è il momento di trovare gli argomenti veri e propri. Un passo importante è la ricerca delle parole chiave. Devi sempre valutare le idee che ne derivano:

  1. Quanto si adattano al tuo gruppo target
  2. Come possono aiutare la tua azienda e
  3. Se sono richiesti o meno

Ho scritto un articolo a parte su come testare e perfezionare le idee di contenuto in anticipo. Lì troverai molti altri consigli.

Strumenti e suggerimenti

Un semplice passo per la ricerca consiste nell'inserire i tuoi termini nella ricerca di YouTube e prestare attenzione a quali altre parole chiave ti vengono suggerite. Proprio come Google, YouTube dispone di una funzione di "autosuggest" che mira a far risparmiare ai ricercatori il maggior numero possibile di battiture: inizi a digitare un termine di ricerca e YouTube ti suggerisce diverse possibili soluzioni. Puoi presumere che i termini e le combinazioni di termini qui elencati siano effettivamente ricercati.

Purtroppo, quello che non si vede è la frequenza con cui viene ricercato. Puoi trovare queste informazioni in strumenti come Rank Tracker e altri. Spesso facilitano il lavoro di ricerca perché generano elenchi di suggerimenti completi basati su autosuggest.

Con strumenti come TubeBuddy e VidIQ puoi scoprire di più sui tuoi concorrenti e imparare dal loro approccio. Inoltre, ti danno informazioni sull'entità della concorrenza per una parola chiave. Nel seguente articolo troverai molti altri strumenti per la SEO di YouTube.

TubeBuddy Ricerca parole chiave YouTube
Ricerca di parole chiave su YouTube con TubeBuddy

Usa le parole chiave nei punti giusti

Proprio come per l'ottimizzazione dei motori di ricerca per Google & Co., il passo successivo è quello di inserire le parole chiave in posti importanti. Questo include essenzialmente:

  1. Il titolo del video. Per fare in modo che venga visualizzato per intero anche su Google, l'ideale è che non sia più lungo di 60 caratteri.
  2. Il contenuto stesso. Pensa a correggere i sottotitoli generati automaticamente o a sostituirli con i tuoi.
  3. Il testo della descrizione. YouTube consiglia di scrivere almeno uno o due paragrafi, quindi non solo una breve frase!
  4. Le parole chiave (tag). Sia l'argomento con tutte le sue parole chiave al singolare e al plurale che il tipo di video ("test report") possono comparire qui.
  5. Hashtag nel testo della descrizione.

Anche in questo caso valgono le altre regole generali della SEO. Ad esempio, non devi esagerare con le parole chiave. Dovrebbe comunque essere normale per un essere umano.

Inoltre, non sarà solo su una parola chiave, ma anche su parole chiave correlate e intere frasi. Se produci un buon video su un argomento, dovrebbe quasi accadere da solo. Tuttavia, è sempre una buona idea prestare attenzione e ricercare in anticipo i termini che il tuo pubblico di riferimento usa e cerca. Leggete di più su questo argomento nel già citato articolo sulla ricerca di parole chiave.

Ulteriori ottimizzazioni

Quando il tuo video compare nei risultati di ricerca o viene consigliato dall'algoritmo di YouTube, hai solo una frazione di secondo per convincere gli utenti a cliccare. Per questo motivo, devi prestare attenzione ai seguenti aspetti della tua SEO su YouTube:

Anteprima dell'immagine

In ogni caso, dovresti avere un'immagine di anteprima progettata per ogni video che attiri l'attenzione, susciti curiosità e renda chiaro l'argomento. Molti YouTubers hanno scoperto ciò che i marketer e gli inserzionisti sanno da tempo: Niente attira l'attenzione come un volto. Ecco perché spesso si vede una persona nella miniatura.

Si utilizza l'umorismo, ma anche gli strumenti del clickbait: allusioni, polemiche, sorprese... Devi decidere tu stesso fino a che punto vuoi spingerti, tenendo conto soprattutto di questo: Cosa si addice a me e al mio gruppo target?

Infine, non sovraccaricarlo, perché deve essere facilmente riconoscibile anche in un formato molto piccolo.

Titolo/titolo

Il titolo del video non deve essere utile solo a YouTube, ma anche agli utenti. I consigli sono simili a quelli della miniatura: deve descrivere chiaramente l'argomento e i vantaggi del tuo video. Allo stesso tempo, dovrebbe suscitare la curiosità di saperne di più.

Inizio della descrizione

In alcuni punti, YouTube fornisce le prime righe della descrizione del video, ad esempio nei risultati di ricerca. Questo è visibile anche su Google. Di solito si tratta dei primi 100-120 caratteri. Assicurati che il tuo testo inizi con qualcosa di interessante.

Suggerimenti supplementari

Capitolo marchi

Da tempo YouTube permette di saltare a un punto specifico del video. Se un orario come "2:13" viene menzionato in un commento, viene automaticamente collegato: Dopo il clic, si arriva al video corrente esattamente a questo punto.

Da allora YouTube ha evoluto l'approccio ai marcatori di capitolo: Puoi dividere il tuo video in sezioni denominate a cui gli spettatori possono accedere direttamente. Questo è utile se qualcuno è particolarmente interessato a una certa domanda o se una sezione non è così rilevante al momento.

Puoi semplicemente aggiungere questi marcatori di capitolo come elenco nella tua descrizione. È importante che inizi con 00:00 e che ci siano almeno tre orari.

Distribuisci i tuoi video!

Non aspettare che sia YouTube a portarti nuovi spettatori. Distribuisci i tuoi video attraverso i tuoi canali: profili dei social media, newsletter e il tuo sito web, blog o rivista.

Anche questo fa parte della SEO di YouTube: se sei tu stesso a dare un impulso iniziale all'attenzione, l'algoritmo di YouTube lo noterà positivamente: I video che portano gli utenti alla pagina ricevono un bonus nella classifica. Inoltre, vengono consigliati più spesso nella homepage. È utile anche incorporare i video in altre pagine.

Ottimizzazione dei canali

Raccogliere nuovi spettatori per ogni video è noioso. Pertanto, il tuo obiettivo deve essere anche quello di aumentare il numero di iscritti. Per farlo, devi prestare attenzione a due cose:

  1. Il tuo canale deve avere un tema chiaro: deve essere chiaro a chi si rivolge e cosa otterrà questo gruppo di persone iscrivendosi ai tuoi video. Mostralo attraverso la tua immagine di copertina, attraverso le playlist di video esistenti e attraverso un video di benvenuto ("trailer del canale") che puoi fissare nella parte superiore della pagina.
  2. Pubblica nuovi video il più regolarmente possibile: non deve essere necessariamente quotidiano, ma nemmeno settimanale. Ma è bene che il tuo approccio trasmetta questa sensazione: Vale la pena di continuare a lavorare.

Molti YouTubers indicano nei loro video, in una forma o nell'altra, che gli spettatori dovrebbero iscriversi al canale. Naturalmente, puoi fare anche questo. Come sempre, ci sono anche controesempi che non ne fanno menzione e che hanno comunque successo, semplicemente perché i video sono così belli, interessanti e speciali che non vuoi perderteli.

Inoltre, il tuo obiettivo finale non dovrebbe essere quello di "gestire" un canale, ma di costruire una comunità. È importante che i tuoi video su YouTube riuniscano persone che hanno una visione simile delle cose. Devono capire cosa rappresenti e perché gestisci questo canale YouTube. Cosa ti spinge?

Conclusione sull'argomento SEO di YouTube

Con il tempo, i tuoi video svilupperanno anche effetti di riconoscimento. Può trattarsi di un certo saluto, di un certo stile, del tuo viso. Quando arrivi a quel punto, hai già fatto molta strada.

Con questo articolo spero di averti dato una panoramica dei punti chiave a cui devi prestare attenzione quando realizzi video per YouTube. Infine, vorrei darti un "segreto di successo": sii tu stesso un utente attivo di YouTube. Scopri cosa c'è già in giro sui tuoi argomenti. Cerca dei modelli di riferimento in altre aree tematiche. Pensa a ciò che ti piace di più. Poi, gradualmente, svilupperai il tuo stile personale.

Le tue domande sulla SEO di YouTube

Quali domande hai per Jan? Come fai a far sì che i tuoi video abbiano successo? Attendiamo con ansia i tuoi commenti. Sei interessato agli argomenti di marketing online? Segui Raidboxes su Twitter e Facebook, LinkedIn o tramite la nostra newsletter.

Ti è piaciuto l'articolo?

Con la tua valutazione ci aiuti a migliorare ancora di più il nostro contenuto.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati da *.