i primi passi verso la tua visione aziendale

Più bene comune per favore! I primi passi verso una visione aziendale

Più bene comune per favore! In tempi di cambiamenti climatici e di disuguaglianze sempre maggiori, questo è certamente ciò che molte persone desiderano. E lo vogliamo anche noi. Ecco perché abbiamo già fatto il primo passo e ti mostriamo come i temi della sostenibilità e dell'economia del bene comune possano essere integrati nella visione aziendale.

Come una startup con un approccio innovativo, i primi anni riguardano principalmente una cosa: la sopravvivenza. Si tratta di mettersi alla prova sul mercato - mostrando che si può fare diversamente. Alla fine, tutto questo non serve a niente se su questa base non si possono realizzare vendite significative per coprire tutti i costi.

Abbiamo iniziato con l'idea di creare un servizio che desse ai creativi maggiore libertà, perché non dovevano preoccuparsi di gestire il loro sito web. Oggi, i nostri oltre 3500 clienti hanno contribuito a rendere questa idea duratura. Ti ringraziamo di cuore per il tuo sostegno!

Con questo spazio libero alle spalle, abbiamo potuto affrontare per la prima volta le seguenti domande generali:

  • Cosa può fare Raidboxes per il bene comune e la società?
  • Cosa significa questo per la nostra visione aziendale a lungo termine?

Nel seguente articolo vorrei mostrarti come abbiamo elaborato le risposte a queste domande in un workshop di visione con l'intero team di Raidboxes . Come per argomenti quali l'olocrazia e simili, anche in questo caso vale lo stesso discorso: L'imitazione è incoraggiata!

Workshop di avvio per il team

Fase 1: 1,5 ore di tempo per la prima visione

Il primo passo del nostro viaggio è iniziato con 1,5 ore di tempo messe da parte a settembre 2018. In questo primo workshop, c'era una domanda centrale alla fine:

"Con quale scopo possiamo servire il bene comune? Che aspetto potrebbe avere una visione?".

Cosa c'entra una visione aziendale con il bene comune?

Una buona visione è sempre incentrata sul bene comune o su uno scopo generale. Una visione del tipo: "Nel 2020 avremo raddoppiato i nostri profitti". non è auspicabile per nessuno. Al massimo per una singola persona in cima alla gerarchia, i cui bonus dipendono da essa. Al contrario, una visione orienta lo sguardo verso il futuro. Si tratta di un obiettivo permanente per un'organizzazione che può collocarsi almeno 15 anni nel futuro.

I seguenti esempi di visioni grandiose e ispiratrici sottolineano questa tesi:

  • "Portare l'umanità sulla luna"
  • "Portare l'umanità su Marte"
  • "Rendere la mobilità neutrale rispetto alle emissioni di CO2
  • "Rendere l'approvvigionamento energetico neutrale rispetto alla CO2".
  • "Abolire la schiavitù

Chi c'è dietro le singole visioni? Questa è stata anche la nostra introduzione al workshop, per affrontare innanzitutto il tema delle "visioni" e aprire la mente per il brainstorming.

Perché preoccuparsi del bene comune o della visione?

Anche questa domanda faceva parte del briefing. Per la Generazione Y in particolare, e quindi già per una grande parte della nostra società, il lavoro non è affatto solo un mezzo per raggiungere un fine. Proprio come per noi, il lavoro per queste generazioni (e presumibilmente per quelle future) è un'espressione di realizzazione personale.

bene comune e sostenibilità
La piramide dei bisogni di Maslow illustra perché una visione globale ha senso.

Tuttavia, l'autorealizzazione che non include la società o uno scopo più elevato alla fine risulta vuota. Poiché il sito Raidboxes deve anche trasmettere un significato per decenni, avevamo bisogno di una visione. Una storia che illustra questo aspetto può essere trovata qui. Per chi non conosce Maslow, si rimanda a Wikipedia.

La nostra prima idea emotiva: prima il brainstorming, poi le priorità

Io stesso e anche la squadra siamo stati molto sorpresi di come siamo arrivati a un risultato emozionante per tutte le persone coinvolte in così poco tempo.

Devi procedere come segue:

  • Brainstorming: la regola più importante del brainstorming è eliminare i critici. Le persone tendono a valutare ogni idea in modo diretto. "Sì, ma..." è il primo impulso naturale. Nel brainstorming, è fondamentale che il facilitatore interrompa questo processo. Ogni idea ha il suo valore. In questo caso è più richiesta la massa che la classe. La valutazione viene dopo. Le idee devono essere scritte su una lavagna a fogli mobili di grandi dimensioni attorno alla domanda centrale
  • Stabilisci le priorità: Ora tutte le idee sono sulla parete o sulla lavagna a fogli mobili. Ora dovrebbe tornare il silenzio e tutti dovrebbero valutare da soli a quale espressione si sentono più legati emotivamente. Poi ognuno può cerchiare l'affermazione che lo tocca maggiormente dal punto di vista emotivo. Questa decisione deve essere presa sulla base di un'intuizione personale. La razionalità può essere completamente ignorata.
bene comune e sostenibilità
Ecco come si è svolto il nostro brainstorming sulla domanda "Con quale scopo possiamo servire il bene comune?".
bene comune e sostenibilità
Dopo un brainstorming, abbiamo deciso di scegliere "Limitless Opportunities" (Opportunità senza limiti) perché tutti potevano identificarsi con questa frase.

Più pari opportunità

Qual è lo scopo emotivo principale che può contribuire al bene comune? La stragrande maggioranza si è identificata con "Opportunità senza confini". Alla fine, abbiamo concordato che Raidboxes dovrebbe contribuire a creare maggiori opportunità.

Non si tratta ancora di una visione nitida come quella presentata da Elon Musk. Ma per noi è il primo punto di ancoraggio emotivo che vogliamo perseguire a lungo termine con Raidboxes . Fortunatamente, WordPress contribuisce esattamente a questo con la sua visione di "Democratizzare l'editoria".

"*" indica i campi obbligatori

Desidero iscrivermi alla newsletter per essere informato sui nuovi articoli del blog, sugli ebook, sulle funzionalità e sulle novità di WordPress. Posso ritirare il mio consenso in qualsiasi momento. Si prega di prendere nota della nostra Politica sulla Privacy.
Questo campo è per la convalida e non deve essere modificato.

Prossimo passo: Workshop Parte 2

Alla fine del primo workshop, tutti abbiamo deciso di elaborare ulteriormente la nostra visione. Qualche settimana dopo, questo ha portato alla seconda parte del nostro workshop, in cui abbiamo trascorso mezza giornata ad approfondire i dettagli pratici. In questa sede abbiamo utilizzato uno strumento chiamato bilancio del bene comune per elaborare i prossimi passi verso un maggiore bene comune e abbiamo discusso della loro attuazione.

Se hai domande sulla Parte 1 del workshop o sei interessati al secondo articolo sulla creazione della visione della vostra azienda, sentitevi liberi di lasciarmi un commento qui sotto.

Consigli per il libro per un maggiore bene comune e senso dello scopo

Per quelli di voi che hanno voglia di approfondire l'argomento in questo momento, consiglio i seguenti libri (disponibili anche su Amazon o direttamente nelle librerie locali, ovviamente).  

  • Gemeinwohlökonomie - Un libro molto importante per tutti coloro che sono stanchi di leggere solo critiche al capitalismo senza soluzioni. Christian Felber presenta un approccio molto concreto alla soluzione.
  • Significato dell'azienda - In questo libro, Domic Veken descrive meravigliosamente come non definire i valori di un'azienda che sembrano quelli di una qualsiasi grande società.
  • Delivering Happiness - Una bella biografia imprenditoriale che descrive il cambiamento di mentalità del modello americano di Zalando "Zappos" verso un maggiore orientamento al senso.
  • Chiedi sempre prima: perché - Anche questo è un libro eccellente, che si interroga sul significato delle organizzazioni, ma anche degli individui.
  • Big Five for Life - Per chi vuole vedere in una storia cosa prova un'azienda, qual è il suo scopo. Utile anche per l'orientamento privato.
  • Purpose Driven Organisations - Purtroppo è un libro piuttosto costoso, ma molto utile se vuoi davvero formulare uno scopo nella tua organizzazione.
  • Leadership tribale - Questo libro è un'eccellente illustrazione del potere economico della cultura e del fatto che anche le organizzazioni possono svilupparsi nella direzione dell'autorealizzazione.
  • Quello che non mi sarei mai aspettato - Autore: Götz Werner, fondatore di DM. Questo libro descrive in modo vivido come una visione e una missione nate più di 40 anni fa abbiano ancora oggi un impatto.

Ti è piaciuto l'articolo?

Con la tua valutazione ci aiuti a migliorare ancora di più i nostri contenuti. Grazie!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati da *.