Novità in Raidboxes: il CTO Thomas Goik

Novità in Raidboxes: il CTO Thomas Goik

Viviamo l'Hosting WordPress Gestito al 100%. Il sitoDashboard di Raidboxes deve rimanere il numero 1 anche in futuro: lo assicura, tra gli altri, il nostro Chief Technical Officer (CTO) Thomas Goik. Scopri di più sul suo lavoro diversificato e sul nostro team.

Lo sviluppo del prodotto di Raidboxes

Thomas, sei nuovo a bordo come CTO. Cosa comporta esattamente questo lavoro? E come si svolge il tuo lavoro quotidiano?

Sì, sono nuovo di Raidboxes, in precedenza due nostri dipendenti si erano occupati di questo compito ad interim. Il mio compito è relativamente completo, per questo l'ho suddiviso in diverse tappe.

Prima di tutto, in quanto responsabile della tecnologia, devo conoscere il personale. Quindi la mia prima pietra miliare è stata quella di occuparmi della squadra. Il secondo passo del mio ruolo è quello di farci progredire tecnologicamente, e questo è il mio obiettivo al momento.

La mia giornata lavorativa consiste principalmente in riunioni, da un lato con i miei colleghi del team tecnico, ma anche con gli stakeholder e i responsabili degli altri Circoli. Di solito lavoro attraverso i diversi punti con un ritmo di due settimane, quindi il contenuto e i compiti sono diversi in ogni caso.

Raidboxes continua a crescere: partecipa anche tu

Vuoi contribuire a realizzare il miglior hosting WordPress del mondo? Allora entra subito a far parte del nostro team. Puoi trovare le posizioni aperte nella nostra pagina delle offerte di lavoro - in loco a Münster e in remoto nella sede centrale. Leggi tutti i vantaggi che hai come dipendente di Raidboxes .

I compiti dello sviluppo dei nostri prodotti sono molto vari. Quali sono i progetti prioritari per te e perché?

In effetti, le attività sono diverse e piuttosto complesse e noi vogliamo continuare a essere leader in termini di velocità e affidabilità. Tuttavia, ho notato che abbiamo perso un po' di attenzione. Pertanto, la priorità più alta per me è quella di portare più struttura e quindi più responsabilità di prodotto nei team.

Questo ci permette di concentrarci maggiormente sullo sviluppo. Attualmente stiamo lavorando al rinnovamento delle nostre interfacce per poter offrire ancora più funzionalità.

Un team eterogeneo e impegnato

Qual è la tua prima impressione su Raidboxes e sul tuo team?

Non direi che è la mia squadra, ma piuttosto "della squadra". La mia prima impressione è che possiamo ancora muoverci molto. Sia come team di Raidboxes che nello sviluppo stesso. I nostri dipendenti hanno tutti molta grinta, credo che dobbiamo solo incanalare un po' di più i compiti.

Indipendentemente da questo, mi sono sentito subito molto a mio agio con i miei colleghi - avevo un po' di rispetto per un gruppo così "piuttosto tedesco", nel corso degli anni ho sempre lavorato con molte, molte persone di altri background culturali.

Hai molta esperienza nella gestione dell'ingegneria del software. Ogni ambiente di lavoro ha le sue sfide. Cosa vedi su Raidboxes? E come si affrontano?

In effetti, ho lavorato con una grande varietà di strutture di team. E ogni squadra aveva le sue dinamiche e le sue sfide. Su Raidboxes , credo che il compito sia innanzitutto quello di ridefinire l'obiettivo. Abbiamo iniziato molte cose e a volte abbiamo perso di vista la possibilità di portarle a termine.

Pertanto, si è "diffusa" la sensazione interna che in alcuni punti non stiamo facendo progressi. Come ho detto prima, il primo passo è strutturare i team intorno alle aree di prodotto e dare loro una missione chiara. Ma stiamo anche adattando i nostri metodi di lavoro. Ad esempio, generando più cicli di feedback per agire più rapidamente. Lo sviluppo rapido e snello è ciò che ci porterà avanti.

L'obiettivo per il futuro

Come sei riuscito a ottenere una panoramica di Raidboxes in poco tempo?

Non so se ho ancora una visione d'insieme così buona 🙂 Tuttavia, ho fatto uno sforzo per conoscere Raidboxes dall'esterno, in modo da elaborare ciò che ho visto dall'interno. Per me è sempre importante parlare con tutto il personale, non solo con il reparto tecnologico. Credo che questo mi abbia aiutato a ottenere un'immagine più colorata.

Ci sono novità che vuoi introdurre su Raidboxes ?

Sì, assolutamente, credo che i processi possano essere utili. Soprattutto in una start-up, dove l'attenzione può e deve cambiare rapidamente, i processi possono incanalare determinate azioni. Negli ultimi anni ho avuto ottime esperienze con gli OKR (Obiettivi e Risultati Chiave). Penso che noi di Raidboxes possiamo sicuramente ottenere qualcosa con questo tipo di attenzione.

Nello sviluppo, ci concentreremo maggiormente sui nostri clienti. Ci prenderemo cura delle loro esigenze e realizzeremo il tutto più rapidamente attraverso processi di sviluppo più semplici.

Perché hai scelto un host web WordPress come datore di lavoro?

Ci sono alcuni motivi che mi hanno spinto a visitare Raidboxes . Cercavo un'azienda che non considerasse il fair play solo come una figura di riferimento e che volesse fare le cose in modo sostenibile.

WordPress Web hosting non è stato un argomento per me finora, ma nelle mie funzioni ho sempre avuto a che fare con l'hosting di server. Pertanto, WordPress hosting non è un argomento sconosciuto per me. Tuttavia, negli ultimi anni sono sempre stato bloccato con provider come AWS o GCP. Credo che mi sia mancato anche l'estro e l'impatto come fornitore di hosting indipendente.

Raidboxes continua a crescere

Siamo regolarmente alla ricerca di nuovi dipendenti. Che consigli daresti alle persone potenzialmente interessate? Perché dovrebbero applicarsi a noi?

Siamo particolarmente interessanti per le persone che stanno cercando nuove strade - sia nell'ambiente WordPress che nell'hosting. Come già detto, vogliamo rimanere al top. E naturalmente cerchiamo persone a cui piace fumare con sforzo mentale, per dirla tutta. Soprattutto, è importante per noi che i candidati abbiano una spinta, cioè uno stimolo.

Vivi e lavori in Spagna. Raidboxes è molto ben posizionato a distanza. Tuttavia, come riesci a rimanere vicino alla squadra?

Sì, Raidboxes è, a mio parere, un pioniere con il suo approccio remoto. Non solo cercano persone a livello nazionale, ma vogliamo anche posizionarci a livello internazionale. E con il mio quartier generale in Spagna, mi trovo molto bene.

Prima di tutto, per me era importante che tutti avessero la sensazione che si possono creare buone connessioni anche attraverso le videoconferenze. Negli ultimi anni ho avuto molti dipendenti a distanza. E naturalmente ho potuto fare esperienza di come funziona una cosa del genere.

Io stesso amo lavorare con accordi 1:1. Questo modulo significa molto per me personalmente. Perché posso prendere ogni persona singolarmente. Ma credo che sia anche importante avere un orecchio aperto per il personale e ascoltare.

Cosa fai per bilanciare il tuo lavoro impegnativo? Come si fa a "scendere" la sera?

Sono sempre stato un tipo di squadra e ho giocato a calcio a 7 fino a Corona. Tuttavia, questi tipi di sport di squadra sono stati molto ridotti da Corona. Mia moglie ci aveva iscritto alla palestra e poi alla boxe per ottenere un saldo.

La boxe è uno sport che non ho mai inserito nella mia lista. Ma da quando lo faccio in modo più intenso, penso che sia un peccato non averlo provato prima. Grazie al mio allenatore (Carlos Ramos, campione europeo) ho trovato l'equilibrio mentale e fisico per lavorare.

Le tue domande sul lavoro a Raidboxes

Quali domande hai su di noi e sul nostro team? Attendiamo con ansia il tuo commento. Sei interessato agli argomenti di attualità su WordPress e WooCommerce? Segui Raidboxes su Twitter e Facebook, LinkedIn o tramite la nostra newsletter.

Ti è piaciuto l'articolo?

Con la tua valutazione ci aiuti a migliorare ancora di più i nostri contenuti. Grazie!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati da *.