Ecco come si risolvono i 4 errori più comuniWordPress

14 Min.
WordPress  Errore
Ultimo aggiornamento su

A supporto, abbiamo migliaia di conversazioni in chat al mese e aiutiamo i nostri clienti ogni giorno a risolvere i messaggi di errore e i problemi con i loro WordPress -pagine. Nel nostro articolo vi mostriamo passo dopo passo come risolvere quattro dei più comuni WordPress -Fissato l'errore.

Nessun altro Content Management System (CMS) è così facile da usare come WordPress : Themese Pluginspuò essere installato e amministrato con pochi click, senza la necessità di ampie conoscenze tecniche. Con un Quota di mercato di oltre il 30 per cento è diventato WordPress praticamente il sistema operativo di Internet.

Grazie alla facilità d'uso, alla comunità attiva e alle varie possibilità di personalizzare le vostre pagine WordPress perfetto per il web di oggi. Tanta più frustrazione quando il vostro WordPress sta improvvisamente causando problemi. Ma non c'è bisogno di farsi prendere dal panico! Oggi vi mostrerò come fare quattro tipici WordPress -risolve gli errori in modo rapido, semplice e indipendente.

I nostri consigli per risolvere gli errori tipiciWordPress

Al fine di fornirvi il miglior supporto possibile per la risoluzione dei problemi e di condividere le conoscenze acquisite grazie alla nostra pluriennale esperienza di assistenza, vi spiegherò le possibili cause e le relative soluzioni per quattro problemi tipici WordPress di oggi.

WordPress -Fault #1: Schermo bianco della morte

WordPress -Fault: Schermo bianco della morte

Il "White Screen of Death" (WSOD) è un'analogia con il Blue Screen of Death, che viene visualizzato in Windows in caso di crash di sistema. Come già dice il nome, con il WSOD il sito web, nel Frontend o nel Backend (wp-admin), rimane semplicemente bianco - senza messaggi di errore o ulteriori informazioni.

Possibili cause e soluzioni per lo schermo bianco della morte

Causa 1: Incompatibile Pluginso Themes

L'errore è molto spesso causato da una combinazione errata di PluginsoThemes, per esempio:

  • A Plugin non è con un altro Plugin o compatibile con quello attivoTheme.
  • Uno Plugin/ èTheme stato caricato due volte via S/FTP in diverse versioni.
  • On Plugin/ nonTheme è utilizzabile con la versione PHP impostata.

Uno di questi errori porta WordPress ad uno stato di shock e provoca lo Schermo Bianco della Morte.

Ecco come si risolvono i 4 errori più comuniWordPress
Analisi dei problemi: sono vostri Pluginse Themesincompatibili?

Il primo approccio è quello di invertire i suoi recenti cambiamenti. Pensate ai cambiamenti che avete fatto. Ne avete forse installato uno nuovo Plugin o ne avete Theme cambiato uno? Anche gli aggiornamenti da Plugins e Themes può sentire a questo comportamento scorretto.

Innanzitutto si dovrebbe stabilire se l'errore si verifica su tutte le pagine o solo su determinate pagine. Ad esempio, è interessata solo la vostra pagina di contatto? Se avete appena incluso un modulo di contatto in quella pagina, è probabile che il moduloPlugin di contatto sia responsabile del WSOD.

Lo schermo bianco della morte appare su tutti gli URL dell'intero frontend? Allora può fare questo da Themesola o un Plugin che è integrato in tutte le pagine - per esempio un widget nel piè di pagina, un cursore nell'intestazione o un Plugin per la navigazione.

Se rimane bianco anche quando si chiama il backend (yoursite.com/wp-admin), è molto probabilmente questo Themeo un errore di configurazione del webserver.

Controlla il tuo registro di debug!

Spesso un'occhiata al file error.log del vostro server o il log di debug da WordPress solo (WP-DEBUG) aiuta. È possibile attivarlo utilizzando l'opzione wp-config.php della vostra installazione WP e prima di /* Questo è tutto, smettete di modificare! Buon blogging. */ linee seguenti inserire:

definire('WP_DEBUG',true);

definire('WP_DEBUG_DISPLAY',true);

Se la vostra installazione ha già una voce 'WP_DEBUG', ma questa è impostata su falso si può semplicemente impostare questo valore su vero e deve solo mettere la seguente riga sotto di essa:

definire('WP_DEBUG_DISPLAY',true);

Poi, quando si ritorna alla pagina del problema, al posto della pagina bianca, si vedranno le corrispondenti ragioni degli errori. Gli errori che iniziano con Errore Fatale o Errore di Parsa sono di solito quelli che causano la Schermata Bianca della Morte.

A proposito: Presso RAIDBOXES di voi è possibile abilitare facilmente il log di debug con un clic nelle vostre BOXimpostazioni. Potete ottenere l'output del log di debug sotto il link menzionato nelle vostre impostazioni.

WP Debug_RAIDBOXES

Ora si può vedere esattamente quale file crea un errore in quale posizione e perché si verifica. Per l'illustrazione ho un esempio per voi nel mio bagaglio. We vedere le seguenti informazioni qui nell'errore di analisi:

Registro di debug

Quindi l'errore si verifica:

  • Nel file /wp-content/Plugins/contact-form-7/wp-contact-form-7.php
  • Nella linea 12
  • A quanto pare c'è un segno inaspettato, in questo caso un "
Per incompatibili Plugins& Themesci sono i seguenti approcci:

Soluzione 1: Se possibile, ripristinare un backup. In questo modo si ripristinerà semplicemente lo stato dell'WordPress installazione prima che si verificasse l'errore.

Soluzione 2Se non si dispone di un backup, non si ha altra scelta che utilizzare S/FTP per cancellare la cartella del sospetto Plugins o Themesrinominarlo. Questo lo disattiva. Nel nostro esempio sarebbe la cartella del PluginsContact Form 7"“ ”.

Se non si è sicuri di quale Pluginsia la causa dell'errore, provare quanto segue: Rinominare tutti Plugin/Themecartelle uno per uno. Se l'errore scompare dopo aver rinominato una cartella, si ha il colpevole identificato. In qualità di RAIDBOXES cliente, potete anche utilizzare semplicemente il Plugin- e la Themegestione nel cruscotto RB per la disattivazione. 

Suggerimento: Spesso il problema è semplicemente una Themecartella rinominata, quindi si dovrebbe controllare via S/FTP l'ortografia corretta!

Ecco come si risolvono i 4 errori più comuniWordPress

Causa 2: Errore del server

1) Problema: non c'è un limite di memoria PHP sufficiente

Il tipico messaggio di errore nel file error.log è
"Errore fatale: dimensioni di memoria consentite di XXXX byte esaurite (si è tentato di allocare XXXX byte) in...".

Inoltre, può esserci una pagina bianca sulla quale il messaggio di errore Errore interno del server appare.

Quello che sta succedendo qui è questo:
Un task PHP consuma più memoria di quanto il valore impostato dall'hoster permetta.

Soluzione: In questo caso, di solito è sufficiente aggiungere la seguente riga a wp-config.php

definire('WP_MEMORY_LIMIT', '256M')

Il '256M' sta per la quantità di RAM da utilizzare in MB. Ad esempio, sarebbe anche ipotizzabile un '512M' per 512MB.

Tuttavia, si dovrebbe tenere presente che un valore troppo alto può causare il crash completo del sito. Pertanto, si dovrebbe impostare il limite di memoria PHP solo se la tariffa prevede la quantità di memoria adeguata. Se avete poca RAM nel vostro piano, dovreste considerare di aggiornare il vostro piano con la vostra società di hosting.

2) Problema: Superato il tempo massimo di esecuzione

In caso di installazione di dati più grandi WordPress -Themes o Pluginsanche di importazioni o esportazioni di dati più grandi, può verificarsi il seguente errore, che di solito viene visualizzato nel backend:

Errore fatale: tempo massimo di esecuzione di XX superato in XXX

Ciò significa: il tempo di esecuzione di uno script PHP è stato superato. Questo accade spesso quando si importano molti prodotti WooCommerceo si esportano i dati degli ordini.

Soluzione: Aumentare il tempo_di_esecuzione_massimo. Una nota prima: normalmente, il tempo di esecuzione specificato dall'hoster è sufficiente. Per evitare tempi di caricamento inutilmente lunghi e problemi, il tempo massimo di esecuzione dovrebbe essere aumentato solo in singoli casi (ad esempio per un caricamento di file di grandi dimensioni) e poi nuovamente diminuito.

Presso RAIDBOXES di voi è possibile impostare il tempo massimo di esecuzione per il frontend e il backend separatamente tramite le BOX-impostazioni:

Tempo massimo di esecuzione

Con altri hoster, è spesso sufficiente modificare il .htaccess via S/FTP e aggiungere la linea php_valore max_esecuzione_tempo_di_esecuzione 300 da inserire. Qui il 300 sta per il numero massimo di secondi che uno script può eseguire. In questo caso 5 minuti.

WordPress -Fault #2: Problemi con SSL

WordPress -Fault_SSL

Al più tardi dal Normativa di base sulla protezione dei dati (RGPD) nel maggio 2018, un certificato SSL dovrebbe essere obbligatorio per voi. Non è per niente che la maggior parte dei browser ora danno un avviso di allerta off, se una pagina web non viene consegnato criptato. Questo rende ancora più fastidioso se il tuo WordPress sito ha errori SSL.

Possibili cause e soluzioni per i problemi SSL

Causa 1: il certificato non è più aggiornato

Al più tardi con il certificati gratuiti da Let's Encrypt questo errore dovrebbe essere un ricordo del passato. Esistono tuttavia alcuni tipi di certificati che hanno un periodo di validità. Se questo è scaduto, può verificarsi un errore SSL.

SoluzioneIl modo più semplice è quello di integrare un certificato SSL senza runtime, che alcuni hoster così come RAIDBOXES consegnare gratuitamente e rinnovare automaticamente Se questo servizio non è offerto dal vostro hoster, dovrete rinnovare manualmente il vostro certificato. Per fare questo, è necessario creare un promemoria di appuntamento e contattare il fornitore del certificato in tempo per rinnovarlo.

Causa 2: Dominio non ancora inserito nel certificato

Quando viene emesso un certificato SSL, si specificano i domini a cui tale certificato deve essere applicato. Ad esempio, una possibile voce potrebbe essere http://domain.de. Se un reindirizzamento da http://www.domain.de o viene impostato in seguito, questo dominio non ha SSL e viene visualizzato un errore.

SoluzioneIl nuovo dominio deve essere aggiunto al certificato SSL e poi rinnovato. Poiché si tratta di un processo piuttosto laborioso e complicato, è necessario contattare il proprio fornitore di hosting per questo.

Dopo aver aggiunto i domini aggiuntivi, è RAIDBOXES sufficiente disattivare e riattivare SSL nelle BOXimpostazioni.

Causa 3: Errore di contenuto misto

Quando è impostato in WordPress SSL, di default l'indirizzo http:// nel database deve essere sostituito con https://. Questo avviene RAIDBOXES automaticamente quando SSL è abilitato. In circa il 5-10 per cento dei casi può ancora accadere che ci siano risorse che vengono caricate via HTTP. Questo può essere il caso, ad esempio, delle immagini codificate in modo fisso o dei file CSS/JS. In Chrome, l'URL è quindi grigio e non verde.

Barra degli indirizzi HTTPS Browser

Analisi e soluzione del problema:

Prima di tutto devi controllare se hai davvero degli errori di contenuto misto sul tuo sito.

  1. Premete F12 sul vostro sito web (sul MAC CMD+F12) e la console di sviluppo si aprirà. In fondo alla "Console" vedrete dei campi gialli con "Contenuto misto":
    Errore di contenuto misto
  2. Ora fate un backup della vostra pagina. Potete farlo RAIDBOXES semplicemente creando un backup nei vostri BOXbackup nel cruscotto.
  3. Installare il Plugin Migliore ricerca Sostituisci. Dopo l'attivazione lo troverete Pluginsotto "Strumenti" -> "Better Search Replace".
    Nel campo "Cerca" inserire: http://
    e in "Sostituisci con": https://
    Poi si selezionano tutte le tabelle nel campo tabella e in fondo a "Test run?" dovrebbe esserci un segno di spunta.
    Migliore ricerca Sostituisci

    Ora cliccate su "Avvia la ricerca/sostituisci" in basso
  4. Quando il test ha trovato alcune tabelle, è possibile deselezionare la casella "Test run?" e avviare il vero test.
  5. Al termine della corsa vera e propria, controllate di nuovo sulla pagina per vedere se ci sono ancora errori di contenuto misto (vedi punto 1).
  6. Se si verificano ancora errori di contenuto misto, controllare il codice sorgente per vedere dove le risorse sono ancora incluse con "http" invece di "https" e sostituirle di conseguenza.

WordPress -Error #3: 504 Timeout del gateway

WordPress -Fault_Gateway-Timeout

Un errore di timeout del gateway 504 può essere abbastanza comune se si Pluginsha un gran numero di loro che comunicano con servizi esterni. Il messaggio di errore significa che un processo PHP richiede più di 30 secondi.

Come proprietario di un sito web, l'errore è spesso direttamente correlato a un problema sul server. Tuttavia, non è sempre così.

Possibili cause e soluzioni per il time-out del gateway 504

Un errore di Time-Out Gateway 504 si verifica quando un server che funge da gateway, cioè il server che si connette ad un altro server, non può raggiungere quest'altro server in un tempo specificato.

Questo errore può essere causato da una varietà di elementi coinvolti. Potrebbe essere la vostra rete locale, il vostro browser, il vostro ISP (Internet Service Provider), il vostro server web, o anche una terzaPlugin parte o Theme.

Causa 1: Problema locale

Le impostazioni del browser sono state modificate, è stato attivato un proxy, il vostro provider internet ha dei problemi, la vostra cache DNS locale è obsoleta e molte altre possibilità possono causare questo errore.

Soluzione: Prova l'URL sul sito web http://www.isitdownrightnow.com/Se si riceve il messaggio che il sito web è online ("YourUrl.com" è UP e raggiungibile), c'è un problema locale.

Controllo dello stato del server

Ma se il risultato del test è "DeineUrl.de" è DOWN, allora questo indica un problema con il vostro DNS, il vostro server web o un WordPress -Plugin oTheme

Controllo dello stato del server

Causa 2: problemi DNS

Il DNS (Domain Name System) è responsabile della conversione del vostro URL (come raidboxes.de) in un IP (ad es. 94.130.145.82).

Nel caso di una nuova registrazione o di un trasferimento di dominio, può essere necessario un certo tempo prima che tutti i computer, i server DNS e i provider abbiano riconosciuto l'adeguamento. Questo può richiedere fino a 24 ore in determinate circostanze.

Soluzione: Prima di tutto dovreste controllare se c'è un problema locale. Svuota la tua cache del DNA:

Per cancellare la cache DNS sul dispositivo, aprire prima la riga di comando come segue

  • Finestre: Premere il tasto [Tasto Win + R], lì cmd enter e premere Invio
  • Mac: Avviare il terminale tramite la banchina su Programmi > Utilità > Terminale

Poi si inserisce quanto segue:

  • Finestre: ipconfig /flushdns
  • Mac: dscacheutil -flushcache

Dopo di che, la vostra cache DNS locale è vuota e potete riprovare.

Se l'errore persiste, vedi cosa ne pensano gli altri server nel mondo. Vai a www.whatsmydns.net e inserire l'URL nella riga di ricerca (Nota: assicurarsi che nel secondo campo di selezione sia selezionato "A", in modo che venga controllato solo il record A. Questo è responsabile della corretta risoluzione del nome a dominio all'indirizzo IP. Allora avviate la scansione!

Controllo DNS

Se il record DNS è aggiornato su tutti i server, si dovrebbe vedere un segno di spunta verde ovunque e lo stesso IP. Questo IP dovrebbe nella maggior parte dei casi puntare all'IP del vostro server (eccezione: se a monte c'è una CDN).

Se gli errori vengono visualizzati sotto forma di una "X" rossa, questo server non ha ancora la voce corretta. Se ci sono diversi IP, il server ha ancora la vecchia voce e non è ancora aggiornato a quella nuova. L'unica cosa che aiuta qui è aspettare e vedere.

Causa 3: Problema del server (ad es. prestazioni o hoster)

I siti web ad alta intensità di visitatori e i siti di e-commerce come i negozi in WooCommercefunzione generano molte richieste al server, che non possono essere memorizzati nella cache a causa del loro contenuto e quindi portare ad un elevato carico di server - fino al collasso del server.

Soluzione: Se le prestazioni del vostro pacchetto hosting non sono sufficienti per il vostro sito web, potrebbe essere necessario aggiornarlo. In alternativa, è spesso utile passare a un'altra società di hosting la cui architettura di server offre prestazioni migliori. Potete utilizzare il vostro WordPress -sito per creare un Spostare il test su RAIDBOXES ...da realizzare. La vostra pagina live non sarà disturbata nel suo funzionamento, perché otterrete un ambiente completamente autonomo con il vostro URL, che non è indicizzato dai motori di ricerca. In oltre l'80% dei casi si registra un aumento significativo delle prestazioni e una riduzione a 0 dei 504 errori.

Causa 4: spam del traffico, attacchi DDOS, attacchi bot

Gli attacchi DDOS e il traffico SPAM possono mandare in crash il vostro sito perché generano così tante chiamate (non comunicate) che il vostro server va in crash.

Soluzione: Per filtrare tali attacchi, un CDN come Cloudflareche filtra l'accesso al vostro sito web e blocca i bot spam e gli attacchi. In casi molto persistenti è possibile bloccare l'accesso al proprio sito web agli indirizzi IP degli aggressori.

Con RAIDBOXES voi potete farlo facilmente tramite le vostre BOXimpostazioni:

Blocco IP_RAIDBOXES

Causa 5: Problemi con Pluginse Themes

In singoli casi, possono risultare richieste molto lunghe da Pluginso Themesverso il 504 Gateway Time-Out errori di timeout. Se avete appena installato Themeo Pluginaggiornato, provate prima a disabilitare questo.

Con RAIDBOXES voi potete BOXfarlo tramite le vostre Plugin/Theme-impostazioni - anche se non potete più entrare nel vostro WordPress backend.

RAIDBOXES _Plugin e Themegestione

Se non avete accesso al vostro WordPress backend su altri hoster, potete collegarvi via S/FTP e memorizzare il vostro backend nella cartella ../wp-content/Themes oppure ../wp-content/Plugins cercare il corrispondente Theme/Plugin e rinominare la cartella. In questo modo si disattiva automaticamente la voce corrispondente.

Se non siete sicuri di quale Plugin o Theme causando il problema, prima passare a uno standard Theme come ventisette anni.

Se questo risolve il problema, molto probabilmente è dovuto a Theme o ad un collegamento di Theme e Plugins. Per fare questo, contattare il produttore del Themes. In caso contrario, disattivare tutti Plugins e riattivarli uno ad uno fino ad individuare il "problemaPlugin" corrispondente.

Allora prova ad usare questo Plugin da reinstallare. Se anche questo non aiuta, contattare il Plugin-produttore.

WordPress -Fault #4: Errore nella creazione di una connessione al database

Errore nella creazione di una connessione al database

L'errore "Establishing a Database Connection" è un super-GAU tra gli WordPress errori. Il messaggio di errore significa che il vostro server non ha più accesso al database o non può più raggiungerlo.

Il vostro WordPress database memorizza quasi tutte le informazioni di cui il vostro sito ha bisogno per funzionare correttamente. Non solo il contenuto delle vostre pagine e dei vostri post, ma anche le informazioni di login dei vostri utenti e le Pluginloro Themeimpostazioni sono memorizzate nel database.

Solo le immagini, Plugin- e Theme- e - i file e WordPress - i file di base non sono memorizzati nel database, ma nel file system del vostro sito web, che potete raggiungere ad es. tramite S/FTP.

Possibili cause e soluzioni per Errore nella creazione di una connessione al database

Quindi, se il vostro sito rimane bianco e appare solo il messaggio di errore "Errore Stabilire una connessione al database", il vostro sito non può connettersi al vostro database o le informazioni necessarie sono mancanti o non corrette. Nella maggior parte dei casi non sarà possibile accedere al WordPress backend in questo caso.

Causa 1: Dati errati in WP-Config

Di solito sono semplicemente le informazioni errate sulla connessione alla banca dati a causare l'errore. Questo errore si verifica spesso dopo il passaggio a un nuovo server o host ed è abbastanza facile da correggere:

SoluzionePer tutti gli errori rilevanti per il sistema (e questo in particolare!), dovreste fare un backup del vostro sito in anticipo. I clienti di bei creano RAIDBOXES semplicemente un backup manuale nei loro BOXbackup. Altri hoster potrebbero richiedere il backup dell'intero sito, o almeno dei file modificati, a livello locale.

Ora si ottengono le informazioni necessarie per connettersi al database. Questo è:

  • Nome del database (DB_NAME)
  • Nome utente MySQL (DB_USER)
  • Password utente MySQL (DB_PASSWORD)
  • MySQL Hostname (DB_HOST) [Questo è il server].
  • Prefisso della tabella ($table_prefix) [principalmente 'wp_'].

Di solito queste informazioni si trovano nel cruscotto del vostro hoster. Di solito non tutte le informazioni sono necessarie. Ad esempio, è necessario solo RAIDBOXES il prefisso della tabella, perché le rimanenti voci vengono lette e controllate automaticamente.

Se si dispone delle informazioni necessarie, scaricare il file "wp-config.php" dalla directory principale dell'WordPress installazione via S/FTP, farne una copia locale come backup e modificare l'originale ad es. notepad+++.

Qui troverete le seguenti righe (nota: $table_prefix non sarà incluso in tutti i casi):

WP-Config

Si confrontano queste informazioni con quelle appena ottenute.

Salvate queste modifiche e ricaricate il file nella directory principale del vostro server (sovrascrivete il file originale, avete un backup locale).

Se le informazioni sono ora corrette, dovreste essere in grado di utilizzare normalmente il vostro sito web di nuovo.

Causa 2: banca dati difettosa

Un errore potrebbe essersi insinuato nel vostro database.

SoluzioneWordPress può eventualmente riparare il database automaticamente. Per farlo, chiamate DEINEURL.de/wp-admin. Se vedete qui che il vostro database può essere riparato, aggiungete "/* Questo è tutto, smettete di modificare! Buon blogging. */" la seguente riga nel WP-Config:

definire('WP_ALLOW_REPAIR',true);

Chiamate quindi DEINEURL.de/wp-admin/maint/repair.php.

Se questo risolve i vostri problemi, non dimenticate di rimuovere la linea da wp-config.php.

Causa 3: Problemi con il vostro hoster

In determinate circostanze, il server SQL è inattivo e non è disponibile. È anche possibile che sia stata raggiunta una dimensione massima del database. Oppure le risorse del vostro fornitore di hosting sono esaurite.

Purtroppo, questo è spesso il caso di SharedHosting . Se un sito utilizza molte risorse, questo naturalmente a spese del vostro sito. Per questo motivo, si consiglia sempre di utilizzare unaWordPress Alte prestazioniHostingper evitare tali sovraccarichi.

SoluzioneContattate il vostro fornitore di hosting o controllate la loro pagina di stato (se disponibile) per vedere se ci sono attualmente problemi con il server. Se necessario, controllare il carico della CPU del provider e se il carico è troppo elevato, passare ad un altro server. Se questo non aiuta, si dovrebbe considerare la possibilità di passare ad un altro fornitore di hosting.

Conclusione

Tutti WordPress -L'utente conosce il tocco del panico quando ci si siede improvvisamente davanti a uno schermo bianco o non si entra in WordPress -Backend può effettuare il login. L'importante è mantenere il sangue freddo, andare a fondo della causa in modo sistematico e poi lavorare con i passi appropriati per risolvere il problema. Spero che questo articolo vi aiuti in futuro ad analizzare e correggere queste tipiche WordPress -errore può sostenere.

Quale WordPress -problema ha dovuto affrontare di più finora? Lasciatemi il vostro feedback nei commenti.

Articoli correlati

Commenti su questo articolo

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con * marcato.