Esiste un internet sostenibile? Quanto è "verde" WordPress ?

Michael Firnkes Ultimo aggiornamento 01.12.2020
7 Min.
Internet verde
Ultimo aggiornamento 01.12.2020

Nessuna azienda online può evitare il tema della sostenibilità in questo momento. Anche noi di RAIDBOXES ci siamo preoccupati dell'hosting verde fin dall'inizio. Perché "internet", WordPress così come WordPress Hosting consuma molta energia. Quanto può essere ecologico il web? E gli approcci sostenibili sono autentici? Una panoramica della discussione attuale.

Cosa c'entra WordPress con il clima?

Simon Kraft aka @krafit è un veterano della scena di lingua tedesca WordPress . Nel suo blog si occupa intensamente della combinazione WordPress & sostenibilità. Parla anche regolarmente sull'argomento ai WordCamps e WP MeetUps. Al WordCamp Stuttgart 2019, ci sarà un'area tematica separata su "Sostenibilità e performance".

Simon scrive nel suo post:

"Le operazioni su Internet rappresentano già quasi il 10% del consumo energetico globale annuale. Entro il 2030, questa cifra dovrebbe salire a più del 20%".

Attualmente, circa il 34% di tutti i siti web nel mondo sono gestiti con WordPress . In termini concreti, questo significa che il rendimento di WordPress è uno dei fattori che determineranno il futuro del nostro pianeta.

"Abbiamo bisogno di contrastare una tendenza di siti web sempre più complessi e sovraccarichi ... Abbiamo già tutti gli strumenti per siti web rispettosi del clima nelle nostre mani. Dobbiamo solo essere finalmente coerenti nell'usarli".

Con queste parole, Simon ci prende tutti in giro. In WordPress , il web e il clima, elenca misure concrete:

  • Rimuovi le zavorre inutili dal tuo sito web. Soprattutto quelle aree che inviano molti dati attraverso il web. Per esempio, le mappe di Google Maps. O integrazioni di social media che si collegano alle reti con ogni visualizzazione della pagina.
  • Le gallerie di immagini e le immagini sovradimensionate dei post sono davvero necessarie? Per esempio, quando abbiamo pubblicato il nostro ultimo articolo sul SEO, ho trasformato ampie .gif in immagini fisse molto più snelle. Spiegano l'argomento altrettanto bene tecnicamente, minimizzando il tempo di caricamento. L'immagine del post per questo testo è anche deliberatamente un jpg di qualità molto bassa.
  • Pulisci il tuo Plugins . Questo nonsolo rende WordPress più sicuro, ma aumenta anche la velocità in molti casi.
  • Sviluppi Plugins e Themes? Allora Simon ha alcuni consigli speciali per te. Semplificare il codice, aggiornare le vecchie librerie di codice o rimuoverle. Ogni byte che non viene trasferito risparmia risorse.

Gli sviluppatori di WordPress , in particolare, possono avere un impatto molto maggiore di quanto si rendano conto. Perché il loro codice sorgente è usato su un gran numero di siti web. Il traffico totale che risulta da uno sviluppo mal concepito è così moltiplicato!

Gestisci il tuo sito web o un negozio online con WooCommerce? Allora anche tu puoi dare un contributo importante. Vedi i nostri contributi

Su websitecarbon.com puoi stimare approssimativamente le emissioni di CO₂ del tuo sito web. Elenchiamo altri strumenti nel nostro articolo sull'hosting verde.

Suggerimento: Simon Kraft è ancora alla ricerca di compagni d'armi per rendere WordPress più sostenibile. A questo scopo ha lanciato wpforfuture.org. Il sito non è ancora attivo. Ma potete iscrivervi alla newsletter e sarete informati sul lancio.

websitecarbon
Il sito websitecarbon.com

Surf sostenibile

Ciò di cui siamo raramente consapevoli quando si tratta di sostenibilità è che il nostro comportamento di "navigazione" ha una grande influenza sull'aspetto della nostra impronta di carbonio personale. Farneticare sui SUV, mettere alla gogna i viaggi aerei e allo stesso tempo trasmettere in streaming ogni serie concepibile su Netflix & Co. Questo si adatta solo in misura molto limitata.

Se volete davvero impegnarvi per la protezione del clima, allora dovreste mettere alla prova i seguenti punti, tra gli altri:

  • Ho davvero bisogno di caricare ogni file, foto e backup sul cloud?
  • Per quanto tempo devono essere presenti i file? Cancello regolarmente i vecchi set di dati?
  • In quali casi è sufficiente un backup locale, quello classico su USB o su un disco rigido esterno?
  • Quanto spesso utilizzo formati come lo streaming dal vivo o giochi ad alta intensità di dati?
  • È possibile disattivare certe funzioni che aumentano il traffico ma di cui posso fare a meno?
  • Cosa sto scaricando su Amazon Prime Video, iTunes, Google Play, Spotify o Netflix e servizi simili senza mai effettivamente guardarlo o ascoltarlo?
  • Ci sono materiali in ufficio che continuo a scaricare? Posso salvarli localmente?

Anche il tuo comportamento di utente nelle reti sociali gioca un ruolo. Ho davvero bisogno di ricaricare la mia timeline su Facebook, Twitter, Instagram & Co. ogni 5 minuti? Devo lasciare l'autoplay di YouTube in esecuzione in background? Anche se i singoli compiti consumano solo una piccola quantità di volume di dati: In totale - e visto su tutti gli utenti - si accumula rapidamente un carico di dati gigantesco.

Ricerca verde come alternativa a Google

Il motore di ricerca Ecosia ha un approccio diverso. È tecnicamente basato su Bing di Microsoft. La differenza è che i profitti sono utilizzati per sostenere progetti di riforestazione. Simile a RAIDBOXES. Per ogni pagina WordPress che ospiti con noi, piantiamo un albero per te. Ne parleremo più tardi.

Ecosia ha sede a Berlino. L'azienda promette i seguenti punti chiave sulla sostenibilità:

  • Trasparenza: Il motore di ricerca pubblica rapporti mensili. In esso, si può vedere quanto denaro è stato raccolto e quale percentuale delle entrate va ai progetti degli alberi.
  • CO2-neutrale: Attraverso vari progetti, Ecosia non solo è neutrale per il clima, ma anche positivo per il clima. Anche Google si sforza di utilizzare energie rinnovabili, ma ammette che c'è ancora spazio per migliorare.
  • Privacy: Ecosia sostiene di proteggere la privacy. Per esempio, le query di ricerca non vengono memorizzate in modo permanente o i dati non vengono trasmessi agli inserzionisti. Indirettamente, questo riduce anche il consumo di energia.

Con la campagna della foglia verde, il progetto fa un passo avanti. I risultati della ricerca di aziende e iniziative sostenibili sono evidenziati con un simbolo corrispondente:

Motore di ricerca Ecosia
I risultati della ricerca "verde" su Ecosia

Il motore di ricerca lavora insieme alle etichette ecologiche come Hilfswerft o natrue.org. Le alternative a Google godono ancora di un'esistenza assolutamente di nicchia. Ma le prime discussioni sul potere di mercato dei giganti di Internet sono già qui.

Suggerimento: Maria Steinberg elenca altri modi digitali per piantare alberi sul suo blog.

Misure per i negozi online

Il t3n lo vede in un recente articolo per i rivenditori online abbastanza pragmatico:

Ignorare il cambiamento climatico sarà costoso. Ecco perché i rivenditori devono diventare climaticamente neutrali.

L'autore vede una "responsabilità verso le generazioni future". Ma altrettanto una responsabilità "dal punto di vista delle PR". Questo è un modo di vedere la cosa. Se aiuta davvero l'ambiente...

Usi WordPress o WooCommerce per gestire un negozio online? Allora la guida t3n è sicuramente eccitante per te. Tra le altre cose, tratta i seguenti argomenti:

  • Cosa possono fare i negozianti per diventare neutrali per il clima? Proprio come Amazon si già una mano di vernice verde.
  • La compensazione delle emissioni è solo una soluzione provvisoria?
  • Quando può nascere l'accusa giustificata di greenwashing?
  • Quali consigli sono disponibili sulla sostenibilità e la protezione del clima?
  • In quali aree specifiche si può risparmiare Co2? Per esempio, nell'acquisto di elettricità verde, nelle spedizioni o nel parco veicoli.

Non devi sempre reinventare la ruota se vuoi che il tuo negozio online sia più ecologico. Abbiamo raccolto per voi interessanti articoli sul tema "negozi online verdi". Si può trarre grande ispirazione dai webshop menzionati in essi:

Shopping sostenibile
L'Avocadostore di Amburgo è considerato un esempio di negozi online verdi

WordPress hosting: RAIDBOXES e protezione del clima

L'hosting web consuma energia. Questo non riguarda solo i server stessi, sui quali il vostro WordPress o WooCommerce progetto si trova. Anche l'infrastruttura di un centro dati ha bisogno di molte risorse. Come fornitore di hosting, abbiamo anche bisogno di elettricità per il nostro ufficio, per il marketing e per i viaggi dei nostri dipendenti, tra le altre cose. Per esempio, ai WordCamps.

Volete offrire ai vostri clienti un portale particolarmente veloce? Questo è comprensibile. Ma poi si usa un web hosting ad alte prestazioni che consuma più energia. In cambio, caratteristiche come il caching lato server assicurano che il carico di dati sia ridotto.

L'hosting verde non può rendere obsoleta l'energia richiesta. Ma può fornire un equilibrio. In linea di principio, ci sono tre opzioni per farlo:

  1. Assicurarsi che l'elettricità utilizzata provenga dalle fonti più "pulite" possibili.
  2. Sostenere progetti che riducono al minimo le emissioni di CO2
  3. Una filosofia aziendale generalmente sostenibile

Su RAIDBOXES , usiamo tutte e tre le opzioni per il nostro hosting verde. Perché vogliamo fare di più per il bene comune, passo dopo passo. Con i nostri programmi di rinaturalizzazione, non solo lavoriamo a impatto zero sul clima, ma addirittura a favore del clima:

  • Sosteniamo i progetti di riforestazione Eden (Eden in breve). L'organizzazione no-profit lavora in regioni che stanno soffrendo particolarmente il cambiamento climatico e la deforestazione globale. Con l'aiuto dei nostri clienti, siamo stati in grado di piantare oltre 13.000 alberi finora.
  • RAIDBOXES usa il 100% di elettricità dall'energia idroelettrica. Siamo consapevoli che non tutta l'elettricità verde è uguale. Ecco perché prestiamo attenzione a condizioni quadro eque con i nostri partner energetici.
  • Oltre a compensare un hosting verde WordPress , stiamo gradualmente implementando una filosofia aziendale che si concentra sulla sostenibilità in tutte le aree.
  • Si tratta, per esempio, di punti come la nostra visione sul tema dell'open source e delle pari opportunità, il concetto di olocrazia, prodotti e materiali ecologici per il nostro ufficio o il supporto dell'home office e del lavoro a distanza.

Volete anche affidarvi a un web hosting positivo per il clima? E utilizzare i vantaggi dell'hosting gestito per WordPress o WooCommerce ? Allora dai un'occhiata al nostro hosting WordPress positivo per il clima.

Suggerimento: Come agenzia hai ancora più influenza: Sviluppa i tuoi progetti gratuitamente, raccomanda il nostro WordPress Green Hosting, guadagna le migliori commissioni e fai piantare alberi per questo. Vedi il nostro programma di affiliazioneFREE DEV .

Puoi scoprire di più sulla nostra campagna "Plant, Prevent, Protect" in questo video:

YouTube

Caricando il video, accetti l'informativa sulla privacy di YouTube.
Per saperne di più 

Carica il video

PGlmcmFtZSBsb2FkaW5nPSJsYp5IiBzcmM9Imh0dHBzOi8vd3d3LnlvdXR1YmUtbm9jb29raWuY29tL2VtYmVkL05HYzRtWEtoRW1jIiBhbGxvd2Z1bGxzY3JlZW49ImFsbG93ZnVsbHNjcmVlbiIgd2lkdGg9IjY0MCIgaGVpZ2h0PSIzNjAiIGZyYW1lYm9yZGVyPSIwIj48L2lmcmFtZT4=

Nei suoi progetti, Eden si affida agli abitanti locali o ai lavoratori che vengono pagati con le donazioni. Questo è un altro motivo per cui abbiamo scelto questo partner. L'organizzazione contribuisce attivamente alla lotta contro la povertà. E per noi, questo è un must assoluto quando si guarda alla questione della sostenibilità.

Quanto è "verde" il tuo comportamento in rete? Avete domande o altri consigli? Sentitevi liberi di usare la funzione di commento. Vuoi altre notizie su WordPress e sulla sostenibilità? Allora seguici su Twitter, Facebook o tramite la nostra newsletter.

Foto segnalata: Becca Lavin

Michael è responsabile dei contenuti e della salute mentale su RAIDBOXES . È attivo nella comunità di blogging e WordPress dal 2007. Tra le altre cose, come co-organizzatore di eventi WordPress , autore di libri e formatore di blog aziendali. Ama incredibilmente il blogging, sia professionalmente che personalmente. Michael lavora e scrive a distanza dalla soleggiata Friburgo.

Articoli correlati

Commenti su questo articolo

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *.