iOS 14 privacy: quali sono le restrizioni ora per gli inserzionisti di Facebook?

Sven Scheuerle Ultimo aggiornamento 30.04.2021
8 Min.
iOS 14 e conseguenze per gli annunci su Facebook
Ultimo aggiornamento 30.04.2021

Con il lancio ufficiale di Apple di iOS 14 alla fine del 2020 (nel frattempo già disponibile nella versione iOS 14.5 ), gli inserzionisti sono stati drasticamente limitati. Tuttavia, se ci si occupa intensamente dell'argomento, tutto è in realtà la metà del male. Ciononostante, Apple ha ovviamente fatto un enorme passo avanti nella direzione della protezione dei dati qui. Nel post di oggi, vorrei dare uno sguardo più da vicino all'intera questione. 

Anche se in questo articolo stiamo parlando solo delle restrizioni di Facebook, l'aggiornamento iOS 14 di Apple colpisce anche altri portali di social media come Pinterest, LinkedIn o TikTok. Così, in futuro, gli inserzionisti dovranno convivere con severe restrizioni quando si tratta di targeting, rapporti o tracking. 

Cercherò di spiegarvi tutti i cambiamenti importanti in questo articolo, in modo che anche voi sappiate come procedere dall'aggiornamento di iOS 14 e quali sono le limitazioni da allora. 

La privacy di iOS 14 contro le campagne pubblicitarie di Facebook

Come Apple ha già annunciato l'anno scorso, iOS 14 è dotato di alcuni cambiamenti che aumentano significativamente la privacy degli utenti e limitano il tracciamento degli annunci. Questo è il cosiddetto"App Tracking Transparency Framework" (ATT in breve). Con l'aggiornamento a iOS 14, agli utenti Apple verrà chiesto tramite un opt-in di tracciamento se vogliono accettare o meno il tracciamento. L'introduzione del tracking opt-in riguarda tutte le app che sono elencate nell'App Store. 

Fondamentalmente, si può immaginare questo opt-in di tracciamento da parte di Apple come una sorta di banner Cookie , che ora si può trovare su tutti i siti web. Gli utenti possono decidere prima di usare l'app se e quanti cookie vogliono permettere e naturalmente quali dati possono essere tracciati e inoltrati a Facebook tramite il Pixel di Facebook, per esempio.

iOS 14 nuova politica sulla privacy
(Immagine: Apple)

Per gli inserzionisti, questo significa che senza un consenso attivo all'opt-in di tracciamento, solo l'evento di massima priorità sarà tracciato. Se un utente acconsente al tracciamento, l'inserzionista deve ancora far fronte a severe restrizioni che riguardano il targeting e la consegna, il tracciamento e l'ottimizzazione, l'attribuzione e il reporting, tra le altre cose.

Come sei limitato come inserzionista?

Per aiutarvi a capire come i cambiamenti con la nuova politica sulla privacy di iOS 14 influenzano Facebook, di seguito è riportata una panoramica delle tre aree più importanti quando si tratta di campagne pubblicitarie di Facebook. Inoltre, non importa se stai usando il Pixel di Facebook o l'API di conversione lato server. Con entrambe le fonti, tu come inserzionista dovrai vivere con delle restrizioni in futuro. 

Prima di tutto, tutte le Custom Audiences che sono misurate sulla base degli strumenti di Facebook, come le interazioni, possono ancora essere completamente misurate e riportate da Facebook. 

Monitoraggio e ottimizzazione

Nel monitoraggio e nell'ottimizzazione, gli eventi di conversione sono ora limitati a otto. Ciò significa: con un opt-in, cioè il consenso al tracciamento, si possono tracciare fino a otto eventi per dominio. 

Se si sceglie di non partecipare, cioè di rifiutare il tracciamento, solo l'evento a più alta priorità viene tracciato. Puoi determinare tu stesso quale evento è questo nelle impostazioni dell'evento di Facebook o dell'ad manager - ma solo dopo aver verificato il tuo dominio. Importante per gli eventi di conversione nell'e-commerce: "Value Optimization" occupa già quattro degli otto eventi possibili. 

I più importanti a colpo d'occhio: 

  • Massimo 8 eventi di conversione per dominio
  • Con l'opt-out solo l'evento a più alta priorità viene tracciato
  • Gli eventi possono essere impostati solo con la verifica del dominio
  • L'ottimizzazione del valore prende 4 eventi su 8

Rapporti e attribuzione

La finestra di attribuzione in Facebook poteva essere precedentemente impostata su 1 giorno, 7 giorni o 28 giorni. Questo significa che se un utente ha cliccato sull'annuncio uno, sette o 28 giorni fa e ha comprato qualcosa, per esempio, questa conversione era ancora tracciata e poteva essere rintracciata nel reporting in qualsiasi momento. 

Con l'aggiornamento iOS 14 di Apple, Facebook ha fatto anche qui importanti cambiamenti. Per esempio, la finestra di attribuzione può ora essere impostata solo su un massimo di sette giorni dopo il clic e le conversioni sono ora riportate esattamente nel giorno. Inoltre, gli inserzionisti non sono più in grado di "scomporre le conversioni" per sesso, età, regione o posizionamento nel reporting. 

I più importanti a colpo d'occhio: 

  • Finestra di attribuzione solo 7 giorni dopo il clic
  • Le conversioni sono riportate accuratamente su base giornaliera
  • Ripartizione per sesso, età, posizione, ecc. non applicabile.

Targeting e consegna

Il tracking opt-in di Apple porta alcune perdite per gli inserzionisti, che influenzano anche il targeting e la consegna degli annunci. Il targeting (remarketing / retargeting) sarà significativamente peggiore, poiché Facebook avrà meno dati sugli utenti a sua disposizione. 

Anche i numeri misurati in precedenza per gli eventi diminuiranno significativamente, poiché solo l'evento con la priorità più alta alimenta i dati a Facebook. E, ultimo ma non meno importante, le Custom Audiences si ridurranno a causa della mancanza di dati, il che rende la consegna al giusto gruppo target meno accurata.

Gli annunci dinamici rimangono in gran parte inalterati. Tuttavia, i domini di un catalogo dovrebbero essere verificati e si dovrebbe fare in modo che solo un pixel sia usato per catalogo per sfruttare al meglio gli eventi di conversione. 

I più importanti a colpo d'occhio: 

  • I gruppi target (Custom Audience) per il targeting diventano più piccoli
  • Le consegne ai gruppi target diventano imprecise
  • Non tutti gli eventi forniscono dati
  • Gli annunci dinamici rimangono inalterati

Cosa fare ora? 

Sulla scia dell'aggiornamento iOS 14 di Apple, ci sono alcune cose che dovresti fare come inserzionista in Facebook Business Manager e Ad Manager. Questi includono assicurarsi che il tuo dominio sia verificato, selezionare o dare priorità ai tuoi eventi, calcolare la varianza attraverso la nuova finestra di attribuzione, esportare i tuoi dati storici e controllare le tue regole automatiche. 

Verificare il dominio

Affinché tu, come inserzionista, ti assicuri di poter regolare facilmente gli eventi di conversione in futuro e ottimizzarli per gli otto eventi disponibili, devi verificare il tuo dominio nel Business Manager. Verificando il dominio, Facebook si assicura che tu sia il proprietario effettivo. 

Ci sono solo pochi passi necessari per verificare il tuo dominio. Dovete procedere come segue: 

Primo passo:

Chiama il Business Manager

Secondo passo:

Cliccare nella sezione Company Settings. 

iOS 14 privacy: quali sono le restrizioni ora per gli inserzionisti di Facebook?

Terzo passo:

Clicca su "Domini" nel menu "Sicurezza del marchio" e clicca sul pulsante "Aggiungi". 

iOS 14 privacy: quali sono le restrizioni ora per gli inserzionisti di Facebook?

Quarto passo:

Dopo aver cliccato sul pulsante "Add" devi inserire il dominio che vuoi verificare nel primo passo. 

iOS 14 privacy: quali sono le restrizioni ora per gli inserzionisti di Facebook?

In seguito, clicca sul pulsante "Aggiungi dominio". 

Hai un totale di tre opzioni per verificare il tuo dominio: 

Verifica dei meta tag: devi copiare il tag e incollarlo in una sezione HTML del tuo sito (header). 

iOS 14 privacy: quali sono le restrizioni ora per gli inserzionisti di Facebook?

Caricamento di file HTML: Devi scaricare il file disponibile e caricarlo sul tuo server (FTP / directory principale). E poi vai all'URL dato da Facebook.

iOS 14 privacy: quali sono le restrizioni ora per gli inserzionisti di Facebook?

Verifica DNS: Per questo è necessario accedere alle impostazioni DNS del vostro dominio. Di solito puoi trovare le impostazioni per questo presso il registrar dove hai registrato il tuo dominio. 

iOS 14 privacy: quali sono le restrizioni ora per gli inserzionisti di Facebook?

Il metodo di verifica più facile e veloce a mio parere è l'opzione 1: verifica dei meta tag. 

Per farlo, accedi a WordPress e installa, per esempio, il Plugin "Insert Header and Footer Code". Dopo aver installato e attivato Plugin , vai alle impostazioni di Plugin e inserisci il meta tag.

iOS 14 privacy: quali sono le restrizioni ora per gli inserzionisti di Facebook?

Una volta salvate le impostazioni di Plugin , torna al Business Manager e clicca sul pulsante "Verifica". Se la verifica del tuo dominio ha avuto successo, vedrai il seguente messaggio:

iOS 14 privacy: quali sono le restrizioni ora per gli inserzionisti di Facebook?

Selezione e priorità degli eventi di conversione

Come già menzionato più volte, da ora in poi o con l'introduzione di iOS 14, avete un totale di otto eventi di conversione tra cui scegliere nel gestore degli eventi, che dovreste definire e dare priorità. 

È possibile impostare gli eventi in pochi passi:

Primo passo:

Richiama il gestore degli eventi. 

Secondo passo: 

Clicca qui su "Misura degli eventi aggregati" e poi sul pulsante "Configura eventi web":

iOS 14 privacy: quali sono le restrizioni ora per gli inserzionisti di Facebook?

Terzo passo: 

Ora seleziona il dominio che hai verificato e clicca su "Modifica eventi". 

iOS 14 privacy: quali sono le restrizioni ora per gli inserzionisti di Facebook?

Quarto passo: 

Ora crea il tuo set di eventi, cioè definisci 8 eventi di conversione per il tuo dominio / pixel e dai loro priorità. Per applicare le impostazioni, clicca sul pulsante "Invia".

iOS 14 privacy: quali sono le restrizioni ora per gli inserzionisti di Facebook?

Naturalmente potete cambiare queste impostazioni in qualsiasi momento. 

Calcolare la deviazione della finestra di attribuzione

Per valutare meglio la varianza e la performance degli annunci delle tue campagne dopo l'aggiornamento di iOS 14, dovresti calcolare la varianza con la rimozione della finestra di attribuzione di 28 giorni e la nuova finestra di attribuzione di 7 giorni. 

Il prerequisito è, naturalmente, che tu abbia già eseguito campagne in passato. Per il calcolo è necessario accedere ai dati storici, cioè i dati delle campagne passate. 

Un foglio molto utile per calcolare e inserire i tuoi dati può essere trovato qui. Potete semplicemente copiare il foglio di Google e poi riempirlo con i vostri dati. 

iOS 14 privacy: quali sono le restrizioni ora per gli inserzionisti di Facebook?
(Fonte: adsventure.com)

A proposito, puoi esportare i tuoi dati storici direttamente tramite la vista Reporting. Per fare questo, create un rapporto in anticipo e selezionate il periodo di tempo massimo disponibile per salvare più dati possibili. 

iOS 14 privacy: quali sono le restrizioni ora per gli inserzionisti di Facebook?

Regole automatiche

Affinché non ci siano problemi in futuro quando si utilizzano regole automatiche già create e non si ricevano dati errati, si dovrebbe anche passare alla finestra di attribuzione di 7 giorni all'interno delle regole automatiche nel gestore degli annunci. 

Conclusione

Con l'aggiornamento iOS 14, Apple ha inviato un chiaro segnale nella direzione della protezione dei dati. È chiaro che gli inserzionisti ora devono lavorare con molti meno dati e pensare a nuove strategie per ottenere i migliori risultati possibili. 

Anche se le limitazioni sono significative, dovremmo vedere i cambiamenti come un'opportunità. Perché nonostante questo fatto, Facebook offre ancora abbastanza strumenti per essere in grado di eseguire campagne pubblicitarie di successo. Per poterne fare pieno uso, dovreste assolutamente implementare le misure menzionate sopra. 

Presumibilmente, si presterà sempre più attenzione alla protezione dei dati in futuro, per cui possiamo aspettarci molti altri aggiustamenti in questo settore nei prossimi anni. 

Ci sono altre domande?

Avete altre domande o input sulla privacy di iOS 14? Ci piacerebbe sentire i vostri commenti! Sei interessato a WordPress , web design, marketing online e altro? Poi segui RAIDBOXES su Twitter, Facebook, LinkedIn o tramite la nostra newsletter.

Libero professionista e affiliato marketing per passione, è attivo nel marketing online da molti anni. Inoltre, è un blogger e scrive regolarmente sul suo blog BLOGGGiraffe.de, sul lavoro autonomo nel business online e dà ai suoi lettori consigli e suggerimenti.

Articoli correlati

Commenti su questo articolo

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *.