OttimizzareWooCommerce

OttimizzareWooCommerce : Più vendite e conversione nel negozio online

Ci sono diverse leve che puoi usare per ottimizzare WooCommerce . Dalla giusta strategia di crescita alla misurazione del successo orientata all'obiettivo e all'aumento delle prestazioni. È così che il tuo negozio online ha più successo.

La nostra intervista con l'esperto di eCommerce Franz Sauerstein ci svela i consigli, gli strumenti e i metodi più importanti. Ogni giorno aiuta le aziende a ottimizzare il loro negozio WooCommerce.

Franz, quali sono secondo te gli approcci più importanti per ottimizzare WooCommerce? Come possono i negozianti migliorare la loro conversione anche senza un notevole sforzo?

Ottimizzare può significare molte cose, ma per i nostri clienti si tratta di aumentare il margine prima delle spese generali e del profitto. Entrambi possono essere migliorati riducendo i costi, ma spendere meno di niente non è un'opzione 🙂 Ecco perché, dopo aver discusso i possibili risparmi sui costi, ci concentriamo sull'aumento delle vendite.

Per aumentare le vendite in un negozio WooCommerce ci sono solo tre leve. O aumenta:

  1. Il numero totale di clienti o
  2. Il fatturato per ordine o
  3. Gli ordini per cliente

Per una crescita rapida e di successo di un negozio, è necessario sapere esattamente quale di queste tre leve realizzerà il maggior margine aggiuntivo (o profitto). E quale sforzo è necessario per l'implementazione.

Un esempio: un negozio con 1000 clienti, 50 euro di fatturato per ordine e nessun cliente regolare fa 50.000 euro di fatturato. I costi di marketing sono del 14%, i costi di acquisto, gestione e spedizione sono del 43%. Se questo negozio si concentra sull'acquisizione di nuovi clienti e lo aumenta del 30%, allora anche il margine e il profitto aumenteranno del 30%.

Leva: vendite per ordine e clienti regolari

Ma se il negozio si concentra su più vendite per ordine (aumento del 30 per cento), allora il margine aumenta del 49 per cento, il profitto addirittura del 94 per cento. Se il negozio trova il modo di trasformare i clienti in clienti regolari (calcoliamo di nuovo con il 30%), allora il margine aumenta del 57%, il profitto anche del 120%.

"Più vendite per ordine e nuovi clienti abituali aumentano il profitto in modo più evidente rispetto all'acquisizione di nuovi clienti".

Puoi facilmente guidare questa analisi da solo guardando la tua analisi operativa per gli ultimi 12 mesi ed esaminando quei dati con un'analisi di scenario in Excel. Per saperne di più sui retroscena e un calcolatore pronto all'uso, date un'occhiata al mio post Leve di crescita nell'eCommerce. O qui come video su YouTube:

Una volta che il potenziale delle singole leve è noto, il passo successivo è quello di stimare lo sforzo necessario per implementarle. Un buon indicatore è sempre quando non sono stati fatti sforzi per implementare la massima leva possibile. Per esempio, l'acquisizione di clienti regolari. Allora si applica il principio di Pareto. Se invece "tutto" è già stato provato per tirare una leva, si dovrebbe scambiare idee con altri gestori di negozi e cercare insieme altre possibilità. O ottenere un'ora o due di aiuto da un esperto di eCommerce marketing.

Molto probabilmente troverai la possibilità di tirare una leva quando parlerai con colleghi o esperti. Poi dovrai testarli uno dopo l'altro. Quando le possibilità sono esaurite, si guarda alla leva successiva. Ripeti l'intero processo ogni trimestre per tirare sempre la leva più lunga.

Vedo continuamente che pochi imprenditori online misurano costantemente il loro successo. Quali metriche di successo dovrebbero monitorare regolarmente? E quali conclusioni si possono trarre da questo?

Ogni persona definisce il proprio successo personale. Chiunque apra un negozio online vuole ottenere un profitto a lungo termine. Ad esempio, se i profitti devono essere distribuiti ai dipendenti, ai clienti o alla società. Nel breve e medio termine, tuttavia, il margine può anche essere la cifra più importante per il successo, ad esempio se il negozio deve crescere più rapidamente. Naturalmente: con un margine più alto, puoi investire di più nella crescita nella fase successiva.

Nota

Il profitto consiste nel margine meno le spese generali. Quindi, quando parliamo di margine, intendiamo il margine dell'azienda prima delle spese generali, noto anche come margine di contribuzione.

Ciò significa che abbiamo già tre numeri che dovrebbero essere misurati di continuo: Margine prima delle spese, delle spese generali e del profitto. Il margine viene dalle vendite, meno il

  • Costi del prodotto
  • Il costo di gestione e spedizione
  • Il costo del marketing

Anche queste cifre dovrebbero essere misurate costantemente. Il fatturato stesso è costituito dai tre componenti menzionati sopra: Il numero totale di clienti, le vendite per ordine e il numero di ordini per cliente.

Per misurare il successo serve un obiettivo

Se si misurano queste cifre su base mensile e si riconoscono le loro tendenze, si gettano le basi per il proprio successo. Oltre a queste cifre chiave assolute, potete anche ricavare i seguenti valori secondo necessità:

  • Il margine di contribuzione per cliente nell'arco della vita (lifetime value)
  • Cifre chiave relative, come i costi di marketing per l'acquisizione di un cliente
  • La relazione tra i costi di marketing e il valore della vita o
  • Il periodo di ammortamento per cliente generato

Ulteriori valutazioni possono essere aggiunte se necessario. Per esempio, se hai scoperto che il focus del marketing dovrebbe essere sulla generazione di nuovi clienti, allora vale la pena dare un'occhiata da vicino ai numeri di utenti del webshop e al tuo tasso di conversione eCommerce. Se una strategia di qualificazione è costruita o ottimizzata tramite l'email marketing, devono essere analizzati anche i tassi di opt-in dei lead e i tassi di conversione delle email all'acquisto.

Queste metriche granulari devono sempre essere legate a uno scopo. Il motto "raccoglili perché puoi" è una perdita di tempo.

Suggerimento

Di quanto tempo hai bisogno ogni mese per generare i rapporti descritti? Dovresti registrarlo. Se usi Google Sheets, puoi poi decidere, per esempio, che l'automazione tramite Zapier sarebbe più efficiente. O l'outsourcing a un assistente virtuale.

Che ruolo ha davvero la performance di WooCommerce? Google punisce davvero i portali più lenti? E cosa consigliate ai tuoi clienti per ottenere una PageSpeed più veloce?

Un negozio web veloce è naturalmente più divertente per il cliente di uno lento - l'esperienza è semplicemente migliore. A chi piace aspettare? Mi piace usare lo strumento Pingdom per misurare la velocità di caricamento; dovrebbe essere migliore di 2 secondi.

Strumento Pingdom
Lo strumento di misurazione delle prestazioni Pingdom

I portali lenti vengono penalizzati da Google, ma il fattore di ranking pagespeed entra in gioco solo quando due risultati di ricerca lottano per lo stesso posto nell'elenco dei risultati perché entrambi sono ugualmente "buoni" agli occhi di Google. L'ottimizzazione della velocità delle pagine va quindi presa sul serio, ma non devi lasciare che ti faccia impazzire.

Google Lighthouse e PageSpeed Insights in particolare giocano nella classe superiore quando si tratta di "far impazzire la gente". In parte, vengono testati aspetti della velocità di caricamento di un negozio che non hanno senso. Oppure gli strumenti suggeriscono misure che non sono nemmeno implementabili con i moderni sistemi di gestione dei contenuti come WordPress , WooCommerce, Shopify & Co.

Non tutte le misure hanno senso

Ad esempio, Google suggerisce di utilizzare il formato immagine WebP. Ma Chrome non lo supporta ancora. Il test si lamenta anche se si utilizzano le reti di consegna dei contenuti (CDN), perché le richieste vengono instradate attraverso un server aggiuntivo. Questo nonostante un CDN acceleri la riproduzione dei negozi internazionali in qualsiasi punto del mondo.

Ma come si fa a rendere i webshop e WooCommerce più veloci? In poche parole, la velocità dipende dalla dimensione della pagina e dal numero di richieste che il browser fa al server. Più la pagina è piccola e meno richieste vengono fatte, più la pagina si carica velocemente.

La dimensione della pagina e il numero di richieste possono essere letti tramite Pingdom Tools o Chrome Developer Tools. Entrambi gli strumenti forniscono anche grafici a cascata per visualizzare rapidamente quali carichi richiedono quanto tempo.

Possibilità di ottimizzazione

Con questa conoscenza, si dovrebbe quindi:

  1. Comprimi le immagini e regolane la visualizzazione
  2. Abilita il caricamento pigro
  3. Usa la cache
  4. Tenere aggiornati tutti i siti Themes, Plugins e WordPress
  5. Disattivare ed eliminare i plug-in che non sono necessari - o sostituirli con alternative migliori
  6. Evitare o ricaricare gli slider e i video nell'area dell'intestazione del negozio
  7. Carica gli script solo nelle pagine in cui sono necessari
  8. Comprimi i file JavaScript e CSS
  9. Carica gli script non critici solo alla fine della costruzione della pagina
  10. Aggiorna la versione di PHP
  11. Correggi gli errori del server, i link non funzionanti e gli errori JavaScript

Lo facciamo regolarmente: siamo riusciti a ridurre il tempo di caricamento del portale Stixxie.de da 15,1 secondi a 1,1 secondi.

Riduci i tempi di ricarica
Riduzione significativa dei tempi di caricamento su Stixxie.de

Ogni negozio online ha bisogno di una proposta di vendita unica, una nicchia. Cosa può essere se vendi prodotti molto generici? Hai qualche esempio da darci?

No, seriamente, unique selling proposition non è la stessa cosa di nicchia! Una nicchia è tipicamente definita come un gruppo (demografico) di persone: Proprietari di gatti single, agenti immobiliari, giovani madri, amanti dell'auto... Il problema è: anche all'interno di queste nicchie, le persone sono estremamente diverse! I veri gruppi di persone si formano, tuttavia, quando le persone condividono opinioni e visioni del mondo simili.

Una proposta di vendita unica è la distillazione della comprensione dei problemi e delle soluzioni del cliente - così come della sua situazione attuale. Aggiungete la conoscenza della concorrenza, delle loro offerte e di come differiscono dalla vostra offerta. Infine, ma non meno importante, decidete per quale aspetto della vostra offerta volete essere conosciuti.

Proposta di vendita unica vs. nicchia

La comunicazione di queste parti costituisce la proposta di vendita unica. E le persone si sentono comprese quando questa comunicazione esprime opinioni e visioni del mondo simili. Qui sta anche il segreto per differenziare con successo i prodotti generici: L'azienda, il marchio dell'azienda, deve avere opinioni, esprimerle e viverle.

Un esempio semplificato: il nostro gruppo target ritiene importante la protezione del clima. Ecco perché vendiamo le nostre lavatrici con un'estensione della garanzia, un servizio di riparazione gratuito, un compenso per la produzione e il funzionamento e una consegna senza emissioni di CO2 - se lo desideri, con il ritiro in autonomia su una bici da carico presso il magazzino più vicino.

Il nostro gruppo target crede anche che la protezione del clima debba costare qualcosa. Attraverso questo, possiamo imporre prezzi di vendita più alti - o anche pagamenti in abbonamento. E se il nostro gruppo target è molto attento al sociale, la nostra azienda potrebbe anche considerare di distribuire i profitti ai dipendenti (e anche ai clienti). Questo comportamento può essere sfruttato per raggiungere i nostri potenziali clienti dove sono. E dove parlano con altri con visioni del mondo o sfide simili (online).

Quali vantaggi vedi in generale con WooCommerce, ma anche quali svantaggi?

Il fatto che il software sia gratuito e soprattutto aperto parla per WooCommerce . Questi due fattori hanno creato un grande ecosistema. Themes e Plugins sono abbondanti, l'accesso a sviluppatori capaci è facile e la comunità si aiuta a vicenda. Proprio come nella comunitàWooCommerce Germany su Facebook.

WooCommerce Gruppo Facebook
La comunità di WooCommerce su Facebook

L'apertura del software lo rende completamente modificabile e adattabile a qualsiasi esigenza. L'elevata flessibilità rende WooCommerce una scelta solida per i negozi di qualsiasi settore, per i prodotti di qualsiasi tipo e per tutti gli ambienti legali.

Suggerimento

Anche per i freelance e le agenzie WooCommerce offre numerosi vantaggi, se si considerano alcuni suggerimenti. Vedi il nostro articolo WooCommerce per i freelance o il nostro e-book WooCommerce per i professionisti.

Un altro vantaggio di WooCommerce è la sicurezza e l'innovazione di nuove funzionalità grazie a un ulteriore sviluppo attivo. Tuttavia, questo è anche necessario, perché WooCommerce non è solo popolare tra gli operatori dei negozi, ma anche un bersaglio attraente per gli hacker.

Scelta dei plugin e dell'hosting WordPress

Gli svantaggi di WooCommerce sono i lati negativi dei vantaggi: Per quanto riguarda WooCommerce , il nucleo centrale, non c'è alcuna garanzia di assistenza - dopo tutto, non lo paghi. Allo stesso tempo, l'alto livello di flessibilità e l'ecosistema maturo rendono facile "impantanarsi". Ho visto troppo spesso negozi con 100 plug-in. È problematico quando le prestazioni del negozio e il fatturato risentono di queste azioni.

Se sei alla ricerca di (buone) funzioni aggiuntive, finirete rapidamente con i fornitori premium a pagamento. Il loro Plugins è ancora più economico che assumere uno sviluppatore. Ma spesso devi provare molte alternative diverse Plugin per trovare quella giusta per il tuo negozio.

Questo è dovuto al fatto che non c'è quasi nessuna preselezione di Plugins . Per aggiungere un sistema di prenotazione (camere d'albergo) a WooCommerce , si può scegliere tra il Plugin ufficiale, il Plugin di Tyches Software e altre 4 alternative. Per un profano, la selezione significa un sacco di lavoro duro.

Quali sono le aree più facili da esternalizzare se non hai competenze tecniche? Oppure se il negozio online deve essere gestito insieme al negozio al dettaglio?

Il modello di business dell'eCommerce è composto dalle aree principali di acquisto, logistica, marketing e vendita, tutte supportate da un software. Queste aree fondamentali del modello di business dovrebbero essere gestite internamente, ma i loro compiti secondari possono essere esternalizzati.

Alcuni esempi: Nessun gestore di negozio dovrebbe occuparsi in prima persona di hosting, backup, aggiornamenti, test e ripristino dei dati (in caso di disastro). Queste attività possono essere esternalizzate per 50-150 euro al mese. Oppure puoi optare per un hosting WordPress o per un hosting gestito specializzato in WooCommerce con un buon supporto.

Outsourcing per WooCommerce

La logistica - stoccaggio, spedizione, resi - può essere gestita dai magazzini di Amazon (Amazon FBA). O da startup di logistica come ODC. La pianificazione della spesa non deve più essere fatta su richiesta, a sensazione o con un foglio di calcolo Excel.

Un software come Inventory-Planner lancia automaticamente degli allarmi, fa dei suggerimenti di acquisto e può persino ordinare automaticamente. Anche la maggior parte del lavoro nel marketing e nelle vendite può essere esternalizzato: l'ottimizzazione del sito web, lo sviluppo e l'implementazione di strategie di marketing, il reporting o il lavoro sulle campagne pubblicitarie sono adatti per questo.

Offro sempre ai nostri clienti due opzioni: Il supporto strategico del marketing o l'acquisizione strategico-operativa. Nella prima variante, sviluppiamo la strategia insieme al cliente e sosteniamo l'implementazione e il controllo, nella seconda variante, ci assumiamo completamente.

Ti è piaciuto l'articolo?

Con la tua valutazione ci aiuti a migliorare ancora di più i nostri contenuti. Grazie!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati da *.